A.I. di bordo! Questo software ormeggia la barca al posto tuo

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Sistema di ormeggio autonomo - Brunswick-Apex
Sistema di ormeggio autonomo – Brunswick-Apex

L’intelligenza artificiale sbarca nel mondo della nautica, con il progetto firmato Brunswick Corporation e Apex.Ai. Il gruppo americano di cui fanno parte – tra le altre – il marchio produttore di elettronica Navico, quello dei motori Mercury Marine e il cantiere Boston Whaler, ha presentato a Miami il primo sistema per l’ormeggio autonomo delle imbarcazioni. Si tratta di un pacchetto studiato insieme allo sviluppatore Apex.Ai, un’azienda che lavora sulla sicurezza e sulla messa a punto di software per la guida autonoma in ambito automobilistico, e collabora con diverse case in tutto il mondo. Ecco come funziona il sistema.

Il sistema Brunswick-Apex.Ai

Non potevano che essere gli Stati Uniti il teatro per la presentazione di un sistema di conduzione autonoma – seppur limitata all’ormeggio – in ambito nautico. È qui, infatti, che sono stati messi a punto e commercializzati i primi veicoli a guida autonoma, in grado di mantenere la corsia, superare, uscire ed entrare in autostrada e fermarsi davanti a semafori rossi e ostacoli. Così durante il Miami Boat Show, Brunswick ha svelato il primo passo verso la piena integrazione di un sistema che promette di rendere la vita a bordo più piacevole e confortevole.

Interfaccia di ormeggio autonomo - Brunswick-Apex.Ai
Interfaccia di ormeggio autonomo – Brunswick-Apex.Ai

Apex.OS è la soluzione software che permette di avere un sistema completamente autonomo per le manovre di ormeggio in porto. Grazie a un’infrastruttura di sensori, radar e telecamere il software ricostruisce l’ambiente circostante, capisce come muoversi e a che velocità e avvicina automaticamente la barca alla banchina. Il software è compatibile con i sistemi Navico e si governa direttamente dal multifunzione, con la possibilità di stoppare la manovra di ormeggio in un click qualora fosse necessario. Brunswick aveva annunciato qualche tempo fa di voler commercializzare le prime barche con funzioni autonome a partire dal 2025. Questo è quindi il primo passo della strategia ACES di Brunswick (Autonomia, Connettività, Elettrificazione, Accesso Condiviso) che probabilmente vedrà già nel corso del 2024 il debutto su alcuni modelli dei marchi controllati. Le immagini per ora divulgate mostrano come funziona il sistema installato a bordo del Boston Whaler 405 Conquest, presto scopriremo quali saranno i prossimi modelli dei marchi Brunswick a beneficiare di questa novità.

Per maggiori informazioni visitate:

Potrebbe interessarti anche:

La barca di 5 metri inaffondabile che costa il 70% in meno della vetroresina

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Maserati Tridente, questo è il primo motoscafo della Maserati

Tridente, questo è il nuovo motoscafo secondo Maserati

Maserati si lancia nel mondo delle barche a motore con Maserati Tridente, il primo motoscafo della casa modenese 100% elettrico. Sarà un 10 metri a propulsione elettrica sviluppato in collaborazione con Vita Power. La top speed promessa? 40 nodi e

Riva El-Iseo - In nav

Il primo motoscafo elettrico di Riva vola a 40 nodi

Si chiama El-Iseo il primo passo dello storico marchio di motoscafi Riva nel mondo dell’elettrico. Abbiamo dovuto attendere un po’, ma alla fine il risultato sembra un’imbarcazione davvero innovativa e un caso unico nel segmento dell’E-Luxury. L’impegno principale del cantiere, infatti,