Coronavirus: in Europa c’è chi continua a costruire barche e chi si blocca

Danni alla barca in porto ai tempi del Covid: ecco chi paga
11 Aprile 2020
Il porto peschereccio di Caorle.
Vacanze in barca: i porti del Veneto e Friuli-Venezia Giulia
12 Aprile 2020

Il Coronavirus ha rivoluzionato le vite di tutti. Com’è la situazione dei cantieri in Europa?

Facciamo il punto con 10 giornalisti di dieci paesi diversi del Best of Boats Award. Per l’Italia parla il membro della giuria Giacomo Giulietti, collaboratore di Barche a Motore.

Coronavirus, le conseguenze sull’industria del diporto in Europa

  • ITALIA, il primo paese in Europa colpito dal virus

L’Italia è stato il primo Paese occidentale ad avere a che fare con il Covid-19. La situazione è riportata quotidianamente sui giornali e la sua gravità è evidente. Il lock-down è totale: niente eventi, niente produzione, niente servizio (se non supermercati e pochi altri). I cantieri navali stanno cercando di prepararsi per i giorni del post coronavirus. Ecco le testimonianze di un grande cantiere, di un piccolo cantiere e di un distributore, così da fare una panoramica più completa possibile.

Pardo Yachts

Gigi Servidati, presidente del Cantiere del Pardo, proprietario del marchio Pardo Yachts ci spiega che a seguito del decreto Cura Italia del 22 marzo 2020, il Cantiere del Pardo ha sospeso l’attività regolare fino al 13 aprile 2020 per preservare la salute e la sicurezza dei dipendenti.

“L’interruzione straordinaria dell’attività regolare è di natura temporanea – spiega Servidati – e quindi non interferirà con le consegne programmate delle navi già completate. Non appena questo difficile momento sarà finito, riprenderemo il nostro lavoro immediatamente e con più energia di prima”.

Tuccoli Fishing Boats

“Fino a venerdì 20 marzo il personale operativo dedicato alla costruzione delle imbarcazioni e al montaggio ha lavorato regolarmente con le precauzioni cioè distanza di sicurezza, le maschere, il lavaggio delle mani, ecc.”

A seguito del decreto Cura Italia, anche la produzione di Tuccoli è stata temporaneamente sospesa fino al lunedì di Pasqua. “Siamo fiduciosi che la situazione si risolverà in tempi ragionevoli” – dice Paolo Sanguettola, nella sua prospettiva “entro due mesi”. Questo significherebbe avere il minor impatto possibile delle consegne previste per la primavera e l’estate. Il suo obiettivo è “riprendere il nostro lavoro con più energia, non appena questo difficile momento sarà superato”.

Nel frattempo continua lo smart working per gli impiegati, la logistica, il post-vendita e l’ufficio tecnico. “Il loro lavoro da casa è ancora più efficace in questa fase”. Non sapendo se grazie all’arresto forzato della produzione potrebbero spuntare “qualche bella sorpresa”, Sanguettola esprime quello che non ha perso il senso dell’umorismo: “Per aspera ad astra!

Nautica Feltrinelli

Mauro Feltrinelli, amministratore delegato di Nautica Feltrinelli, è distributore dei motoscafi Frauscher in Italia. “Riceviamo ogni giorno telefonate per chiedere informazioni sulla situazione. Vogliamo rassicurare tutti: stiamo bene”. Il personale è rimasto al lavoro fino a quando la situazione lo ha permesso, per prepararsi alla stagione estiva. “Seguiamo da vicino l’andamento degli eventi e osserviamo attentamente le indicazioni e le procedure di sicurezza delle autorità – afferma Mauro Feltrinelli. E aggiunge: “L’Europa sta attraversando una situazione difficile, ma siamo sicuri che potremo ricominciare grazie alla collaborazione di tutti”


  • POLONIA, il paese che va avanti (per ora)

La Polonia è il banco di lavoro dell’industria nautica in Europa e paese in cui vengono effettivamente prodotte le barche di molti brand internazionali. Fino al 7 aprile, la produzione è andata avanti senza subire interruzioni o modifiche particolari. Naturalmente sono state applicate ulteriori misure igieniche e ci vuole poco più tempo, ma la produzione sta andando come previsto. A quella data non c’erano né seri problemi di ritardi nei pagamenti o nelle consegne.

La sfida ad oggi è quella di ricevere materiale dai fornitori  di altri paesi. No, non dalla Cina, come tutti si aspetterebbero: Il Gruppo Beneteau ha chiuso i suoi stabilimenti in Francia, Mercury aveva chiuso il suo sito produttivo a Fond du Lac negli Stati Uniti. Quindi molto presto potrebbe esserci un problema con la consegna dei motori.

Qualcuno si ferma

Da inizio aprile la situazione è cambiata. Il governo polacco ha introdotto ulteriori restrizioni come l’allontanamento fisico nel pubblico, nei negozi e nei luoghi di lavoro. Parchi, spiagge e altri spazi pubblici ricreativi sono chiusi. Dall’inizio di aprile il cantiere navale Delphia, ora parte del Gruppo Beneteau, ha sospeso la produzione. Poco dopo, anche Ostroda Yacht, uno dei principali cantieri Beneteau, ha sospeso la produzione. Ad oggi però, oltre ai siti produttivi Beneteau, solo Mirage Boats e Viking hanno sospeso la produzione di imbarcazioni.

Sunreef Yachts continua

Francis Lapp, CEO di Sunreef Yachts, fa il punto sulla pandemia per il cantiere. L’igiene e la disinfezione dei locali è diventata una priorità per costruttore di multiscafi. I dipendenti che possono lavorare a distanza lavorano da casa. La produzione avviene in locali regolarmente disinfettati. Le sfide per il cantiere polacco sono oggi nel rispetto dei ritmi di produzione e il mantenimento delle prestazioni desiderate.

“Non stiamo fermando la produzione, stiamo semplicemente facendo tutto con molta più attenzione. L’ottimismo non ci abbandona”, è ottimista il direttore di Sunreef. “Non osserviamo cambiamenti drastici nell’interesse per il prodotto. Abbiamo appena firmato un contratto per la costruzione di un’unità di 100 piedi”.

Negozi chiusi, porticcioli aperti, vietato andare in barca

La nautica da diporto intanto resta ferma anche in Polonia. I porticcioli in generale sono aperti, ma le strutture, come le gru e l’assistenza tecnica, sono chiuse. Con le nuove restrizioni, anche l’uso delle imbarcazioni da diporto è vietato, per il momento fino al 13 aprile. Nonostante le restrizioni, i preparativi per la nuova stagione sono in corso soprattutto sulle vie navigabili interne. Le compagnie di charter stanno preparando più fluidi disinfettanti e guanti e sperano di iniziare una stagione più o meno normale a partire da metà aprile o inizio maggio.

Come affermano i concessionari di Jeanneau e Cranchi in Polonia, non ci sono ritardi nella consegna delle piccole imbarcazioni che sono costruite in Polonia. Una sfida sono le barche provenienti dalla Francia e dall’Italia, dato che le frontiere sono chiuse. Queste barche sono pronte o quasi pronte per essere consegnate al cliente, ma è impossibile ottenerle dalle fabbriche, confermano i concessionari.


  • PAESI BASSI, rigide restrizioni, continuano le attività del cantiere

Nei Paesi Bassi si applicano le misure generali come il mantenimento di una distanza minima l’una dall’altra, nessun raduno, scuole chiuse e così via.

Per il momento queste misure sono valide fino al 28 aprile, ma ci sono buone probabilità che vengano estese. Gli eventi che attirano più di 100 visitatori sono comunque vietati fino al 1° giugno. Anche il viaggio è difficile perché il 90% dei voli regolari è sospeso. La maggior parte dei porti turistici sono aperti, ma a condizioni severe. Gli yacht olandesi che attualmente navigano in tutto il mondo stanno affrontando una situazione molto difficile. Soprattutto nei Caraibi, numerosi yacht a vela olandesi cercano di trovare rifugi sicuri, ma non sono da nessuna parte i benvenuti. Questo è difficile e anche pericoloso con l’avvicinarsi della stagione degli uragani.

I cantieri navali continuano le attività

Alla Sichterman Yachts, ad esempio, i lavori continuano, ma non è possibile visitare il cantiere. Il personale lavora il più possibile da casa. Attualmente lavorano solo esperti di produzione nelle immediate vicinanze del cantiere. Reginald Timmermans afferma: “Attualmente ci sono questioni più importanti di cui parlare rispetto allo yachting. Per Sichterman, la salute dei dipendenti ha la massima priorità”.

Anche a Saffier Yachts continua, ma a condizioni molto severe. Abbiamo parlato con Dennis Hennevanger, comproprietario del cantiere: “Recentemente abbiamo consegnato un Saffier Se 33 UD ai laghi Loosdrecht. E il cantiere è pieno di tutti i tipi di modelli Saffier pronti per il varo”. La cosa più importante: “Tutti sono sani e abbiamo preso la massima precauzione in cantiere facendo diversi turni e lavorando a 2 metri di distanza sulle barche, disinfettando le mani dopo ogni lavoro”.


  • FINLANDIA Basso numero ufficiale di infezioni, nessun effetto sul settore nautico

Con un numero relativamente basso di persone infette, il governo finlandese aveva stabilito limitazioni al movimento personale. Così la grande area di Helsinki – dove si trova la maggior parte delle persone infette da Corona – è isolata dal resto del Paese fino al 19 aprile. Sono consentiti solo i passaggi di frontiera legati al carico e al lavoro. Praticamente chiuse sono tutte le attività pubbliche come hobby, ristoranti, scuole e raduni di più di dieci persone. Le scuole sono chiuse fino al 13 maggio, i ristoranti e i bar non aprono prima della fine di maggio.

Calo delle vendite da febbraio

Per il settore nautico gli effetti della pandemia sono bassi, ad ora. La stagione nautica non è ancora iniziata, quindi il 99% delle imbarcazioni è ancora nei depositi invernali o nei magazzini dei produttori e concessionari. Tutti i principali produttori di barche stanno lavorando e si stanno impegnando per le consegne esistenti prima dell’estate, mettendo in conto la possibilità di eventuali ritardi.

Da febbraio si è visto un calo delle nuove vendite e degli ordini. Molte aziende prevedono licenziamenti o la chiusura anticipata delle fabbriche prima della normale pausa estiva che in Finlandia è nel mese di giugno. La speranza è di ricominciare ad agosto. Molti produttori, concessionari e banchine invernali hanno annunciato che lavorano rigorosamente a porte chiuse, quindi non è permesso a nessun altro, se non al proprio personale, di essere presente sul posto.

Bella Boats

Janne Mäkelä, Brand Manager di Bella Boats, ha fornito alcuni spunti sull’attuale sviluppo: “Dopo un inizio d’anno impegnativo, abbiamo visto un marzo sorprendentemente sano per quanto riguarda le vendite e le consegne ai clienti finali”. Ora c’è un netto calo di nuove vendite e nuovi ordini da parte dei concessionari. “Al momento stiamo mantenendo la produzione e siamo in grado di adempiere alle consegne per aprile e maggio”, dice Mäkelä, “ma dopo di ciò dobbiamo solo aspettare e vedere come si evolvono le cose giorno per giorno”.


  • SLOVENIA, il Covid-19 scuote l’industria nautica del paese

Poco dopo la riduzione drastica della vita pubblica in Slovenia, dai cantieri navali all’estero sono arrivate informazioni contraddittorie, che vanno dal regolare proseguimento della produzione fino al completo arresto dei lavori.

La Slovenia è la patria di tre grandi cantieri navali di importanza internazionale: per il motore Greenline Yachts, per la vela Elan Yachts e Seascape. Alcune aziende più piccole producono principalmente imbarcazioni su misura, parti di imbarcazioni e attrezzature.

