Barca, quanto mi costa mantenerla un anno?

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Le barche, si sa, costano. Ma quanto si spende in media per un anno, senza considerare costi legati a manutenzioni straordinarie?

Vediamolo subito! Fate però attenzione a come la forbice dei costi possa cambiare sensibilmente, soprattutto per quanto riguarda i costi portuali, di assicurazione e per lavori a seconda che a farli siate voi o dei professionisti.

Barche a motore, quanto costa mantenerla per un anno?

L’arco temporale in cui possono essere calcolate le spese per mantenere una barca è l’anno, che non corrisponde però a quello solare, poiché la stagionalità influenza e scandisce le spese che l’armatore deve affrontare. Questa imbarcazione deve disporre sicuramente di un ormeggio a a mare stabile e il costo annuale varia, ad esempio, a seconda dei servizi offerti. Primo problema, deve avere anche un posto dove poterla rimessare ogni anno per compiere la manutenzione ordinaria.

Otto barche comode sotto i 200mila euro

Ormeggio a mare e a terra: i costi per le barche

Diciamo subito che chi può tenere la barca fuori dall’acqua per un paio di mesi riesce a preservarla da tanti inconvenienti, tra cui il più grande spauracchio: l’osmosi”. In quel periodo si fanno i lavori di manutenzione.

– Costo medio ormeggio annuale in porto attrezzato per una barca a motore di 10 metri: da 2.000 a 4.500 euro.

– Costo  medio per la sosta a terra di due mesi: 300 euro (150 euro mese)

In sintesi i costi per l’ormeggio di una barca a motore per un anno sono da 2.300 euro a 4.800 euro.

 10 incidenti più frequenti sulle barche (e come evitarli)

Manutenzione e assicurazione

In primis l’antivegetativa una volta l’anno: 1.000/1.300 euro è il costo della prestazione fornita da un cantiere e comprensiva della carteggiatura, di due mani di antifouling e di tre mani di antivegetativa. Nel caso l’armatore preferisse il fai da te i costi sono dell’antivegetativa (circa 3 litri per un 10 metri con due mani date) è di circa 300 euro. Ricordatevi sempre di prestare attenzione a rispettare tutte le norme relative.

“In conclusione, puoi intuire che certe manutenzioni le puoi fare da solo o in economia. Tuttavia sarebbe buona abitudine che per i lavori “importanti” (una revisione totale del motore, ad esempio) ci fosse una fattura e una descrizione dettagliata delle operazioni fatte e dei pezzi sostituiti. Spesso in occasione della vendita di una barca usata la dichiarazione ‘di parte’ non ha l’efficacia che dovrebbe avere se non si è in grado di dimostrare ‘quando’ e ‘che cosa’ è stato fatto.”

Riassumiamo i costi rimessaggio 

– Alaggio/varo annuale: 250/300 euro

– Lavaggio accurato (cantiere): 100/150 euro

– Antivegetativa lavoro completo (cantiere): 1.000/1.300 euro (fai da te rispettando tutte le norme relative: 300 euro)

– Service motore (olio/filtro/controlli da parte di tecnico): 300/400 euro

– Materiali consumo (ritocchi, grasso, pulizie, ecc): 300/400 euro

– Assicurazione (dalla sola RC obbligatoria per un 40 cv a polizza completa “Corpi”) da 50 a 2.500 euro

Totale per un 10 metri: da 1.300 euro a 5.000 euro

TOTALE COSTO ANNUALE DI MANTENIMENTO PER UNA BARCA A MOTORE DI 10 METRI:

 DA 4.000 A 9.800 EURO

Photo by VanveenJF

L'articolo di Barche a Motore in poche parole
Barca, quanto mi costa mantenerla per un anno?
Di cosa si parla
Barca, quanto mi costa mantenerla per un anno?
I dettagli
TOTALE COSTO ANNUALE DI MANTENIMENTO PER UNA BARCA A MOTORE DI 10 METRI: DA 4.000 A 9.800 EURO
Chi l'ha scritto
Pubblicato su
Barche a Motore

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

5 commenti su “Barca, quanto mi costa mantenerla un anno?”

  1. Francesco Guzzardi

    Continuo a contestare la equiparazione della seconda casa con una barca Day Cruiser! Sono nel Lazio a Roma e con un Day Cruiser a Fiumicino. Parto la mattina presto per fare una pescata e nel pomeriggio torno a casa mia a Roma . Le dimensioni e l’uso della barca non sono assimilabili ad una seconda casa

  2. Costi decisamente alti, sicuramente più alti anche di una seconda casa. Il problema è che a questi si aggiunge la benzina ed eventuali imprevisti che poi capitano quasi sempre… Interessante articolo grazie!

  3. Massimo Pacelli

    la barca non è un investimento è una passione ed è quella passione in cui quando spendi non pensi a quanto hai speso.La barca ,qualsivoglia siano le sue dimensioni ,non è una seconda casa non è una casa al mare, è una barca, con tutti i suoi costi e tutti i suoi problemi, è una passione.

  4. Il mio Storebro 340 Royal Cruiser Adriatic ha tutto:acqua calda e fredda, riscaldamento, frigo, freezer,cucina,forno,doccia,tv,stereo,eccetera eccetera eccetera.
    E’ come se avessi una seconda casa a Portofino,Porto Cervo,Saint Jean Cap Ferrat eccetera eccetera eccetera.
    Meditate.

  5. Vorrei comprare la mia prima barca…. da circa due anni ammiro barche sul molo di marina 3b a sarzana sognando ad occhi aperti….. l articolo è interessante e per una persona umile come me è anche un po demotivante, non sono benestante e mantenerla è un vero e proprio mutuo….. spero di riuscire a coronare questo mio sogno e calcolare bene le varie spese che comporta avere una barca….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Sistema di ormeggio autonomo - Brunswick-Apex

A.I. di bordo! Questo software ormeggia la barca al posto tuo

L’intelligenza artificiale sbarca nel mondo della nautica, con il progetto firmato Brunswick Corporation e Apex.Ai. Il gruppo americano di cui fanno parte – tra le altre – il marchio produttore di elettronica Navico, quello dei motori Mercury Marine e il

Torna su