100 candeline e un tuffo al cuore: Cantiere Nautico Feltrinelli

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Trottolino Feltrinelli

Cento anni fa, nell’ottobre del 1919, Egidio Feltrinelli trasferì la sede del suo cantiere nautico a Gargnano sul Garda. Una famiglia e una storia appassionante, legata al lago, al legno e alle barche e che tocca nel profondo ogni appassionato… con i capelli bianchi! Ma, allo stesso tempo, un grande esempio di imprenditoria, artigianato e tradizione nella nautica italiana, esempio e sprone per i giovani, per le nuove forze della famiglia Felrinelli e della nautica tutta.

Lo scorso finesettimana, per celebrare l’anniversario del cantiere, la sede storica di Gargnano della Nautica Feltrinelli ha aperto le sue porte al pubblico, esponendo un’ampia collezione privata di documenti storici, diari ma soprattutto reperti nautici che la famiglia Feltrinelli ha conservato negli anni, come il mitico IBIS del comandante Edmondo Turci o lo scafo realizzato per la Johnson negli anni ’30.

Inoltre, gli appassionati di nautica hanno avuto modo di provare in acqua gli esclusivi motoscafi del marchio Frauscher, di cui Cantiere Nautico Feltrinelli è unico importatore ufficiale in Italia.

 

Edmondo Turci IBIS Feltrinelli
Il colonnello Edmondo Turci a bordo dell’Ibis Feltrinelli.

 

Il nome dei Feltrinelli è da sempre intrecciato a una grande passione per il legno, che i vari rami della famiglia hanno declinato in modo differente. Chi dal legno si è dedicato alla carta, arrivando a fondare una casa editrice (Giangiacomo Feltrinelli), chi alla costruzione edile, chi al confezionamento delle botti e chi, infine, alla progettazione e realizzazione di imbarcazioni.

 

Mio Raid Feltrinelli

 

Le prime testimonianze legate alla costruzione di barche da parte dei Feltrinelli risalgono alla metà del 1600. L’interesse dei visitatori è stata attratta dal motoscafo da corsa Ibis del 1931, con il quale il colonnello Turci partecipò alle gare di motonautica di Miami nel ’32, dal Dinghy 12 piedi costruito per Rossari nel 1957 e dal motoscafo da passeggio tipo Johnson.

 

Raid PV_VE Feltrinelli

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

L'impianto di produzione di Chiavari - Sanguineti

Sanguineti cresce ancora e punta triplicare i ricavi nel 2026

Da una parte c’è una dimensione artigianale rappresentata da Sanguineti, un’azienda ligure di Chiavari con 65 anni di esperienza nella costruzione di equipaggiamenti ricercati e di alta qualità per superyacht. Specializzata nella produzione di passerelle, scale multifunzione, gru per tender,

Beneteau Swift Trawler 41

Come diventare skipper (in regola) e lavorare sulle barche

Lo aspettavamo da tempo e finalmente è arrivato. Ecco il decreto che spiega come si svolgerà l’esame per diventare “Ufficiale del diporto di II classe“. Questa nuova figura, pensata per l’Italia e le barche battenti bandiera italiana (anche adibite a