Greenline Yachts

Da Greenline Yachts riceviamo l’informazione che la sicurezza dei lavoratori ha la massima priorità. Pertanto l’orario di lavoro è stato immediatamente modificato da uno a due turni per avere meno contatti tra i lavoratori, protetti con maschere e guanti. I liquidi disinfettanti sono disponibili su tutte le postazioni di lavoro. Il 70% del personale dell’ufficio lavora da casa.

La consegna delle imbarcazioni Greenline avverrà in tempo almeno fino ad aprile. Dopo di che dipende dalla catena di fornitura o da eventuali restrizioni decretate dal nuovo governo. Vladimir Zinchenko, proprietario e CEO di SVP Yachts, il costruttore di Greenline Yachts, dice: “La nostra visione di Greenline non può essere fermata da un virus. Rimaniamo positivi, ma prendiamo la situazione molto seriamente”. Così sono stati fatti colloqui con tutti i clienti che hanno ordinato una barca. “Siamo felici di vedere che tutti rimangono ottimisti e non vediamo l’ora di ricevere la loro barca in estate, anche se potrebbe arrivare con un leggero ritardo”.

Elan Yachts

A Elan Yachts, costruttore di barche dal 1949, ha interrotto preventivamente tutte le attività a partire dal 16 marzo. Per la sicurezza e la salute dei dipendenti questo rimane almeno fino al 14 aprile. La dichiarazione di Elan Yachts termina: “Quando riapriremo la produzione, tuttavia, prenderemo naturalmente le misure di cui sopra e seguiremo le istruzioni dei servizi competenti”.


  • AUSTRIA precauzioni nella produzione di imbarcazioni

L’Austria ferma la vita pubblica. In Austria i porti turistici sono generalmente chiusi, quindi i proprietari non possono accedere alle loro barche. La chiusura ha alcuni effetti anche sull’industria nautica. La produzione del cantiere Frauscher è attualmente in scala ridotta. Con due team di produzione separati per mantenere gli standard igienici richiesti, la costruzione delle barche si svolge su due turni. Il team di vendita e quello degli uffici lavora nell’ufficio di casa.

Silent Yachts

Alla Silent Yachts due dei quattro stabilimenti di produzione sono attualmente in grado di produrre normalmente. Alcuni ordini presi potrebbero avere ritardi. Per il Cannes Yachting Festival 2020 sono previsti due nuovi lanci, e le nuove imbarcazioni sono finora nei tempi previsti. Se ci saranno ulteriori ritardi nelle catene di fornitura, dice il CEO di Silent Michael Köhler, i lanci potrebbero dover essere rinviati.

Marian Boats

Il produttore di lusso Marian Boats continua a costruire, ma segue regole rigidissime spiega il boss Alex Marian. “Ogni dipendente deve indossare i guanti e mantenersi a grande distanza l’uno dall’altro. Inoltre, tutte le porte, i tavoli, gli attrezzi, ecc. sono disinfettati ogni giorno. Siamo tutti sani e non siamo ancora stati colpiti dalla crisi in modo così grave”.

Le presentazioni delle nuove imbarcazioni devono però essere rimandate. L’obiettivo principale del piccolo cantiere per quest’anno sarà quello di ridurre i costi. Questo include la riduzione del personale del 20%. Anche Alex Marian vede qualcosa di positivo dalla situazione attuale: “Molti clienti non possono o non vogliono andare in vacanza quest’estate. Rimangono a casa e vogliono fare una gita in barca sul lago”.

SAY Carbon Yachts

SAY Carbon Yachts produce nella regione tedesca dell’Allgäu, ma Karl Wagner, CEO e la mente dietro il marchio SAY, è originario di Salisburgo in Austria. “A Wangen produciamo normalmente”, dice, “il designer lavora da casa”.
Il lancio mondiale del SAY 42, previsto per il Palma Boat Show 2020, è rimandato. Karl Wagner prevede attualmente un leggero calo delle vendite, in quanto alcuni clienti sono in attesa dei test, dove “non è ancora noto quando queste saranno di nuovo possibili”.


