La barca a motore dell’anno è il Cap Camarat 9.0 di Jeanneau

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Cap Camarat 9.0 di Jeanneau
Cap Camarat 9.0 di Jeanneau

Il Cap Camarat 9.0 Center Console e Walk Around di Jeanneau è il vincitore del premio Motor Boat Award 2019 nella categoria Sportsboats e RIBS.

Il premio, organizzato dalla rivista inglese Motor Boat and Yachting, ha visto in finale queste 5 barche:

  • Agapi 950
  • Finnmaster T8
  • Jeanneau Cap Camarat 9.0
  • Nimbus W9
  • Parker 850 Voyager

LA BARCA A MOTORE DELL’ANNO

Jeanneau Cap Camarat 9.0 CC, quando eleganza e attitudine “fishing” si sposano

L’ammiraglia dei center console di Jeanneau è prima di tutto una Med Boat. Un day cruiser elegante e versatile, che consente di imbarcare nei suoi 9,12 metri fino a 11 persone. Volete invitare tutti i vostri amici per una giornata di pesca o di bagni in relax? Potete farlo senza problemi e anche stare certi che non si annoieranno. A poppa questa barca può montare un singolo motore da 350 cavalli o la doppia motorizzazione da 250 cavalli. Il risultato è adrenalina con il vantaggio di avere più stabilità e potenza nel caso della doppia. Le performance “fishing” non dimenticano però la famiglia dell’armatore che magari predilige una crociera di un paio di giorni, improntata più sulla comodità che sulle prestazioni. La scelta di una motorizzazione fuoribordo su questo 9 metri, in linea con i trend attuali, aumenta lo spazio a disposizione sottocoperta, con il letto doppio centrale ed uno scompartimento wc/doccia separata.

Versatile ed elegante

A poppa e a prua lo spazio non manca, con gli accorgimenti giusti per la crociera e per la pesca. La una consolle di guida massiccia e protettiva alla quale si può aggiungere il T-Top (opzionale) che diventa davvero un bell’elemento di distinzione estetica, oltre che funzionale. Uno dei tratti più salienti è la modularità e la trasformabilità della coperta con le aree a prua e a poppa che, sfruttando le numerose sedute presenti di serie, possono diventare grandi prendisole, dinette per pranzo e relax o rimanere libere per lasciare spazio alle esigenze di chi pesca.

LA BARCA DA PESCA MIGLIORE DEL 2018 E’ UN BOSTON WHALER

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

barca chiara ferragni

Ferragni o Fedez? Chi si prende la barca dei Ferragnez?

A chi andrà “Raviolo” dopo la separazione tra Chiara Ferragni e Fedez che ha fatto impazzire il web? Raviolo è il nome del motoscafo Riva in legno che la coppia, quando era ancora assieme, ha deciso di acquistare nell’estate del

Ecco il primo fuoribordo a idrogeno per le barche “normali”

Di motori elettrici, finora, ne abbiamo visti tantissimi. Dai piccoli di Torqeedo al potentissimo Evoy da 300 cavalli. Concentriamoci sui fuoribordo. In questo scenario entra “a gamba tesa” Yamaha (forte anche dell’acquisizione recente di Torqeedo) e sotto le luci dei riflettori