Queste 8 barche open sono speciali. Da 8 a 22 metri

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

VanDutch 75

Versatili e disponibili nei range più svariati, gli Open sono ormai un must della nautica contemporanea, barche apprezzatissime e sempre più diffuse, soprattutto in mediterraneo. Forti di dimensioni variabili e delle più disparate soluzioni di bordo, hanno ufficialmente conquistato il mercato, diffondendosi a vista d’occhio. Ma non sono tutti uguali…

8 Open da 8 a 22 metri

Elettrici e foiling, endotermici e potentissimi, cabinati o dayboat, il panorama degli Open è davvero sconfinato e offre un range di scelta davvero vasto. Qui, per vederne alcuni, ecco 8 open tra i più avveniristici presenti sul mercato (da 8 a 22 metri).

Riva Dolceriva
Riva Dolceriva


Frauscher X Porsche 850 Phantom Air (8.6 m)

Ad aprire questa rassegna è una novità di fine 2023, un Open nato dalla fusione tra nautica e automotive: il Frauscher X Porsche 850 Fantom Air, un bolide elettrico da 46 nodi. Lungo 8.6 metri fuori tutto, si tratta di uno scafo sportivo ed elegante, forte dello styling dei due brand e della stessa tecnologia propulsiva della nuova Porsche e-Macan. Linee filanti, prua quasi verticale e design elegante e pulitissimo. Questo, in sintesi, il look dell’850 Fantom Air, un progetto ben riuscito che, al look, accoppia una propulsione impressionate abbinata ad un’altrettanto valida carena, per risultati invidiabili.

Passando a spazi e layout, si tratta di una dayboat pura, con consolle centrale styled by Porsche e due distinte aree lounge – una a poppa, con doppi prendisole, e una a prua, con doppi divani affacciati. A concludere il layout sono le doppie poltrone racing in timoneria, seguite da due divanetti in pozzetto per accogliere i passeggeri.

Frauscher X Porsche 850 Fantom Air
Frauscher X Porsche 850 Fantom Air

Candela  C8 (8.5 / 9 m)

Foil e propulsione elettrica per volare sull’acqua. Questa la risposta di Candela al mercato degli Open: il Candela C8 CC, aturale evoluzione del già best-seller C8-DC. Partendo da poppa, il layout prevede un doppio prendisole centrale, completato, appena più a prua, da una coppia di divanetti affacciati su di un tavolino centrale. Uno spazio, questo, dedicato al convivio o ai pasti, ma trasformabile in un prolungamento del primo prendisole, ricavandone uno ininterrotto su tutta la lunghezza del pozzetto.

A centro barca trova posto la consolle, servita da una coppia di sedili avvolgenti ultraleggeri e, al suo interno, nasconde il bagno con doccia, accessibile dalla porzione prodiera. A prua trovano spazio divanetto e sedute affacciati. Le performance? Sempre all’apice del settore, con circa 57 miglia nautiche di autonomia e, su foil, 30 nodi di velocità massima.

Candela C-8 CC
Candela C-8 CC

Seven Seas Venus Speedster X (9.6 m)

Disponibile con propulsione Jet Drive, endotermica tradizionale o elettrica, il nuovo Venus Speedster X è l’ultima creazione di Seven Seas, un Open di 9.6 metri progettato per chi apprezza qualità e performance. Suo grande segno distintivo, il look, con linee che guardano contemporaneamente al passato e al futuro, evocando un look da automotive anni ‘50/‘60, ma su una piattaforma più che moderna. Le prestazioni? Oltre 48 nodi con propulsione Jet Drive o tradizionale, oltre 21 kn con propulsione elettrica.

Venendo, invece, al layout di bordo, questo runabout offre innanzitutto un ampio prendisole poppiero, seguito da un pozzetto confortevole, composto da un grande divano a U con tavolino e doppie sedute in plancia, riparate da un parabrezza curvo. A prua, infine, è presente posto per due sottocoperta, offrendo così un’area notte capace di prolungare il tempo spendibile a bordo.

  • Per maggiori informazioni sul Venus Speedster X, visita il sito ufficiale Seven Seas Yachts
barche open
Venus Speedster X

Say 42 (12.9 m)

Una barca a motore molto stilosa nell’estetica, con una linea particolarmente sportiva pensata per volare a 50 nodi: è il Say 42, di Say Carbon Yachts. Ma non è si tratta solo di look e performance. A bordo, infatti, questo 12.9 metri offre anche tanto comfort, a partire dal grande prendisole poppiero, fruibile anche a velocità elevate. Appena oltre, doppi divani affacciati su un tavolo centrale offrono uno spazio conviviale in pozzetto, per lasciare poi posto, verso il centro barca, alla plancia di comando, servita da due poltrone ergonomiche.

Viste le dimensioni, non manca poi lo spazio sottocoperta, completo di un bagno separato con doccia, wc e lavabo, oltre ad una dinette trasformabile per pernottare a bordo. A spingere il Say 42 sono presenti 860 cavalli Volvo Penta (V8 6,2 l), potenza che, unita alla costruzione leggera in carbonio, garantisce una velocità massima di quasi 50 nodi.

Say 42 Carbon
Say 42

 


Riva Dolceriva (14,9 m)

Un Riva dall’aspetto sportivo, un open di 48 piedi che porta tutta la classe del cantiere di Sarnico, il Dolceriva, una macchina di perfetta coniugazione tra stile, comfort e performance (40 kn). Il design raffinato ed elegante inizia fin da poppa, dove presenta linee ispirate ai classici della tradizione, l’Ariston e il Tritone, ma per il resto è un open puro e moderno, dove l’eleganza si fonde con il tocco artigianale. La superficie di prua del ponte di coperta è realizzata con la tradizionale verniciatura in mogano lucido a venti mani, inframmezzata da una parte in cristallo con uno skylight incorporato, che consente al sottocoperta di avere luce naturale. Già, perché, qui, non mancano cabina, dinette e bagno privato.

All’esterno il comfort prosegue, con doppi prendisole poppieri e divani (2) a murata in pozzetto, dove si crea un’area lounge e conviviale unica e continua. In plancia, una poltrona ergonomica serve la timoneria, mentre una seconda offre spazio anche per un co-pilota. La propulsione, invece, arriva da due Volvo D13 800/1000.

Riva Dolceriva

Fiart P54  (16 m)

Pensato per offrire volumi importanti su una barca open, il P54 di Fiart è uno scafo capace di proporre diversi layout interni, modulabili. La cabina poppiera, armatoriale, oltre alla soluzione bagno open space completo, offre infatti un letto matrimoniale trasformabile in coppia di singoli, mentre le due cabine prodiere sono divise da un sistema di armadiature scorrevoli e trasformabili,  all’occorrenza diventando un’unica suite. Il centro barca è destinato alla zona living e alla cucina, mentre non manca secondo altro bagno opzionale.

Guardando all’esterno, invece, questo open da “crociera” offre linee a loro tempo inedite e forti di ampi spazi in esterna, a partire dal grande prendisole prodiero e dai due lettini solarium affacciati sulla plancetta poppiera. Il pozzetto, a sua volta, si presenta come uno spazio dedicato al relax e al convivio, con un tavolo adibito alla zona pasti. Sotto l’hard-top trovano poi posto la plancia di comando e l’accesso agli interni. Le performance oscillano tra i 34 e i 39 nodi di punta.

Fiart P54
Fiart P54

Evo R6 Open (18 m)

Un 18 metri spazioso e moderno, forte di tanto comfort e di una beach lounge invidiabile. È l’Evo R6 Open, un progetto basato sul già apprezzatissimo R6. Capace di performance importanti, con doppia possibilità di motorizzazione (2 x Volvo Penta IPS 800 o 950),  tocca una velocità massima di 35 nodi e offre 280 miglia di autonomia, offrendo il valore aggiunto di spazi esterni invidiabili. Se il pozzetto è attrezzato con un’ampia zona dining, una lounge area e un grande prendisole centrale poppiero, il vero vanto dell’Evo R6 Open è in realtà nascosto nella sua beach lounge incredibile. Grazie alle sponde laterali “XTension”, marchio di fabbrica del cantiere, la parte poppiera si apre lateralmente in pochissimi secondi, non abbattendosi, bensì emergendo verso l’esterno, per un aumento dello spazio a disposizione del 40%, per un’area beach non da poco.

A fare il paio, poi, un grande prendisole prodiero, oltre allo spazio sottocoperta, dove trovano posto una dinette, una cabina armatoriale, due doppie poppiere per gli ospiti, e 2 bagni.

Evo R6 Open
Evo R6 Open

VanDutch 75 (22.3 m)

Un VanDutch ancora più mediterraneo, ancora più “open” e ancora più spazioso. Con il 75 VanDutch apre una nuova era, introducendo un 22 metri dalle linee eleganti e slanciate, pur sempre pienamente riconoscibili e associabili allo stile del marchio. Un profilo pulitissimo, quindi, per il 75, interrotto solo dal parabrezza e dal top. Altrettanto puliti sono il design ed il layout di bordo, con una prua completamente sgombra, flush, ed un pozzetto enorme e ben curato.

Qui, appena oltre la plancetta, trova innanzitutto posto un prendisole centrale capace di ospitare ben 4 persone, per poi muovere oltre, verso la vera area conviviale, dove due ampi divani a C contrapposti e serviti da tavolo creano uno spazio living unico. Appena oltre, dietro il parabrezza, un piano bar open air si specchia alla timoneria, posizionata a sinistra dell’accesso al sottocoperta, dove due cabine matrimoniali ed un salone popolano gli spazi. Opzionalmente, una terza cabina doppia è disponibile.

  • Per maggiori informazioni sul VanDutch 75, visita il sito ufficiale VanDutch
barche open
VanDutch 75

Bolide 80 Open (24 m)

A concludere questa rassegna, un open che rispetta a pieno il suo nome, un 24 metri da oltre 70 nodi di velocità massima, appena 55 nodi, la velocità di crociera… È il Bolide 80 Open. A spingerlo sono tre eliche di superficie capaci di trovare automaticamente l’angolo di trim ideale, a dargli potenza sono invece  3 MAN V12 da 2.000 cavalli ciascuno. Ovvero 6000 cavalli per un open in carbonio che, però, vuole offrire anche tanto comfort.

In termini di spazi infatti, nonostante le sue linee da fuoriclasse della velocità, a bordo trovano posto un ampio prendisole poppiero ed un pozzetto attrezzato e conviviale, completo di divani e tavoli, per renderlo fruibile ad ogni contesto. La prua, invece, flush, offre un ulteriore prendisole, ideale per il relax in rada. Sottocoperta, infine, trovano posto una cucina (collegata alla cabina del comandante) e una zona bar, una day-head e che un salottino privato trasformabile in cabina ospiti. Non manca, ovviamente, anche una grande cabina armatoriale. Il Bolide 80 è disponibile in versione Hard-top e versione Open.

Victory Marine
Bolide 80 Open- Victory Marine

  • Potrebbe interessarti anche:

Arriva il nuovo Axopar! È il natante (8 m) da vedere nel 2024

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Sistema di ormeggio autonomo - Brunswick-Apex

A.I. di bordo! Questo software ormeggia la barca al posto tuo

L’intelligenza artificiale sbarca nel mondo della nautica, con il progetto firmato Brunswick Corporation e Apex.Ai. Il gruppo americano di cui fanno parte – tra le altre – il marchio produttore di elettronica Navico, quello dei motori Mercury Marine e il

Torna su