Acqua dolce in barca, i trucchi per evitare cattivi odori

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Foto credit: Beneteau/Jean-Baptiste D’Enquin

A molti è capitato di ritornare in barca dopo un periodo di assenza e avvertire un odore di marcio quando si aprono i rubinetti ed esce la prima acqua dolce. L’esalazione è molto più marcata e pungente quando si riutilizza il wc dopo una sosta anche breve e finisce per impregnare la zona del bagno in maniera persistente.

Leggi qui tutti gli articoli di Pratica e Manutenzione

Acqua dolce in barca. Perché puzza?

Tali fenomeni non si verificano nelle abitazioni, anche quando si ritorna dopo le ferie estive; l’acqua dei rubinetti non puzza e men che mai il gabinetto.

Il motivo di questi odori è dovuto alla diversa tipologia dei materiali usati nei due impianti idraulici: nelle abitazioni le tubazioni sono in metallo o in plastica rigida nera annegate nel cemento e quindi completamente isolate dalla luce, mentre nella maggior parte delle barche sono in materiale plastico morbido trasparente e che quindi consente il passaggio della luce. Inoltre, tali materiali (per esempio, il PVC) sono parzialmente permeabili ai gas, permettendo agli odori di uscire e di assorbire l’ossigeno dall’aria, aumentando i processi fermentativi.

È la luce che contribuisce alla crescita di batteri, muffe e alghe all’interno dei tubi, agevolata dallo scarso passaggio di acqua dovuto sia all’uso saltuario che alla minore velocità di scorrimento della stessa, e aiutata nella zona del wc dalle incrostazioni che con il tempo si formano all’interno dei tubi (vedere il disegno sopra).

Acqua dolce e cattivi odori, come eliminarli

Una prima soluzione consiste nel disinfettare l’acqua dei serbatoi aggiungendo amuchina, aceto o altre sostanze. Si ottiene un certo miglioramento con la riduzione dei miasmi, ma non la loro scomparsa. Questo metodo non è applicabile, per ovvi motivi, ai tubi del wc. La soluzione è usare, al posto dei tubi in materiale plastico poroso e trasparente, quelli in materiale plastico rigido colorato (il miglior colore è il nero), opachi alla luce e impermeabili ai gas e agli odori.

Certo, non sempre è possibile: è un’operazione da prevedere quando la barca è in costruzione perché richiede una ingegnerizzazione del progetto che non tutti i cantieri sono in grado di realizzare. Sostituire i tubi morbidi e trasparenti con quelli rigidi, è spesso un’operazione difficoltosa: un’ottima alternativa (specialmente per i tubi dell’acqua dolce) consiste nel sostituire i tubi morbidi con altri morbidi nuovi (quindi puliti al loro interno) e inguainarli nei flessibili usati per i cavi elettrici. Così si eviterà il passaggio della luce e quindi la crescita batterica.

Per i tubi del wc ne esistono in commercio di morbidi armati di colore bianco “antiodore”, che riducono la traspirazione e il tipico olezzo pungente. Meglio ancora usare tubi in materiale plastico rigido di colore nero: la loro installazione è senz’altro più laboriosa, ma il risultato finale è la scomparsa di tutti gli odori.


Quanto mi costa rimettere a nuovo una barca di 10 metri


Nel WC: un trucco

Quando si lascia la barca per qualche tempo, versare nel wc mezzo litro di acqua minerale naturale e pomparla fuori.

Così, il liquido che resta all’interno è privo della carica batterica presente nell’acqua di mare (molto forte nei porti) e si rallenterà la crescita batterica. L’utilizzo di prodotti chimici per il wc di bordo è sconsigliabile: si potrebbero avere fenomeni di deterioramento con prevedibile degrado delle gomme e delle guarnizioni delle pompe e spiacevoli conseguenze.

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

CE Series 65

Offshore CE 65 (21 m), il giramondo moderno che ti porta ovunque

L’eterna classe di un trawler da crociera è ormai profondamente radicata nell’immaginario della cantieristica americana. È forse però la prima volta che, a dar vita ad una simile creatura, sia una strettissima collaborazione tra un cantiere californiano e un design