Il colosso Bosch costruisce i motori elettrici per barche

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

X Shore 1 - In planata
X Shore 1 – In planata

Le barche sono da tempo nel mirino di Bosch Engineering. Un anno fa era stato presentato dall’azienda un kit per elettrificare barche sotto i 24 metri. Oggi viene fatto uno step ulteriore, cioè una partnership con un nome affermato nella nautica elettrica come X Shore, da diverso tempo promotore di un approccio carbon free.

Bosch Engineering ha sviluppato un nuovo sistema di propulsione elettrica per il cantiere svedese X Shore. L’azienda, consociata del gruppo Bosch, progetta sistemi elettronici per la mobilità in diversi ambiti, dall’automobilismo alla nautica fino alle motoslitte. La partnership parte con l’ottimizzazione del modello X Shore 1 nato dall’omonimo cantiere svedese.

La barca svedese elettrificata da Bosch

X Shore, azienda svedese, ha scelto di collaborare con Bosch Engineering perché condivide i suoi stessi principi e la sua stessa visione green. Ridurre le emissioni anche nel mondo della nautica e rendere il mare un luogo meno inquinato è tra gli obiettivi di questi due marchi.

Il sistema di propulsione che Bosch Engineering ha sviluppato per la barca elettrica X Shore 1 comprende il più grande motore prodotto dall’azienda per le imbarcazioni, l’inverter e il riduttore prodotto da Bosch Rexroth. Il motore elettrico così sviluppato, oltre ad essere potente e compatto è anche estremamente silenzioso, fattore molto apprezzato da chi sceglie la nautica elettrica.

L’articolo continua di seguito.


  • Potrebbe interessarti anche:

Foil: cosa sono, come funzionano e i vantaggi


La collaborazione è volta a migliorare sempre di più prestazioni ed efficienza dei sistemi di propulsione elettrici, grazie a design, progettazione ed impostazione del software e dell’integrazione con i sistemi elettronici esistenti. Il primo esperimento di elettrificazione di Bosch nella nautica da diporto con X Shore, pioniere della sostenibilità nel settore nautico, segna l’impegno nel settore dell’azienda tedesca.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

L'impianto di produzione di Chiavari - Sanguineti

Sanguineti cresce ancora e punta triplicare i ricavi nel 2026

Da una parte c’è una dimensione artigianale rappresentata da Sanguineti, un’azienda ligure di Chiavari con 65 anni di esperienza nella costruzione di equipaggiamenti ricercati e di alta qualità per superyacht. Specializzata nella produzione di passerelle, scale multifunzione, gru per tender,

Beneteau Swift Trawler 41

Come diventare skipper (in regola) e lavorare sulle barche

Lo aspettavamo da tempo e finalmente è arrivato. Ecco il decreto che spiega come si svolgerà l’esame per diventare “Ufficiale del diporto di II classe“. Questa nuova figura, pensata per l’Italia e le barche battenti bandiera italiana (anche adibite a