Beneteau svela la sua prima barca volante | VIDEO

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

beneteau foil barca

La moda di volare ha contagiato anche le barche a motore del Gruppo Beneteau che stanno sperimentando la tecnologia “foil”, che in soldoni sono delle appendici che permettono alla barca di sollevarsi sull’acqua. La barca è un purosangue da 400 cavalli costruito interamente in infusione, una tecnologia con cui si risparmia peso e che permette alla barca di volare più facilmente.

I foil sono retrattili

Navigare con i foil aperti in mare aperto è un conto, ma provate ad ormeggiare con le due “ali” spiegate ai vostri lati. Oltre a complicare ogni manovra la barca occuperebbe più spazio e sarebbe quindi soggetta a costi maggiori per rimanere in porto. Per questo i foil del nuovo Beneteau sono retrattili e anche quando sono fuori dall’acqua non disturbano la navigazione.

La prima barca foil di Beneteau è fuoribordo

Per questo primo “foiler” di Beneteau la motorizzazione scelta è una coppia di fuoribordo da 200 cavalli Suzuki. Sono bastati nove mesi al team del gruppo Beneteau che hanno progettato, sviluppato e costruito questa barca volante di nuova generazione. Al progetto hanno contribuito DEMS Sarrazin Design, Noval e SEAir con un mix di competenze progettuali, tecniche e meccaniche che hanno coadiuvato il lavoro di architettura navale e product design di Beneteau.

I vantaggi dei foil

Costruita in Vandea, la barca è stata testata e sviluppata nel porto di Saint-Gilles-Croix-de-Vie, in Francia,  dove ha effettuato i suoi primi voli. Un concept per ora pioneristico su cui Beneteau ha deciso di investire con coraggio. Ma quali sono i vantaggi di una barca volante con i foil? Senza contatto con l’acqua si raggiungono velocità maggiori a parità di potenza, senza la creazione di moto ondoso. Oltre a questo anche il comfort di navigazione con piccole onde è migliore. La barca volando sull’acqua evita il contatto mantenendo sempre l’assetto. Ultimo, ma non per importanza, è l’aspetto legato ai consumi: attrito minore corrisponde ad una minor richiesta di energia e quindi di carburante.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

L'impianto di produzione di Chiavari - Sanguineti

Sanguineti cresce ancora e punta triplicare i ricavi nel 2026

Da una parte c’è una dimensione artigianale rappresentata da Sanguineti, un’azienda ligure di Chiavari con 65 anni di esperienza nella costruzione di equipaggiamenti ricercati e di alta qualità per superyacht. Specializzata nella produzione di passerelle, scale multifunzione, gru per tender,