Barche, ecco come fermare il rollio quando si è all’ancora

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Come fermare il rollio quando si è all'ancora
Come fermare il rollio quando si è all’ancora

Il rollio è un movimento inevitabile per le barche. Lo spostarsi da un lato all’altro è tipico dei mezzi che galleggiano. E in genere chi è a bordo si adatta velocemente a questo tipo di effetto collaterale dell’andar per mare. Talvolta, però, il rollio è decisamente fastidioso. Tanto da mettere a dura prova anche gli stomaci più forti.

Se poi l’onda supera una certa altezza allora diventa veramente una iattura. Per fortuna, in genere, onde e vento provengono dalla stessa direzione. Questo fa sì che quando si è all’ancora in genere è la prua ad accogliere le onde. Ciò garantisce il beccheggio e non il rollio. Che grazie alla maggiore lunghezza della barca, rispetto alla larghezza, è più morbido e meno pesante da gestire per chi è a bordo.

Talvolta però può capitare che onde e vento non arrivino dalla stesa direzione. Come per esempio in caso di scaduta. Quando si spengono gli ultimi effetti di una mareggiata. O quando arrivano gli effetti di una burrasca lontana.


Potrebbe interessarti:

Foil: cosa sono, come funzionano e i vantaggi


Come fermare il rollio quando si è all’ancora

Quando la barca è all’ancora, si orienterà sempre con la prua al vento, a meno che la corrente non sia molto superiore all’aria in movimento, anche se nel Mediterraneo è difficile che accada.

Quindi può capitare che vento e onde abbiamo una direzione angolata. Se capita nel momento in cui vi trovate in rada non è bello. Quando nella baia è presente della risacca la sosta diventa fastidiosa. Si po’ così operare sull’ancoraggio in modo da orentare la barca in modo che presenti per prima la prua alle onde.

È un sistema efficace e può essere utile quando le condizioni di vento e di mare non sono estreme da mettere a rischio la sicurezza dell’ancoraggio. Questo si ottiene posizionando una pastecca dentro la quale far passare una cima (se non si ha la pastecca per passare la cima a doppino la si può anche legare) da fissare alla bitta di poppa. Filando la catena dell’ancora la cima farà presa e la barca ruoterà a favore delle onde.

AIUTACI A TENERTI SEMPRE AGGIORNATO

I giornalisti di Barche a Motore, insieme con Giornale della VELA Top Yacht Design si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 29,90 euro!

Sostienici anche su Giornale della VELA Top Yacht Design!

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “Barche, ecco come fermare il rollio quando si è all’ancora”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Yamaha V Max SHO 175 CV

Yamaha aggiorna la linea di fuoribordi V MAX SHO

La gamma di fuoribordo V MAX SHO di Yamaha, che ha debuttato in Europa nel 2020, ha ricevuto un aggiornamento e un restyling. I modelli V MAX SHO sono quattro, con potenze da 90, 115, 150 e 175 cavalli, e

I salpa-ancora italiani conquistano gli USA. Li fa Quick

I salpa-ancora italiani conquistano gli USA. Li fa Quick

Quando si parla di barche a motore gli Stati Uniti d’America sono un punto di rifermento. Il motivo è chiaro, è il più grande mercato del mondo. In questo scenario il gruppo Quick, colosso internazionale degli accessori con sede in