Barche da tenere d’occhio per il 2024: Saxdor 460 GTC & 320 GTWA

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

 

SAXDOR 460 GTC
Saxdor 460 GTC

Una nuova ammiraglia (circa 14 metri) ed un nuovo walkaround di 10 metri. Da Saxdor, dopo il lancio del nuovissimo 400 GTC (ve lo raccontiamo qui), sono state svelate due ulteriori modelli per il 2024. Ecco, quindi, i nuovi cabinati del marchio, fuoribordo e con murate abbattibili: sono il Saxdor 460 GTC e il Saxdor 320 GTWA.

Saxdor 460 GTC & 320 GTWA

Squadra che vince non cambia. Questa sembra essere la formula attuale applicata ai due nuovi arrivati nella line-up Saxdor. A guardare i due scafi, infatti, si evince la discendenza dei due modelli dal design che caratterizza il resto della gamma, con linee affini, sempre slanciate e pulite, e elementi vicini al family feeling del cantiere. Più nel dettaglio, però, se il 320 GTWA sarà probabilmente un walkaround stile 320 GTO, la futura ammiraglia, il 460 GTC, sfrutterà invece l’intero baglio a disposizione, garantendo accesso alla lounge prodiera dall’interno, attraverso un passavanti ricavato nel parabrezza.

Saxdor 320 GTWA
Saxdor 320 GTWA

Anteprima: cosa sappiamo sui due Saxdor

A guardare i modelli, emerge immediatamente la decisione di mantenere centrale il ruolo della cabina vetrata chiusa, soluzione che pur mantenendo una visibilità e vivibilità forte con l’ambiente circostante, che offre anche il massimo della protezione e del comfort, estendendo le possibilità di fruizione su diverse stagioni e/o contesti meteo. Testimonianza di questo è anche il tetto apribile, presente su entrambi gli scafi e garante di un’ottima aerazione dell’ambiente.

Cambia invece il design, tra un modello e l’altro, con il 320 GTWA a presentare una pilothouse proiettata verso prua, con il parabrezza inclinato in avanti e un maggior aggetto poppiero del tetto.

La nuova ammiraglia, avrà un look meno “heavy-duty”, con il parabrezza proiettato verso poppa e linee più sportive.

Sopra: 320 GTWA. Sotto: 460 GTC

Meno profonda la differenza in termini di layout esterni, con ambedue gli scafi ad offrire una lounge prodiera completa di divani e tavolino. Venendo al pozzetto, invece, le murate abbattibili garantiranno una notevole espansione della superficie. A poppa, in ambedue i casi, due plancette circonderanno la propulsione fuoribordo, composta da 3 motori sul 460, due, invece, sul 320.

Venendo ai volumi interni, necessariamente diversi viste le proporzioni, ancora non è stato ufficializzato un layout. Saranno, però, modelli cabinati, come è presumibile intuire visti i volumi e la tughetta prodiera rialzata, soluzione dedicata all’aumento delle altezze nelle aree sottocoperta. La struttura cabin, a sua volta, sarà dedicata sia alla timoneria, sia al relax, con un’area comfort posta, quindi, qui, al riparo degli agenti atmosferici.


Potrebbe interessarti anche:

TEST Joker Clubman 32: il gommone veloce da crociera (in 9 metri)

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Maserati Tridente, questo è il primo motoscafo della Maserati

Tridente, questo è il nuovo motoscafo secondo Maserati

Maserati si lancia nel mondo delle barche a motore con Maserati Tridente, il primo motoscafo della casa modenese 100% elettrico. Sarà un 10 metri a propulsione elettrica sviluppato in collaborazione con Vita Power. La top speed promessa? 40 nodi e

Riva El-Iseo - In nav

Il primo motoscafo elettrico di Riva vola a 40 nodi

Si chiama El-Iseo il primo passo dello storico marchio di motoscafi Riva nel mondo dell’elettrico. Abbiamo dovuto attendere un po’, ma alla fine il risultato sembra un’imbarcazione davvero innovativa e un caso unico nel segmento dell’E-Luxury. L’impegno principale del cantiere, infatti,