Grandi manovre finanziare al Cantiere del Pardo. I retroscena e la storia

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Pardo-38
Il Pardo 38 in rada

Grandi manovre finanziarie al Cantiere del Pardo, conosciuto per i marchi Grand Soleil per la vela e Pardo Yachts per le barche a motore. Il fondo di private equity Wise Equity SGR acquisirà il 60% delle azioni del marchio.

Si parlava da diversi mesi del cambio dell’azionista di maggioranza del cantiere forlivese, ma ora siamo davvero alla fine della trattativa.

Manovre finanziarie in corso, ma Planamente e Servidati restano

Fabio Planamente e Luigi “Gigi” Servidati, i due manager storici dell’azienda erano diventati nel 2018 i soci di maggioranza con un’operazione di management buyout e un aumento del capitale sociale di 5 milioni di euro.

Ora rimarranno nell’azionariato del cantiere con il 40% delle quote conservando le loro posizioni (Servidati ricoprirà il ruolo di Presidente del Consiglio di Amministrazione, Planamente quello di Amministratore Delegato), ma di fatto Wise Equity si è assicurata il controllo del gruppo e dei suoi marchi.

Le grandi manovre del cantiere, assicurano dai vertici, sono per rafforzare il capitale e dare ordine all’impetuoso sviluppo del cantiere che negli ultimi anni è passato da meno di 4 milioni a 50 milioni di euro di fatturato.

LA STORIA DEL CANTIERE DEL PARDO

Il Cantiere del Pardo è uno dei brand più famosi, in Italia e a livello internazionale, nel segmento delle barche da crociera dai 30 ai 60 piedi, e nella sua storia ricorrono le alleanze con i fondi.

Giuseppe Giuliani Ricci (ora in Solaris) lo fondò nel 1973 portandolo al successo con modelli mitici a vela. Ancora nel 2015 l’unico marchio dell’azienda era Grand Soleil: Planamente e Servidati hanno dato la loro impronta operando scelte “di svolta”, come la nascita del nuovo brand a motore Pardo Yachts. I risultati sono arrivati: oggi, sui 50 milioni di giro d’affari del Cantiere del Pardo, l’80% è generato dalle barche a motore e il 20% da quelle a vela. L’ebitda (ovvero gli utili prima degli interessi, delle imposte, del deprezzamento e degli ammortamenti) generato è di 7 milioni.

Di recente, Cantiere del Pardo ha acquisito il marchio statunitense di barche a motore Van Dutch: un’operazione che potrebbe incrementare il fatturato di 20/30 milioni di euro e attivare sinergie importanti per il mercato USA.

Ghego Saggini

VISITA SUBITO TUTTA LA GAMMA GRAND SOLEIL ALLA MILANO YACHTING WEEK


SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DI BARCHE A MOTORE

Interviste, prove di barche, webinar. Tutto il mondo delle barche a motore, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

NON PERDERTI I MIGLIORI ARTICOLI! 

Per rimanere aggiornato su tutte le news sulla nautica, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter di Barche a motore! Basta cliccare il link qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di barche a motore! È gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno! CLICCA QUI

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Maserati Tridente, questo è il primo motoscafo della Maserati

Tridente, questo è il nuovo motoscafo secondo Maserati

Maserati si lancia nel mondo delle barche a motore con Maserati Tridente, il primo motoscafo della casa modenese 100% elettrico. Sarà un 10 metri a propulsione elettrica sviluppato in collaborazione con Vita Power. La top speed promessa? 40 nodi e

Riva El-Iseo - In nav

Il primo motoscafo elettrico di Riva vola a 40 nodi

Si chiama El-Iseo il primo passo dello storico marchio di motoscafi Riva nel mondo dell’elettrico. Abbiamo dovuto attendere un po’, ma alla fine il risultato sembra un’imbarcazione davvero innovativa e un caso unico nel segmento dell’E-Luxury. L’impegno principale del cantiere, infatti,