  • GERMANIA, i tedeschi non si fermano

La Germania ha uno dei tassi più alti di infezioni da Coronavirus in Europa, ma il tasso di mortalità è ancora relativamente basso. A differenza della maggior parte delle case automobilistiche tedesche, i produttori di barche di serie continuano a produrre le loro imbarcazioni. E questo vale non solo per Hanse Yachts a Greifswald e Bavaria a Giebelstadt, ma anche per i produttori più piccoli.

Bavaria Yachts, tra rispetto delle consegne e sicurezza

La produzione di Bavaria Yachts presso la sede centrale di Giebelstadt continua a funzionare “in modo del tutto normale con le dovute precauzioni per evitare di esporre i nostri dipendenti a rischi inutili”.
La capacità di consegnare non ha finora sofferto. “Solo questa settimana circa 15 barche lasceranno il cantiere. E siamo molto fiduciosi di poter continuare a consegnare tutte le barche ordinate nei tempi previsti”, dicono. Secondo il cantiere, anche lo sviluppo di nuovi modelli è nei tempi previsti “e continueremo a seguire questo programma”.

Hanse Yachts: produce, ma rallenta

“Tutte e quattro le città di produzione di HanseYachts sono ancora impegnate nella produzione” ha riferito l’azienda e dal 25 marzo non ci sono stati ulteriori aggiornamenti. Oltre a Greifswald, il gruppo del cantiere navale produce anche presso il proprio stabilimento in Polonia e presso la filiale francese Multihull Privilege. “Anche in Francia, dove le restrizioni più severe sono imposte dallo Stato, la produzione è ancora in corso”.

“Possiamo già prevedere, tuttavia, che non riusciremo a mantenere l’attuale altissima velocità di produzione come previsto. Continueremo a produrre, ma più lentamente.” Se le barche saranno completate dopo il 1° luglio 2020, ciò significa che  cadrà per HanseYachts nel prossimo anno fiscale. La società ha quindi dovuto ritrattare le sue previsioni per l’esercizio in corso.

Europe Marine

Europe Marine produce imbarcazioni a motore di ispirazione americana, finora a piena capacità. Le misure di protezione con disinfezione e distanza minima sono una cosa ovvia. “La nostra produzione continua a funzionare normalmente, naturalmente anche a distanza, poiché non c’è nessun caso in azienda o nell’ambiente privato”, dice Sybille Nürnberger.
Finché la situazione economica eccezionale causata dalla crisi della corona non durerà più di tre mesi, non ci saranno cambiamenti in Europe Marine, dice Sybille Nürnberger. “Non dipendiamo né dalle catene di approvvigionamento, né dalle catene di fornitura, ma possiamo continuare a consegnare attraverso il nostro grande magazzino con Viper Powerboats e Auster”.

Hellwig Boote, la produzione nel focolaio

Hellwig Boote produce imbarcazioni nell’estremo ovest della Germania, nel distretto di Heinsberg, dove il Coronavirus si è diffuso in modo particolarmente precoce e forte. Ogni anno escono dai capannoni di produzione, che si trovano a circa 50 chilometri da Düsseldorf, circa 100 imbarcazioni a motore lunghe fino a 5,80 m. Qui la produzione continua, ma un quarto della forza lavoro di 16 persone è assente. “Le consegne dall’Italia, dalla Francia e dalla Polonia arrivano troppo tardi o non arrivano affatto. Non riusciremo a rispettare le date di consegna”.


  • DANIMARCA, resiste in tempi difficili

Gli affari della nautica vanno ancora bene in Danimarca, anche se ovviamente ridimensionati dal coronavirus. I porti sono aperti e la gente sta lavorando alle barche per la primavera. Parlando con molte persone dell’industria nautica per le barche più piccole, le persone sono generalmente ancora positive.

Le barche danesi X-Yachts, Luffe Yachts e Faurby Yachts stanno andando bene. Tutte e tre le aziende hanno molto da fare. Anche i cantieri più piccoli con lavori di refit stanno andando bene.

