Aceleron, così la batteria al litio diventa sostenibile

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

aceleron essential
Aceleron Essential

Al METS 2022 di Amsterdam ha debuttato Aceleron, una start-up che propone sul mercato Essential, una sistema batteria al litio-ferro-fosfato priva di cobalto e con parti sostituibili. Di fatto ha una struttura che non è saldata, ma è assemblata mediante la compressione. Cosa significa questo? Il sistema risulta senza dubbio più semplice da manutenere, un’eventuale cellula difettosa è facilmente cambiabile e in caso di problemi non è necessario sostituire l’intera batteria. Inoltre questa batteria è pensata per inserirsi in un’economia circolare con un percorso di vita più lungo possibile. Per questo è stata premiata ai Dame Awards vincendo l‘Environmental Design Award.

Aceleron – Essential

Essendo costituita da parti facilmente sostituibili questa batteria permette anche di andare ad intervenire su quello che è il fine-vita della batteria. Come è presto detto: quando le celle della batteria hanno esaurito i loro cicli di ricarica, perdendo l’efficacia richiesta ad un mezzo di trasporto, ad esempio, è possibile sostituire e aggiornare solo le celle per poi riutilizzarle in applicazioni differenti.

Qui l’offerta di Aceleron sul mercato:

Aceleron Essential
Aceleron Essential

Le caratteristiche di Aceleron includono la connettività Bluetooth e CanBus. L’Essential di Aceleron risulta particolarmente apprezzata nel mondo delle barche per alcune caratteristiche che le sono valse anche la vittoria di un prestigioso premio. In particolare la necessità di una migliore manutenibilità di tutte le apparecchiature per ridurre inutili sprechi e perdite di risorse, tema a cui Essential risponde in pieno.

Aceleron vince l’Environmental Design Award

Oggi più che mai, con il progredire della transizione energetica, le domande diventano più profonde. Non basta “andare in elettrico” per essere a impatto zero, questo ormai dovrebbe essere chiaro. C’è anche da riflettere sul ciclo di vita delle componenti che fanno parte di un sistema elettrico. Cosa significa questo? Creare anche batterie che siano sempre utilizzabili nel tempo, così da evitare problemi di smaltimento e gestione che in molto casi, ad oggi, sono ancora un’incognita.

Aceleron non si rivolge solo al mondo nautico, ma ad un pubblico potenzialmente universale. Fondata dal dottor Amrit Chandan e da Carlton Cummins, Aceleron si proietta sul mercato puntando su quella che definiscono “la prima batteria agli ioni di litio sostenibile al mondo”. Questo perché è sia riparabile che aggiornabile grazie alla sua tecnologia di compressione brevettata.


NON PERDERTI I MIGLIORI ARTICOLI! 

Per rimanere aggiornato su tutte le news sulla nautica, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter di Barche a motore! Basta cliccare il link qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di barche a motore! È gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno! CLICCA QUI

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

L'impianto di produzione di Chiavari - Sanguineti

Sanguineti cresce ancora e punta triplicare i ricavi nel 2026

Da una parte c’è una dimensione artigianale rappresentata da Sanguineti, un’azienda ligure di Chiavari con 65 anni di esperienza nella costruzione di equipaggiamenti ricercati e di alta qualità per superyacht. Specializzata nella produzione di passerelle, scale multifunzione, gru per tender,

Beneteau Swift Trawler 41

Come diventare skipper (in regola) e lavorare sulle barche

Lo aspettavamo da tempo e finalmente è arrivato. Ecco il decreto che spiega come si svolgerà l’esame per diventare “Ufficiale del diporto di II classe“. Questa nuova figura, pensata per l’Italia e le barche battenti bandiera italiana (anche adibite a