Nasce la nuova Divisione Honda Marine: più autonomia e investimenti per la nautica

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Honda BF 350A su Ranieri International Next 330 LX
Honda BF 350A su Ranieri International Next 330 LX

In casa Honda è nata la nuova divisione Marine, che si stacca dalla divisione Power Products diventando autonoma. La neonata Divisione Honda Marine (operativa dal 1° aprile scorso) è di fatto una costola della Divisione Power Product, che ora avrà molta più libertà di muoversi e di progettare prodotti specifici per la nautica. Questa notizia testimonia il grande impegno di Honda verso il mondo della nautica, impegno del quale il primo esempio è stato il tanto atteso fuoribordo BF350 V8 presentato recentemente.

Da chi sarà guidata la Divisione Honda Marine

A capo della neonata Divisione Honda Marine la casa giapponese ha scelto di mettere Cristian Pellegrino, con il ruolo di General Manager Honda Motor Europe. Al suo fianco ci sono Mick Horsfall con la carica di Head of Marketing & Planning e Francesco Pichelli, che è la figura di riferimento soprattutto per il mercato italiano in quanto è contemporaneamente Head of Sales Marine Europe e General Manager Marine Italia.

Honda con questa scelta dimostra nuovamente di puntare in maniera decisa sulla nautica, garantendo alla Divisione Marine una grande libertà d’azione. Una prima prova di questa libertà è sicuramente la presentazione del – tanto – atteso fuoribordo BF350. Si tratta infatti del modello più potente mai presentato dal produttore giapponese, e del primo motore che è stato interamente progettato, ingegnerizzato e realizzato per l’utilizzo nell’ambito marine.

La nuova direzione della Divisione Honda Marine europea è fortemente connotata dalla presenza di italiani. Il mercato italiano è infatti tra i più importanti per quanto riguarda la casa di Tokyo.


Potrebbe interessarti anche:

Wiszniewski W43: il nuovo weekender (13 m) da tenere d’occhio nel 2024

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Riva El-Iseo - In nav

Il primo motoscafo elettrico di Riva vola a 40 nodi

Si chiama El-Iseo il primo passo dello storico marchio di motoscafi Riva nel mondo dell’elettrico. Abbiamo dovuto attendere un po’, ma alla fine il risultato sembra un’imbarcazione davvero innovativa e un caso unico nel segmento dell’E-Luxury. L’impegno principale del cantiere, infatti,