E se le barche andassero a metanolo? Gli inglesi ci provano

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Archipelago 47
Archipelago 47

Per un settore come la nautica diventare più “sostenibili” è facile a parole, ma nei fatti è molto complesso. Parliamo solo di diporto, ovviamente, e non di navi. Già la vetroresina, materiale di cui la stragrande maggioranza delle barche è costruita, ha molte criticità in questo senso, non ultimo lo smaltimento (o rottamazione). Al contempo la propulsione elettrica a batteria ha ostacoli molto importanti da superare: peso delle batterie, autonomia e prezzo. Si guardano, quindi, anche soluzioni diverse. Come svilupparle? Un esempio ci arriva dal Regno Unito.


Potrebbe interessarti:

Fuoribordo a idrogeno. Yamaha ha pronto il primo prototipo


Il ministero dei Trasporti con il piano “UK Shore” ha messo sul piatto ben 206 milioni di sterline, per incentivare lo sviluppo della tecnologia necessaria a decarbonizzare il settore marittimo nazionale. L’obiettivo è avere una transizione guidata dall’industria verso l’obiettivo Net Zero. Tra le proposte c’è anche quella di una barca a bio-metanolo che si è assicurata una parte dei fondi: il progetto è di Archipelago Yachts, Chartwell Marine, Boat Electrics and Electronics (BEE) e Engineered Marine Systems (EMS).

La barca a bio metanolo: un progetto UK

Cosa succede ora? Con questo finanziamento il cantiere deve sviluppare una “demo-boat” che sia alimentata da bio-metanolo pulito e che abbia quindi basse emissioni di carbonio. Il modello scelto? L’Archipelago 47, progettato dagli architetti navali Chartwell Marine. È un catamarano di quasi 50 piedi, con volumi importanti, vivibilità ed un DNA da imbarcazione da lavoro per ciò che riguarda struttura e resistenza. La finalità d’uso? Uno yacht per le crociera in famiglia. Parliamo quindi di dimensioni già di rilievo, per cui è necessario un pacchetto propulsivo adeguato.

Biometanolo in barca

Il sistema di propulsione che verrà utilizzato per questa nuova imbarcazione è stato progettato da Archipelago e Chartwell con i collaboratori BEE e EMS. Il progetto avrà un sistema ibrido parallelo, che combina l’energia pulita derivata da una coppia di riformatori di metanolo e celle a combustibile a idrogeno.

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

barca chiara ferragni

Ferragni o Fedez? Chi si prende la barca dei Ferragnez?

A chi andrà “Raviolo” dopo la separazione tra Chiara Ferragni e Fedez che ha fatto impazzire il web? Raviolo è il nome del motoscafo Riva in legno che la coppia, quando era ancora assieme, ha deciso di acquistare nell’estate del