E la luce fu (in barca): il fenomeno delle finestrature sullo scafo

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Qualche anno fa sarebbe stato impensabile vedere tante barche con dei buchi nello scafo. Oggi se non hai almeno una finestratura a murata non puoi dire di avere una barca attuale. Chiaro, gli oblò sono sempre esistiti, ma nel 2018, mal che vada, sullo scafo vi ci ritrovate almeno 1.500 centimetri quadrati trasparenti (in metri quadrati 0,15); mentre un classico oblò da installare su un 40’ di 20 anni fa non superava i 25 cm di diametro, che in superficie sono circa 491 cm quadrati, vale a dire meno di un terzo. Sul Riva Perseo, un 76’, si arriva addirittura a 40 metri quadrati di vetro. Al di là delle misure, ciò che cambia è l’impatto estetico che i vetri possono offrire. Dal punto di vista della sicurezza non danno problemi: se resistono ai proiettili, resistono anche alle onde, e ciò dà libertà ai cantieri oltre che di portare luce naturale sottocoperta anche di ridisegnare il profilo delle barche. Ecco quindi una rassegna di mercato per questa tendenza, nelle misure medie. E notate bene: l’estetica è spesso superiore alla funzione. Per verificarlo basta trovare quei modelli che pur di avere un pezzetto scuro sullo scafo hanno messo delle finestrature finte.

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Maserati Tridente, questo è il primo motoscafo della Maserati

Tridente, questo è il nuovo motoscafo secondo Maserati

Maserati si lancia nel mondo delle barche a motore con Maserati Tridente, il primo motoscafo della casa modenese 100% elettrico. Sarà un 10 metri a propulsione elettrica sviluppato in collaborazione con Vita Power. La top speed promessa? 40 nodi e

Riva El-Iseo - In nav

Il primo motoscafo elettrico di Riva vola a 40 nodi

Si chiama El-Iseo il primo passo dello storico marchio di motoscafi Riva nel mondo dell’elettrico. Abbiamo dovuto attendere un po’, ma alla fine il risultato sembra un’imbarcazione davvero innovativa e un caso unico nel segmento dell’E-Luxury. L’impegno principale del cantiere, infatti,