Per X-Yachts, il più grande cantiere navale danese per imbarcazioni da diporto, afferma l’amministratore delegato Kræn Nielsen: “In un periodo insolito come questo, stiamo ancora lavorando e preparando le nostre barche per la consegna ai nostri clienti – tuttavia, nel più profondo rispetto delle precauzioni”. Il reparto vendite di X-Yachts del cantiere e la rete globale di concessionari sono al lavoro. “Il porto del cantiere si sta riempiendo di barche come in tutti gli anni precedenti. Stiamo lavorando in anticipo e abbiamo preparato e allestito numerose barche per la consegna”, aggiunge l’amministratore delegato.

  • UCRAINA, il paese è vicino alla chiusura, ma l’industria nautica è intatta

L’Ucraina ha ordinato al pubblico regole di quarantena molto severe con solo auto private ammesse per il trasporto. Le persone dovrebbero generalmente rimanere a casa. Niente bar, niente teatri, niente caffè – almeno fino al 24 aprile.

Quindi, anche tutti i marina sono chiusi, senza alcuna vita acquatica. I produttori di barche in Ucraina – come Briga, Grand, Adventure, UMS Boats, per citare le marche più note – stanno lavorando come al solito.


  • RUSSIA, qualcosa sta cambiando

Due settimane fa i numeri ufficiali Covid-19 in Russia erano ancora piuttosto bassi. Da allora la situazione è notevolmente cambiata, e una “pausa di autoisolamento” a livello nazionale, annunciata il 28 marzo, durerà fino al 30 aprile. Le regole generali della quarantena sono: non sono ammessi raduni di più di 50 persone, 14 giorni di distanza sociale è un must per chi arriva dall’estero.

Porti turistici e porticcioli per yacht in pieno servizio

Fino a due settimane fa, direttamente prima dell’annuncio del governo, i porti turistici e i cantieri navali hanno continuato il loro normale lavoro. “Non avevamo ordini amministrativi da parte del governo della città”, dice Ilya Miri, direttore del Royal Yacht Club di Mosca. “La stagione non è ancora iniziata, il porto turistico è vuoto”. Anche altri porti turistici sono andati avanti, come ha confermato Yuriy Kharlamov, amministratore delegato del porto turistico di Mosca. Finora è stata apportata una modifica: “Abbiamo cambiato parte dello staff in licenza”.

Anche i cantieri navali russi sembravano non essere interessati dalla chiusura. “Continuiamo il normale funzionamento. e tutta la nostra roba viene fornita con ulteriori dispositivi di protezione personale e antisettici”, dice Anton Kozhinov, capo del cantiere North Silver di San Pietroburgo. “Abbiamo uno stock sufficiente di componenti, ma se le restrizioni saranno attive per più di due mesi avremo problemi legati alle consegne dall’Europa, cioè dall’Italia”.

Le vendite sono salutari: “Abbiamo venduto quasi tutte le barche costruite per la prossima stagione e al momento accettiamo ordini per modelli selezionati da costruire a settembre e persino a ottobre. Le prospettive sembrano però poco chiare, dato che i nostri concessionari europei, soprattutto in Scandinavia, hanno problemi a causa dei saloni nautici cancellati”.


AIUTACI A TENERTI SEMPRE AGGIORNATO

I giornalisti di Barche a Motore, insieme con Giornale della VELA e Top Yacht Design si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 29,90 euro!

4 Comments

  1. Fabiano ha detto:

    Perdonatemi, non di può sentire: “ continua il lavoro intelligente per gli impiegati“.

    Dite TELELAVORO se vi manca il termine per tradurre Smart working.
    Grazie.

    • Ciao Fabiano,

      Grazie del consiglio, ripristiniamo “smart working” che nella traduzione dell’intero servizio ci è sfuggito. Se avessi anche considerazioni un po’ più di sostanza saremmo ben lieti di ascoltarle 🙂

      Buona Pasqua,

      La Redazione

  2. Mauro ha detto:

    Articolo interessante ma avete tralasciato una bella fetta della produzione europea non parlando dei cantieri francesi, non ci sono notizie in merito?
    Grazie

    • Buongiorno Mauro,

      Non abbiamo avuto sufficienti informazioni circa la situazione. Si è parlato comunque di uno dei principali cantieri francesi, Beneteau, a più riprese nel corso dell’articolo e di come stanno affrontando la situazione.

      Grazie,

      La Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *