Con questo Beneteau di 20 metri ci si potrà fare l’oceano

barche a motore sotto
Con questo sonar puoi vedere cosa succede sotto la tua barca a 360°!
1 Febbraio 2020
Pesca dalla barca: tutto quello che serve a bordo secondo Marco Eusebi
3 Febbraio 2020

 

Barche grandi, grandi volumi interni, tante miglia di autonomia ed uno scafo in grado di affrontare anche l’Oceano. La nuova generazione Beneteau strizza l’occhio al mondo delle navette e per il 2021 vedremo le prime due imbarcazioni del “Project E”. Ecco i due modelli.

Progetto E, le navette secondo Beneteau

Il “Project E”, la nuova generazione Beneteau, sarà una gamma di due yacht, per ora, uno dei quali è lungo più di 20 metri (oltre 65 piedi) e nasce dalla collaborazione di Beneteau con Massimo Gino di Nauta Design e Amedeo Migali (MICAD). Dopo gli Swift Trawler, le tipiche barche per viaggiare arrivano le navette del cantiere francese. Cosa cambia rispetto all’immortale gamma “Swift Trawler”? Le barche del Project E saranno yacht di alta gamma, più lussuose rispetto ai trawler Beneteau, con dimensioni maggiori, in accordo con le ultime tendenze del mercato (più info nel prossimo numero di Barche a Motore cartaceo e digitale).

Come saranno

Saranno barche con uno scafo dislocante, sviluppato dal MICAD, ottimizzato per avere grande autonomia di navigazione e standard molto alti a bordo. Gli interni, di Nauta Design, sono stati progettati con uso di cera satinata in legno, uso di pelli e tessuti di pregio.

Project E – Beneteau – 1

Il primo modello è lungo 18,95 metri (62 piedi) ed ha un baglio superiore ai 5 metri. Progettato per ospitare 6-8 persone bordo (a cui aggiungere l’equipaggio). L’imbarcazione è dotata di un grande flybridge. La cucina può essere completamente chiusa. Con un’autonomia di 900 miglia ha una timoneria centrale sopraelevata, adatta alle crociere lente.

Project E – Beneteau – 2

Il secondo modello è lungo 22,28 metri (73 piedi) ed progettato per 8 persone a bordo, più 4 di equipaggio. Colpisce subito la forma della prua, alta sull’acqua e chiusa. Impressiona la dimensione del flybridge considerando anche lo spazio che rimane a prua. Per avere ulteriori dettagli, però, bisognerà aspettare il varo della barca. Un’attenzione particolare è stata prestata al movimento a bordo, per facilitare la circolazione dell’equipaggio. La timoneria sopraelevata a metà barca è posizionata tra il ponte principale e il flybridge e vi si accede da una scala dedicata.

NAVIGA INFORMATO!

Per rimanere aggiornato su tutte le news sulla nautica, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter di Barche a motore! Basta cliccare il link qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di barche a motore! È gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno! CLICCA QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *