Confronto. Rio Espera 34 vs Bavaria Sport 31

[pubb.: 2012-03-27 11:47:16]
Confronto. Rio Espera 34 vs Bavaria Sport 31

Una sfida tra due scuole di pensiero: barca raffinata ed esclusiva il Rio, open classico con ambizioni da cruiser il Bavaria. Siamo al limite dei 10 metri così non si incorre nelle varie gabelle.

I DUE SPORT OPEN A CONFRONTO
(CLICCA SULLA FOTO QUI SOPRA PER VEDERE I DETTAGLI FOTOGRAFICI)

RIO
ESPERA 34

Lung. f.t.: 9,99 m
Larg.: 3,40 m
Disl.: 5000 kg
Mot.: 2x265 cv
prezzo:
170.000 euro
(Iva esclusa)
BAVARIA
SPORT 3
1
Lung. f.t.: 10,06 m
Larg.: 3,31 m  
Disl.: 5470 kg
Mot.: 2x260 cv
prezzo:
98.900 euro
(Iva esclusa)


Ecco due proposte che interpretano la formula dell'open sportivo "under 10 metri" in modo diametralmente opposto, dove il Rio Espera 34 punta molto sul design e sull'impiego diurno, ma con un sottocoperta che consente comunque qualche comoda notte a bordo, mentre il Bavaria Sport 31 risponde con una grande abitabilità con una cabina completamente separata e un pozzetto vivibile che si può, volendo, chiudere completamente.

COPERTA
L'abitabilità del Bavaria sembra più articolata, ma è solo un'impressione, perché il Rio con le sue strutture mobili, panchette che scorrono e il piano di calpestio che sale a diventare prima un solarium e poi una dinette, offre le stesse opportunità. Il tutto però con un design decisamente più esclusivo e originale: in porto non si passa certo inosservati. In compenso il Bavaria offre un solarium a poppa fisso, con sotto un gavone davvero enorme, molto comodo per riporre non solo i parabordi ma anche le attrezzature sportive bagnate (sub o sci nautico poco importa); a pruavia c'è un'accogliente dinette, dove si deve rinunciare alla spalliera del divanetto verso poppa se si vuole ampliare ancora un po' il solarium. Più ampio il mobile bar/cucina del Rio che deve sopperire al fatto che sottocoperta non è prevista (almeno di serie) una seconda cucina, così come la plancia centrale del cantiere italiano surclassa per design quella dei più tradizionalisti tedeschi. Fedele al suo credo estetico, l'Espera 34 protegge la pontatura prodiera con un basso tientibene, mentre Bavaria è più generosa nel dimensionare la battagliola e la superficie del solarium, anche perché Rio dedica un ampio spazio alla vetrata per dare luce all'interno.
Poco protetto il pozzetto dell'Espera 34, per altro dotabile di un top rigido, mentre quello dello Sport 31 può essere completamente chiuso con un articolato sistema di tendalini.

INTERNI
È qui che si consuma la differenza sostanziale tra le due barche. Il layout è simile, ma è la filosofia che cambia radicalmente. Il Rio privilegia gli spazi aperti con una dinette a prua, che si può eventualmente trasformare in un cuccetta doppia e un secondo matrimoniale a centro barca situato a poppa della scala di discesa, la cui struttura essenziale, oltre a essere molto bella, facilita l'accesso al letto. A sinistra si allunga un mobile che può sempre essere allestito a cucina coperta, ma il cantiere lo propone come semplice disimpegno. Il bagno è a dritta, ben dimensionato e curato nel design come il resto della barca.
Gioca invece più sulla tradizione il cantiere tedesco con un layout classico che permette di avere due cuccette doppie fisse e la dinette sempre fruibile. Da notare lo schienale ribaltabile per completare la lunghezza della cuccetta matrimoniale di prua. Quella a centro barca gode invece di un locale totalmente dedicato con porta e tanto di divanetto all'ingresso. Il mobile cucina è a dritta, con a poppavia il locale toilette di generose dimensioni. I complimenti a chi ha fatto convivere tutto questo in dieci metri sono d'obbligo. Sostanzialmente differenti anche i materiali: molto più raffinati e ricercati quelli dell'Espera 34, più classici quelli dello Sport 31.

PRESTAZIONI
Situazioni estremamente, diverse ma condizioni molto simili. Il Rio Espera 34 lo abbiamo provato d'estate sul lago Maggiore in una giornata afosa e il Bavaria 31 Sport a Palma di Maiorca in autunno, ma con temperature comunque discrete. Denominatore comune le condizioni della superficie che ha ospitato il test: il mare e il lago, particolarmente il secondo, erano assolutamente calmi. Differenti le motorizzazioni: una coppia di turbodiesel CMD da 2x265 cv per il Rio e due esuberanti Volvo Penta a benzina da 2x325 cv per il Bavaria, tutti con piedi poppieri. Il gap di potenza non si fa particolarmente sentire a fronte di un dislocamento e dimensioni molto simili. La velocità di punta è di 41 nodi (con trim) a 5000 giri/min per il Bavaria, mentre il Rio si ferma poco sotto i 38 a 4200 giri/min senza i correttori di assetto. Invece il confronto dei consumi decreta un deciso vantaggio per i turbodiesel:?alla velocità di 28/30 nodi, che può essere individuata per entrambi come quella di crociera, ai 62 litri/ora di gasolio si contrappongono il centinaio di litri necessari per far funzionare la coppia dei benzina. Da mettere nel conto anche la carena, che nel Rio privilegia le prestazioni velocistiche a discapito del passaggio sull'onda che è più violento del Bavaria; quest'ultimo, invece, mostra di destreggiarsi molto bene in tutte le condizioni di mare.
In conclusione ritengo che raramente come in questo caso la decisione sia facile, poiché la scelta è circoscritta a due sole discriminanti:?il budget e lo stile. Se la priorità è il contenimento del prezzo d'acquisto, il Bavaria si qualifica in assoluto una tra le migliori scelte nel rapporto qualità/prezzo, e non solo nel confronto con l'Espera 34; se invece a contare è lo stile, il Rio è una delle interpretazioni più esclusive di questo concetto di barca.

IL VERDETTO
Se la differenza è nel PREZZO il Bavaria non conosce rivali. Se conta di più lo STILE il Rio ha ben poche alternative

SEGUI BARCHE A MOTORE ANCHE SU:

Titolo *
Commento
caratteri rimanenti: [5000]
Autore *
Email

obliquid hosting and development
BENCHMARKS FOR THIS PAGE:

Page created in 1.1707808971405 seconds
Pages like this per second: 0.85413077924519
Pages like this per hour: 3074.8708052827
Pages like this per day: 73796.899326784
Pages like this per month: 2213906.9798035
Mysql connections opened: 4
Mysql connection reused: 203
Mysql total queries: 318
Mysql executed queries: 207
Mysql cached queries in vars: 111
Mysql cached queries in sessions:
Mysql total queries per second: 271.61358779997
Mysql avg query execution time: 3.6817009344041 msec
Used memory: 16.9Mb
Used memory peak: 17.2Mb
Global string for cache namefile hashing: Gpage-bm_nodeDetail_GidRecord-16130_ScurrentFrontendPage-bm_nodeDetail_SrecordsPerPage-15_SviewStyle-detail_SlungUnit-mt_Sinserzionista-tutti_