Il più grande produttore di yacht al mondo (2023) è italiano. È Azimut Benetti

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Gruppo Azimut Benetti
Il nuovo superyacht Benetti B.Yond 55M

Ancora una volta il Made in Italy si conferma come l’eccellenza mondiale nel mondo della nautica e, ancora una volta, a confermarlo è il Gruppo Azimut Benetti, classificandosi come leader assoluto nella produzione di mega yacht al mondo. Per il 24esimo anno consecutivo! A confermarlo è il Global Order Book, che ogni anno stila la classifica di riferimento del settore, premiando Azimut Benetti nel 2024 a fronte sia del numero di unità in costruzione, sia per lunghezza complessiva dei progetti: 167 barche, equivalenti a un totale di 6014 metri, ovvero il 14% del mercato mondiale preso in esame.

Azimut Benetti è il leader mondiale nella produzione di mega yacht

L’ennesimo risultato importante, insomma, per il Gruppo guidato dalla famiglia Vitelli confermato primo al mondo nella produzione oltre i 24 metri con una quota del 14% del mercato mondiale, un valore della produzione in crescita del 23% e un Ebitda al +50%.

Gruppo Azimut Benetti
I Top costruttori per lunghezza costruita. In testa il Azimut-Benetti, seguita dall’altra italiana, Sanlorenzo (courtesy of BI)

Azimut Benetti – 24 anni da Leader

Numeri importanti quelli evidenziati, ma non relativi alla sola carta, perchè trovano congerma anche nei risultati record registrati dal Gruppo: la crescita del valore della produzione, al 31-08-23, e infatti superiore del 23% all’anno precedente, mentre, guardando al margine operativo lordo (Ebitda), l’aumento incrementa invece del 50%. Si conferma così la solidità del percorso intrapreso, come dimostra a sua volta l’incremento del valore della produzione, quasi raddoppiato nel periodo quinquennale in esame: da 700.000 milioni di euro a 1.3 miliardi di euro. A queste cifre si appaia il portafoglio ordini, esteso fino al 2027 grazie al successo di modelli immessi sul mercato.

Benetti B.Now 67M

Guardando però oltre quelli che sono i risultati economici ottenuti –a quali è garantito un investimento di 150 milioni di euro nel prossimo triennio – il Gruppo pianifica di continuare il proprio impegno nella ricerca di migliori soluzioni per ridurre l’impatto ambientale, come già annuncia sottolineando i miglior risultati della nautica nell’abbattimento delle emissioni di CO2. A questo si affianca il primo accordo di settore per l’utilizzo del biocarburante HVO.Parimenti, il Gruppo si è anche fatto promotore dell’elaborazione di un indice pubblico per la misurazione dell’efficienza degli yacht, in collaborazione sia con il Lloyd’s Register, sia con Superyacht Eco Association.

Azimut Benetti Group


Potrebbe interessarti anche:

BMW e Tyde l’hanno di fatto di nuovo, ancora più in grande. Ecco il 15 m foiling elettrico “The Open”

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

barca chiara ferragni

Ferragni o Fedez? Chi si prende la barca dei Ferragnez?

A chi andrà “Raviolo” dopo la separazione tra Chiara Ferragni e Fedez che ha fatto impazzire il web? Raviolo è il nome del motoscafo Riva in legno che la coppia, quando era ancora assieme, ha deciso di acquistare nell’estate del

Ecco il primo fuoribordo a idrogeno per le barche “normali”

Di motori elettrici, finora, ne abbiamo visti tantissimi. Dai piccoli di Torqeedo al potentissimo Evoy da 300 cavalli. Concentriamoci sui fuoribordo. In questo scenario entra “a gamba tesa” Yamaha (forte anche dell’acquisizione recente di Torqeedo) e sotto le luci dei riflettori