Vendono all’asta questo Molinari, vincitore della 24 ore di Rouen ’79!

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Barche uniche e dove trovarle? Nella sezione annunci di Barche a Motore! Stavamo dando un’occhiata quando ci siamo imbattuti in una vera chicca per veri appassionati di motonautica. C’è all’asta il motoscafo di 6 metri (NB: è privo di motore!) vincitore della 24 ore di Rouen nel 1979 (clicca qui per vederlo).

In sostanza questo bolide è stato utilizzato una volta sola, nel 1979, dall’equipaggio formato da Molinari Renato, Angelo Vassena, Augusto Panzeri ed Ettore Cagnani. Il motore era un Fiat 2000cc. Abarth lo adattò ad un uso marino perché veniva montato sulle Fiat 131 Abarth da rally.

Perché è senza motore?

Questo esemplare unico non è dotato di motore in quanto Molinari, dopo aver proposto il progetto all’amministratore delegato della Abarth, ricevette una richiesta onerosa per il motore. Tuttavia la casa dello scorpione accettò di supportare il pilota, restando la proprietaria del motore.

La 24 Ore di Rouen

L’endurance per i francesi è qualcosa di innato. L’endurance, la prova di resistenza, per i francesi è vitale e parte dalla vela, con tutte le declinazioni della course au large e arriva ai motori. Pensiamo alla 24 ore di Le Mans ad esempio. Renato Molinari ottenne quattro vittorie a Rouen: 1976, 1979, 1980, 1981. Lo scafo all’asta è quello usato nel 1979 quando Molinari si rivolse alla Abarth. Ecco come iniziò la storia di questo scafo.

La storia di questa barca unica

“L’ing. Aurelio Lampredi, amministratore unico della Abarth, dopo aver valutato attentamente la richiesta avanzatagli da Molinari, gli presentò un preventivo di circa 300 milioni di lire (circa 150.000 euro). Renato, naturalmente, disse che non poteva disporre di tale somma, ma Lampredi, che immaginava la risposta del richiedente e al contempo ne conosceva la fama, affermò che l’ Abarth era disposta a supportare la sfida, ma aggiunse anche che il suo nome sarebbe dovuto comparire ufficialmente solo in caso di successo.

Lo scafo, che venne allestito direttamente nelle officine della Abarth, mostrò sin dalle prime prove un grande potenziale e al contempo un preoccupante surriscaldamento del motore sul quale era stato installato uno scambiatore di calore. In seguito tale apparato venne tolto e improvvisamente i problemi scomparvero permettendo così all’equipaggio formato da Molinari, Vassena e Panzeri di aggiudicarsi piuttosto agevolmente la gara.”

Virgolettato tratto dal libro: “RACER UN SECOLO DI ENTROBORDO”

Vuoi partecipare all’asta o saperne di più? Clicca qui


SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DI BARCHE A MOTORE

Interviste, prove di barche, webinar. Tutto il mondo delle barche a motore, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

NON PERDERTI I MIGLIORI ARTICOLI! 

Per rimanere aggiornato su tutte le news sulla nautica, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter di Barche a motore! Basta cliccare il link qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di barche a motore! È gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno! CLICCA QUI

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

L'impianto di produzione di Chiavari - Sanguineti

Sanguineti cresce ancora e punta triplicare i ricavi nel 2026

Da una parte c’è una dimensione artigianale rappresentata da Sanguineti, un’azienda ligure di Chiavari con 65 anni di esperienza nella costruzione di equipaggiamenti ricercati e di alta qualità per superyacht. Specializzata nella produzione di passerelle, scale multifunzione, gru per tender,

Beneteau Swift Trawler 41

Come diventare skipper (in regola) e lavorare sulle barche

Lo aspettavamo da tempo e finalmente è arrivato. Ecco il decreto che spiega come si svolgerà l’esame per diventare “Ufficiale del diporto di II classe“. Questa nuova figura, pensata per l’Italia e le barche battenti bandiera italiana (anche adibite a