Ci sono ancora criminali che pescano datteri di mare (e distruggono il Mediterraneo)

Barca a motore, ma quale? Vi spieghiamo gli otto tipi “base”
27 Novembre 2019
Attenti al Palm Beach GT60: velocità di crociera? 40 nodi!
28 Novembre 2019

L’ultimo episodio, in ordine di tempo, è avvenuto a Trani, dove due pescatori di frodo sono stati fermati con 16 chili di datteri di mare a bordo. Il dattero di mare, che da anni, in quasi tutti i paesi costieri del Mediterraneo (Bosnia esclusa, dove a Neum, unico sbocco sul mare del paese, se ne pescano in gran quantità), costituisce una specie protetta, continua ad essere raccolto e venduto sottobanco a peso d’oro. Si parla di 50/60 euro al chilo, fino a 100/200 quando si avvicina il periodo natalizio.

Un piatto a base di datteri di mare a Neum (Bosnia). Foto di Luna Poggi

DISASTRO AMBIENTALE
Perché è vietatissima la raccolta dei datteri (Lithophaga lithophaga)? Questi molluschi bivalvi di colore marrone rossiccio (il nome dattero di mare deriva proprio dalla loro somiglianza con il frutto), dal sapore intenso a metà tra la cozza e l’ostrica, si insediano – molto lentamente: per raggiungere i 5 cm di lunghezza impiegano tra i 15 e i 35 anni – all’interno delle rocce calcaree sottomarine e vivono nei incastonati nei fori da loro realizzati.

Non si tratta di una specie in via di estinzione, ma la sua raccolta causa un’irreparabile disastro ambientale: si trapanano le rocce con martelli pneumatici, pinze per estrazione, piccozze. C’è chi ricorre anche agli esplosivi.

Screenshot di un vecchio filmato che ritrae un “datteraro” in azione con martello

Fatevi un giro con la maschera nelle zone che un tempo erano ricche di datteri: a noi vengono in mente le acque davanti a Genova, ridotte a un cumulo di detriti, un vero e proprio deserto che ha compromesso la sopravvivenza di pesci, alghe e coralli. E in alcune aree del sud Italia, e in Adriatico, è anche peggio. E la davastazione continua, nonostante la pesca del dattero sia vietata dal 1998. C’è ancora chi vuole mangiare datteri e c’è chi rifornisce questo mercato nero dal giro di affari di centinaia di migliaia di euro.

COSA SI RISCHIA
Se vi beccano con le mani nel sacco le multe sono salate, giustamente aggiungiamo noi: il reato della pesca del dattero può essere punito con è il carcere da 2 mesi a 2 anni o una multa che va dai 2.000 euro ai 12.000 euro, oltre al sequestro del pescato e di tutta l’attrezzatura. Occhio: non commette reato solo chi li pesca, ma anche il consumatore. Se vi colgono in flagrante le forze dell’ordine mentre vi gustate un piatto di datteri, potrete essere sanzionati.

Se vi capita di trovare in un ristorante piatti a base di datteri di mare, potete denunciare il fatto chiamando la Guardia Costiera o la Forestale al numero 1515.

E.R.

NAVIGA INFORMATO!

Per rimanere aggiornato su tutte le news sulla nautica, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter di Barche a motore! Basta cliccare il link qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di barche a motore! È gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno! CLICCA QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *