La svolta eco: sette accessori super ecologici ed efficienti

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Se ami il mare e lo rispetti quando ci navighi (e non solo) sei già un eco marinaio. E non c’è bisogno di essere un integralista ambientale.

Bastano piccole attenzioni che non ti costano nulla per contribuire a contribuire a salvare il mare e il pianeta dall’inquinamento. Basta, ad esempio, scegliere dei prodotti che sono ecologici, ma veramente ecologici. Pensaci, non hanno nessuno svantaggio rispetto a quelli tradizionali, semplicemente per le loro caratteristiche sono rispettose dell’ambiente.

Alla Milano Yachting Week  – The digital boat show ce ne sono tanti di prodotti ecologici con queste caratteristiche.

Girando tra gli stand del più grande salone nautico digitale abbiamo selezionato sette idee giuste per aiutarti a diventare anche tu un ecomarinaio. Eccole.

 

1° idea: Gli occhiali da sole nati dagli scarti delle barche


Un’idea che fa bene all’ambiente, costa poco ed è “modosa” che trovate nel padiglione dello store della Milano Yachting Week  – The digital boat show.

Avreste mai pensato di indossare occhiali da sole nati dagli scarti del compensato marino di un’imbarcazione in legno? Ci ha già pensato il brand Zen, da sempre legato ai costruttori di barche in legno autocostruite o di piccoli cantieri e agli artigiani maestri d’ascia. In più…questi occhiali da sole sono bellissimi! Vi abbiamo incuriosito? Trovate gli occhiali (in una gamma di sei modelli) cliccando qui.

-zen-natural-zebra-yellow-lens

2° idea: il rivestimento che sembra teak, ma è sughero supereco

La strada verso un rivestimento bello come il teak ma ecologico la offre Marine Cork con un prodotto sorprendente. Marine Cork tramuta il sughero in un prodotto high-tech che alla vista risulta compatto e liscio come un listello di teak. E camminarci sopra da una sensazione di “morbido”.

E’ ecologico perché il sughero è la corteccia dell’albero che si riforma e non occorre abbattere foreste per ricavare listelli di legno, come accade con il teak “vero”.

In più ha caratteristiche eccezionali, come il semplice fatto di pesare meno di un terzo del teak tradizionale o di quello sintetico. Per farvi un esempio, una superficie di 40 metri quadri con Marine Cork. Scopri come fanno quelli di Marine Cork a realizzare questo ecoprodotto cliccando qui

 

Synteak Marine Cork

3° idea: L’antivegetativa che si autopulisce…very eco!

Più la carena di una barca è pulita, meno consuma a parità di velocità. Detto questo, Omnirace, è l’antivegetativa che dura un anno ed è autolevigante. Questo vuol dire che la carena si autopulisce mentre navighi. Più esci dal porto con la tua barca, più agisce facendo entrare in azione i biocidi che tiene lontana la flora marina. Ovviamente questo prodotto di Boero rispetta tutte le norme antinquinamento. Vuoi sapere come funziona l’antivegetativa very eco, clicca qui.

4° idea: il dissalatore eco che funziona senza generatore

Ti conviene guardare subito come Osmosea ha realizzato il nuovo New 12 per renderti conto di come funziona veramente grazie al sistema brevettato di intensificazione di Pressione, che permette un recupero di energia fino all’80%. Così l’alimentazione può avvenire direttamente dalle batterie di bordo senza installarne di nuove. E senza generatore, principale fonte d’inquinamento, rumore e costi. Se ti piace l’idea, clicca qui.

Osmosea New 12

5° idea: Il monopattino elettrico bello ed eco

Sarà uno dei migliori monopattini elettrici dei prossimi anni, totalmente “made in Italy” anzi “made in Torino”, attentissimi all’ecologia. TO.TEM presenta due monopattini sicuri e veloci, controllati anche tramite app, con il massimo della tecnologia e del confort di guida presente sul mercato, scoprite di più, clicca qui e non perdete questa offerta lancio del prodotto!

totem lynx e-motion

6° idea: Il generatore non ha più il motore e quindi è finalmente eco

Perché è rivoluzionario? Perché Zeus200 di Mobil Tech è un generatore caricabatterie senza motore tradizionale che pesa poco, occupa poco spazio, è silenzioso, praticamente non inquina e non ha vibrazioni. Va bene anche per le piccole barche.

Bellissima la storia di come è nato il funzionamento della tecnologia termoelettrica usata adesso dalla NASA, sfruttando l’effetto Seebeck, scoperto nel 1821, un’intuizione geniale che potete trovare cliccando qui.

 

ZEUS 200

7° idea: rivestimento in teak natutale e PVC riciclato. Più eco di così!

Synteak ha realizzato il Teak Composito che è un nuovissimo materiale composto dal 60% di vero teak e al 40% in PVC. Il risultato pratico è che ha la bellezza del teak naturale e tutti i vantaggi di praticità, riduzione di manutenzione e durata nel tempo del teak 100% sintetico. Teak Composito di Sinteak abbina i pregi del prodotto naturale, il teak, con quello del PVC (ma riciclato e quindi ecologico). Per saperne di più, clicca qui.

News by Milano Yachting Week

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Ecco il primo fuoribordo a idrogeno per le barche “normali”

Di motori elettrici, finora, ne abbiamo visti tantissimi. Dai piccoli di Torqeedo al potentissimo Evoy da 300 cavalli. Concentriamoci sui fuoribordo. In questo scenario entra “a gamba tesa” Yamaha (forte anche dell’acquisizione recente di Torqeedo) e sotto le luci dei riflettori

Sistema di ormeggio autonomo - Brunswick-Apex

A.I. di bordo! Questo software ormeggia la barca al posto tuo

L’intelligenza artificiale sbarca nel mondo della nautica, con il progetto firmato Brunswick Corporation e Apex.Ai. Il gruppo americano di cui fanno parte – tra le altre – il marchio produttore di elettronica Navico, quello dei motori Mercury Marine e il

Torna su