Venduti i Cantieri di Pisa. Dietro c’è un colosso industriale

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

cantieri di pisa gennasio
I Cantieri di Pisa, come riportato da Il Sole 24 Ore sono stati rilevati da Enrico Gennasio

Lo storico marchio ha una nuova proprietà (nella foto l’Akhir 22S, modello di grande successo). I Cantieri di Pisa, come riportato da Il Sole 24 Ore sono stati rilevati da Enrico Gennasio che, insieme al fratello Guido, è a capo del gruppo Alfagomma, realtà leader nel settore dei tubi e dei sistemi idraulici. Dopo molto tempo è arrivato il momento dell’atteso rilancio di quella che ancora oggi è considerata un’icona della nautica mondiale.

Cantieri di Pisa

A gennaio era stata Tankoa Yachts, cantiere genovese, ad iniziare la due diligence per l’acquisizione al 100% dei Cantieri di Pisa. Affare che poi non era andato in porto. Qui si è inserito Enrico Gennasio, a.d. del gruppo lombardo Alfagomma, che attraverso la Holding Meg (che ha il controllo del 50% del gruppo industriale) ha acquisito i Cantieri di Pisa. Non è stato rivelato il valore dell’operazione, ma Gennasio parlando al Sole 24 Ore ha confermato che ora intende portare più tecnologia nella produzione degli yacht fino a 46 metri, con un aggiornamento dello stile.

Per favorire il rilancio la nuova propietà dei Cantieri di Pisa potrà contare su una riduzione dei canoni demaniali e su un allungamento della concessione dal 2021 al 2040, decisi nei mesi scorsi dalla società comunale Navicelli. Nella concessione rientrano capannoni, piazzali e 800 metri quadri di bacino. Per ora non è ancora chiaro quale sarà il futuro dello storico marchio dal punto di vista degli investimenti che dovranno essere fatti dalla proprietà.


SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DI BARCHE A MOTORE

Interviste, prove di barche, webinar. Tutto il mondo delle barche a motore, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

NON PERDERTI I MIGLIORI ARTICOLI! 

Per rimanere aggiornato su tutte le news sulla nautica, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter di Barche a motore! Basta cliccare il link qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di barche a motore! È gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno! CLICCA QUI

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

barca chiara ferragni

Ferragni o Fedez? Chi si prende la barca dei Ferragnez?

A chi andrà “Raviolo” dopo la separazione tra Chiara Ferragni e Fedez che ha fatto impazzire il web? Raviolo è il nome del motoscafo Riva in legno che la coppia, quando era ancora assieme, ha deciso di acquistare nell’estate del

Ecco il primo fuoribordo a idrogeno per le barche “normali”

Di motori elettrici, finora, ne abbiamo visti tantissimi. Dai piccoli di Torqeedo al potentissimo Evoy da 300 cavalli. Concentriamoci sui fuoribordo. In questo scenario entra “a gamba tesa” Yamaha (forte anche dell’acquisizione recente di Torqeedo) e sotto le luci dei riflettori