Questa nuova ancora di Quick è l’ideale per barche fino a 13 metri

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Ancora Olympic - Quick
Ancora Olympic – Quick

Una nuova gamma di ancore nate dall’ufficio progettazione di Quick è stata presentata ai recenti saloni nautici di Cannes e Genova. Dopo un lungo processo di ingegnerizzazione è partita la produzione dei primi due esemplari della gamma Olympic, i modelli da 16 e 20 kg. Caratteristiche principali: maggiore capacità penetrativa e migliore distribuzione dei pesi.

Una forma inusuale ma funzionale

I primi due esemplari presentati, da 16 e 20 kg, sono ideali per essere utilizzati su barche di lunghezza compresa tra 10 e 13 metri, con un dislocamento compreso tra le 6 e le 10 tonnellate. Quick ha studiato una forma innovativa per queste nuove ancore, con un baricentro spostato molto verso l’estremità anche grazie al maggior quantitativo di piombo (e quindi maggior peso) inserito nella parte anteriore della marra.


L’articolo continua sotto


  • Potrebbe interessarti anche:

Questo è il tender ad idrogeno tutto italiano (da 50 nodi) di Bluegame


Con questa accortezza adottata in fase di progettazione, l’ancora riesce a penetrare con maggior forza nel fondale assicurando un migliore ancoraggio. Peso maggiore nella zona anteriore ma minore in quella posteriore, è questa la “formula magica” che oltre alla miglior capacità penetrativa, facilita la risalita in fase di salpata.

Sistema innovativo in fase di brevetto

Anche la silhouette presenta un design particolare, con delle piccole alette che mantengono l’Olympic in posizione perpendicolare al fondale in fase di ancoraggio. Tutta la zona del fuso è molto compatta, con il peso ridotto al minimo grazie all’impiego di lamiere stampate. In questo modo le ancore Olympic si possono adattare al maggior numero possibile di barche e di musoni. Attualmente l’ancora e il suo giunto in duplex, con il sistema di autoribaltamento, sono in fase di brevetto. La particolare combinazione di giunto e occhiello consente infatti all’ancora di ribaltarsi e assumere sempre una posizione corretta quando viene salpata, adattandosi perfettamente al musone.

L’ancora Olympic è installata a prua e a poppa del Nimbus T11, lo “showroom galleggiante” di Quick presente ai saloni nautici, e a bordo del quale è possibile vedere in funzione il meglio del portfolio di accessori del brand italiano.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Barche cult, la vera storia del primo Princess 45 (14 m)

Il mondo della nautica non è fatto solo di scafi nuovi e scintillanti, appena usciti di cantiere. Anzi, per la maggior parte, si compone di scafi usati, barche passate anche per diverse mani e che, nonostante tutto, nonostante le miglia,