Rivoluzione Beneteau, un italiano ai vertici del produttore di barche più grande del mondo

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

L’italiano Gianguido Girotti (foto sopra), 42 anni da Cesena, già direttore generale del marchio Beneteau, responsabile della strategia di prodotto, diventerà vice CEO e dirigerà il dipartimento Strategia di prodotto della Divisione Barche del colosso francese. La salita di grado di Girotti è avvenuta nell’ambito della “rivoluzione” che ha coinvolto il colosso francese.

Jerome de Metz

CHI E’ NUOVO IL CAPO
Jérôme de Metz è il nuovo CEO del Groupe Beneteau dopo che Hervé Gastinel, amministratore delegato dal 2015, si è dimesso con effetto immediato.
Jérôme de Metz, ha una lunga carriera alle spalle, partita con la laurea alla Business School di Lille in economia aziendale e il titolo di commercialista: già presidente del consiglio di amministrazione di Beneteau dallo scorso febbraio, è il fondatore di MBO Partenaires, società di private equity accreditata dall’Autorità francese dei mercati finanziari (AMF), che fornisce sostegno e finanziamento agli imprenditori per il trasferimento di piccole medie imprese non quotate.

Dopo aver guidato questa società dal 2002 al 2015, è stato presidente del consiglio di supervisione fino al 2018. Prima ancora, tanti ruoli da dirigente in aziende non quotate, familiari e associazioni varie.

COSA CAMBIA IN BENETEAU
Accanto a questa nomina, il Consiglio di amministrazione della Divisione Barche si evolve anche per riunire i team, i marchi, le unità di progettazione e gli stabilimenti del gruppo intorno ad un progetto comune più forte. Questo progetto si basa su un approccio trasversale e si rifletterà nella creazione di due grandi dipartimenti, affermano da Beneteau.
Christophe Caudrelier, già direttore finanziario responsabile dei sistemi informativi e attualmente vice CEO responsabile delle attività europee, manterrà la sua attuale posizione e guiderà il dipartimento di eccellenza operativa del gruppo.

Il Consiglio di Amministrazione sarà ora composto anche da Corinne Margot, Direttore Relazioni Umane e Comunicazione del Gruppo, e sarà assistito da due dei manager esperti del gruppo, Dieter Gust e Jean-Paul Chapeleau, rispettivamente presidente di Construction Navale Bordeaux e direttore generale di Jeanneau e Prestige. Non sono in corso cambiamenti di governance per la Divisione Housing, guidata da Patrick Mahé.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

I salpa-ancora italiani conquistano gli USA. Li fa Quick

I salpa-ancora italiani conquistano gli USA. Li fa Quick

Quando si parla di barche a motore gli Stati Uniti d’America sono un punto di rifermento. Il motivo è chiaro, è il più grande mercato del mondo. In questo scenario il gruppo Quick, colosso internazionale degli accessori con sede in