Aquila 36 Sport, il natante (11 m) con lo spazio di un 13 metri

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Aquila 36 Sport
Aquila 36 Sport

Il catamarano a motore, dopo aver preso terreno nel segmento”motor yacht”, oggi ha una nuova frontiera: il mercato dei day cruiser. Al Cannes Yachting Festival 2022 ha fatto il suo debutto europeo l’Aquila 36 Sport, multiscafo di 10 metri con i fuoribordo (2x300hp) e spazio da vendere. Siamo saliti a bordo con l’importatore italiano, FC Yacht Italy, per vedere com’è pensato e come si comporta.

Aquila 36 Sport

L’eterno confronto tra “forma o funzione” qui vede la bilancia pendere verso la funzione. Il catamarano, per i puristi delle linea, non raccoglie grandi consensi. Se, però, vengono messe da parte le velleità estetiche e si pensa a cosa offre per una giornata di mare, il discorso è ben diverso. Diciamo subito che l’Aquila 36 Sport nasce direttamente come barca a motore, sia a livello di linea d’acqua che di potenza e layout.

Aquila 36 Sport in navigazione

Cosa c’è di strano? Il fatto che, in moltissimi casi, un catamarano a motore nasca come evoluzione di uno a vela da parte di cantieri specializzati in quest’ultimi. Il cambio di approccio si sente per il fatto che le esigenze di chi naviga su una barca a motore sono radicalmente diverse da quelle di un velista. Non a caso dietro Aquila Power Catamarans c’è una partnership tra il Sino Eagle Group ed il colosso degli USA, MarineMax. L’impianto in cui sono costruiti questi scafi, a Hangzhou City, in Cina, misura 93.000 metri quadri. Ma torniamo all’imbarcazione.

Aquila 36 Sport – Coperta

ll nuovo Aquila 36 Sport ha una lunghezza fuori tutto di 10.96 metri con la piattaforma di poppa, ma può essere anche usato come natante, senza immatricolazione. In ogni caso salendo a bordo è subito chiaro che ci sia ben più spazio che su un classico 11 metri. Carlo Orione, amministratore delegato di FC Yacht,  parla di “un’abitabilità di un 44’”. Quello che non si comprende a pieno, guardando solo ai numeri, è che c’è moltissimo spazio, ma la barca è tutto sommato “compatta”. La larghezza è di 4.45 metri, ma ciò che convince è la gestione di questo baglio. Immaginatevi un bowrider (con hard-top) XL ed equipaggiabile con cucina, frigorifero e lavandino.

Cucina dell’Aquila 36 Sport

Tutta la zona di poppa è sgombra dal momento che non ci sono passavanti laterali e per accedere a prua c’è un camminamento centrale con un’apertura nel parabrezza. In questo modo si creano anche due sezioni separate nettamente per garantire privacy quando a bordo ci sono più persone. Durante la prova, ad esempio, eravamo in 10 a bordo. Eppure, non c’è mai stato un momento in cui la barca sia sembrata affollata, anzi. Cinque persone in pozzetto, tre a prua, due in plancia di comando ed il gioco è fatto, stando tutti larghi, ma di spazio ce ne sarebbe ancora ad esempio sulla seduta vicino alla piattaforma, che però in navigazione è meglio non usare. Da questa piattaforma, tra i due fuoribordo, c’è l’accesso all’acqua per fare il bagno.

Poppa Aquila 36 Sport
Poppa Aquila 36 Sport

Per dare un’idea di spazio e sicurezza, la barca è omologata fino a 26 persone.

Aquila 36 Sport – Sottocoperta

Catamarano daycruiser, ma pur sempre multiscafo. Cosa significa? Che sottocoperta ci sono due cabine e due bagni che godono di privacy totale in quanto indipendenti. Quando ci sono, ad esempio, due famiglie a bordo, questa configurazione consente di poter vivere sia momenti sociali che di relax senza nessuno intorno.

Cabina Aquila 36 Sport
Cabina Aquila 36 Sport

Aquila 36 Sport – Navigazione

A livello di vivibilità da un catamarano è logico aspettarsi di più anche se, come abbiamo visto, l’Aquila 36 Sport è davvero ben pensato. Meno scontata, invece, è la manovrabilità. Due scafi possono far pensare ad una difficoltà nel governo, soprattutto in fase d’ormeggio. Non è questo il caso. I due fuoribordo, in combinata con il joystick Mercury, rendono ogni manovra accessibile.

Catamarano Aquila 36 Sport
Prua dell’Aquila 36 Sport

La versione provata da noi ne aveva due da 300 cavalli, ma questo Aquila può installare anche due motori da 400 cavalli con cui la velocità massima stimata è di circa 36 nodi. Non appena siamo fuori la stabilità emerge subito come uno dei grandi punti a favore così come la protezione dietro il parabrezza in navigazione. A bordo siamo in 10, come dicevamo prima, e ci sono 650 (su 1.350) litri di carburante e 200 litri di acqua.

La velocità di crociera è a circa 20 nodi quando il consumo complessivo è di poco superiore ai 100 litri complessivi per ora da parte di entrambi i motori. In generale il cat è reattivo, morbido sulle onde e anche senza raggiungere velocità estreme, la navigazione è divertente.


Aquila 36 Sport – Dati di navigazione*

GIRI AL MINUTO
(RPM)
NODI
(KN)
CONSUMI
(L/H)
600 2.8 5.6
1000 4.1 8.7
2000 6.6 18.5
3000 10.2 45.8
4000 17.7 79
5000 24.7 135
6250 31.2 223.7

Scheda tecnica della barca: Aquila 36 Sport

Lunghezza Fuori Tutto (LOA) 10.96 m
Baglio Massimo 4.45 m
Dislocamento a pieno 9.785 kg
Motorizzazione Standard 2X 300 cv
Velocità massima 31.2 nodi
Velocità di crociera 19/20 nodi
Serbatoio carburante 1350 litri
Serbatoio acqua dolce 1 x 200 / 1 x 485 litri
Cabine 2
Bagno 2
Contatti: www.fc-yacht.it

*Scheda ufficiale del cantiere


Aquila 36 Sport – Prezzo

Quanto costa comprare un Aquila 36? Il prezzo dipende dall’allestimento prescelto e dalle dotazioni. C’è, però, la formula Rent-to-Buy con cui il potenziale acquirente versa un anticipo pari al solo 20 – 30 % del prezzo d’acquisto e si impegna a pagare un canone mensile che gli dà diritto all’utilizzo della barca per sei settimane all’anno con la possibilità, dopo sette anni, poi, ne diventa l’armatore a tutti gli effetti.

Nei mesi nei quali la barca è disponibile sarà cura di Free Charter, la società di cui FC-Yacht fa parte, noleggiare la barca così da far fronte anche alle spese di ormeggio, manutenzione e assicurazione. I vantaggi? Abbattere l’investimento iniziale, ma anche sollevare l’armatore da tutte le spese di gestione e manutenzione, lasciando la disponibilità di usare la barca durante l’anno.


NAVIGA INFORMATO!

Per rimanere aggiornato su tutte le news sulla nautica, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter di Barche a motore! Basta cliccare il link qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di barche a motore! È gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno! CLICCA QUI

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

2 commenti su “Aquila 36 Sport, il natante (11 m) con lo spazio di un 13 metri”

  1. Nicoletta e Massimo Rosati

    Buongiorno , vorremmo avere ulteriori informazioni sull’aquila 36 , avere un preventivo e sapere se fate anche permute. Grazie..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

L'impianto di produzione di Chiavari - Sanguineti

Sanguineti cresce ancora e punta triplicare i ricavi nel 2026

Da una parte c’è una dimensione artigianale rappresentata da Sanguineti, un’azienda ligure di Chiavari con 65 anni di esperienza nella costruzione di equipaggiamenti ricercati e di alta qualità per superyacht. Specializzata nella produzione di passerelle, scale multifunzione, gru per tender,

Beneteau Swift Trawler 41

Come diventare skipper (in regola) e lavorare sulle barche

Lo aspettavamo da tempo e finalmente è arrivato. Ecco il decreto che spiega come si svolgerà l’esame per diventare “Ufficiale del diporto di II classe“. Questa nuova figura, pensata per l’Italia e le barche battenti bandiera italiana (anche adibite a