Tutti pazzi per il Bass Fishing: cos’è e perché è una figata

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Quando si pensa alla pesca classica non si immaginano delle barche di 6 metri con a poppa 200 cavalli ed un’elettronica da fare paura ad uno yacht di 50 piedi. Di cosa stiamo parlando? Del Bass Fishing, tecnica di pesca che arriva dall’America e che sta avendo moltissimo successo anche qui da noi. Si pratica in acque interne con piccole barche a motore (elettrico o a scoppio) e l’obiettivo è insidiare il black bass, il persico trota. 

Vuoi saperene di più? Sulla pagina Instagram di Barche a Motore, venerdì 17 aprile alle 14.00. Ci faremo una bella chiacchierata con Alessandro Villari, pescatore professionista del Suzuki Fishing e ambassador di Lowrance.

I bassman e le barche “tiratissime” da gara

La comunità dei bassman, cioè di chi pratica il bass fishing, oltre ad essere in costante crescita, è molto giovane. I momenti in cui si pesca sono di religioso silenzio, complice un trolling motor elettrico di prua per muoversi senza rumore. Ma per passare da uno spot all’altro si naviga a tutta velocità.

Per le barche più tirate, da gara, si parla barche di sei metri e duecento cavalli dietro. Queste sono le Bass Boat vere e proprie, barche che al primo sguardo sembrerebbero nate per la corsa. E infatti per questa pesca è necessario fare spostamenti molto veloci. Quando si pesca però entrano in gioco tecnica, esperienza e capacità di capire la situazione. Una vera e propria sfida, dinamica, che sta piacendo tantissimo.


“Ci sono competizioni su scala nazionale ed internazionale – ci racconta Alessandro Villari, che fa parte del Suzuki Fishing ed è ambassador di Lowrance –  In Italia ha un appeal molto alto tra chi ama la pesca a spinning in acque interne. I giovani lo praticano in tanti ed è in ascesa costante. A bordo abbiamo molta elettronica perché ci segniamo spot, fondale, ostacoli sommersi, pesci che ci sono. Il pesce che peschiamo è un predatore che si nasconde e quindi noi dobbiamo essere ancora più bravi a trovarlo. Ovviamente quelle da gara sono barche ottimizzate per questo, ma è divertente con tutti i tipi di barca.”

Vuoi saperene di più? Sulla pagina Instagram di Barche a Motore, venerdì 17 aprile alle 14.00. Ci faremo una bella chiacchierata con Alessandro Villari, pescatore professionista del Suzuki Fishing e ambassador di Lowrance.

marine.suzuki.it

www.lowrance.com


AIUTACI A TENERTI SEMPRE AGGIORNATO

I giornalisti di Barche a Motore, insieme con Giornale della VELA Top Yacht Design si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 29,90 euro!

Sostienici anche su Giornale della VELA Top Yacht Design!

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

L'impianto di produzione di Chiavari - Sanguineti

Sanguineti cresce ancora e punta triplicare i ricavi nel 2026

Da una parte c’è una dimensione artigianale rappresentata da Sanguineti, un’azienda ligure di Chiavari con 65 anni di esperienza nella costruzione di equipaggiamenti ricercati e di alta qualità per superyacht. Specializzata nella produzione di passerelle, scale multifunzione, gru per tender,

Beneteau Swift Trawler 41

Come diventare skipper (in regola) e lavorare sulle barche

Lo aspettavamo da tempo e finalmente è arrivato. Ecco il decreto che spiega come si svolgerà l’esame per diventare “Ufficiale del diporto di II classe“. Questa nuova figura, pensata per l’Italia e le barche battenti bandiera italiana (anche adibite a