Navigare su un rib con i foil: ecco la nostra prova | VIDEO

I motori elettrici erano in mare cinquant’anni prima della Tesla
9 Aprile 2019
naufragio london valour
49 anni fa il terribile naufragio della London Valour a Genova
9 Aprile 2019

Cosa succede se prendi un gommone e gli metti i foil? Di tutto! Noi l’abbiamo provato sulla nostra pelle nelle gelide acque di Lorient, in Francia. Un gommone Zodiac con i foil già disponibile sul mercato, sviluppato da Seair. Le ali rientrano nella consolle centrale elettronicamente e permettono una navigazione ad alte prestazioni.

Ecco il gommone “volante”

Uno Zodiac 5.50 di serie è stato modificato da Seair con due foil a J che hanno la parte orizzontale, che dà la spinta verso l’alto, per intenderci, rivolta verso l’esterno dello scafo (al contrario di quanto, per esempio, accadeva ai catamarani a vela della Coppa America).

Dopo i 15 nodi la barca inizia effettivamente a “volare” con i foil. Non è necessaria una motorizzazione esagerata, basta un motore tra gli 80 ed i 115 cavalli. Con i foil, anche quando si naviga a velocità già interessanti, poniamo 20 nodi, la velocità “percepita” sembra più bassa. Questo perché si solleva di alcuni centimetri sull’acqua e rimane stabile anche con l’ondina.

Il fusto del foil scorre su e giù attraverso una scassa sul fondo dello scafo e si prosegue all’interno della consolle di guida. La regolazione dei foil dalla posizione di riposo, con il tip, la parte orizzontale, vicino alla carena, a quella di navigazione, avviene tramite comandi elettrici, così come l’angolo di incidenza del foil con l’acqua. In condizioni di navigazione in foiling, la chiglia rimane a circa 25 cm dal pelo dell’acqua, sia per la spinta dei due foil sia per la pinna sistemata all’estremità del piede del motore fuoribordo.

barche a motore foil SEAir-Flying-RIB

Consumi ridotti dal 30 al 50%

La navigazione è quindi molto confortevole (non si sentono le onde), anche con mare mosso il passaggio dell’onda diventa morbidissimo, ma soprattutto il risparmio di carburante è eccezionale: mediamente i consumi (misurati confrontando un modello identico, ma non trasformato) sono inferiori del 30% arrivando sino a un 50% di risparmio in condizioni ideali.

L’adrenalina corre sul foil | Ecco 4 barche a motore che volano già oggi

NAVIGA INFORMATO!

Per rimanere aggiornato su tutte le news sulla nautica, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter di Barche a motore! Basta cliccare il link qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di barche a motore! È gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno! CLICCA QUI

2 Comments

  1. mario ha detto:

    come va con il mare formato ?

    • Buongiorno Mario. Con mare formato naviga come sul mare calmo. Più in dettaglio: se la barca ha i foil lo scafo sta sopra l’acqua, quindi le onde non impattano con la violenza solita con cui colpiscono la carena in navigazione tradizionale. Il procedere, anche su mare formato, se è sostenibile la navigazione in foil, è morbido come su acqua piatta. Con il Seaie abbiamo navigato con onde fino a un paio di metri, onde oceaniche e morbide, non mediterranee e ripide, e reggevamo la navigazione “foilante” senza problemi. Quando invece si deve tornare in dislocamento o in planata “normale” si naviga come tutte le barche. Quindi se ci fosse troppo mare per volare con i foil in modo sicuro, basterebbe tirarli su per essere di nuovo come un gommone qualsiasi.

      Buona giornata,

      La Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *