Eliche di prua: come funzionano, quali scegliere e i prezzi

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Elica barca
Elica di prua

Elica di prua e di manovra…Come funzionano? Con relativa facilità oggi si può montare anche su una “vecchia” barca un efficiente bow thruster (elica di prua) o un’elica di manovra. Questi accessori vi assicureranno una buona direzionalità della barca anche se colpita da vento (o da corrente) laterale e la possibilità di ruotare lo scafo in spazi d’acqua ristretti.

Elica di prua: come funziona, quali scegliere e i prezzi

Le eliche di prua si dividono in tre tipologie:

  • i modelli di tipo fisso intubato, più diffusi ed economici. In questo caso viene forata la chiglia della barca da parte a parte, il più a prua possibile, e viene installato un tubo contenente un’elica trasversale che a seconda del comando dato ruota a sinistra o a destra fornendo la spinta laterale richiesta. Il motore normalmente è posto direttamente sopra l’elica e trova quindi posto all’interno dello scafo.
  • i retraibili a colonna verticale
  • a scomparsa con meccanismi rotanti o a bracci paralleli. In entrambi questi sistemi,
    utilizzati su barche di una certa dimensione, l’elica scende in acqua quando ne è richiesto l’uso. Si apre una parte della chiglia e l’elica sostenuta da un braccio telescopico comincia a funzionare. Terminato l’uso rientra nello scafo e si chiude la “botola” in chiglia. La motorizzazione più comune per il diporto (fino a 70 piedi) è con motore elettrico.

Facile da installare e dal costo contenuto ha solo il difetto di consumare tanta energia, quindi attenzione alle batterie e usatele sempre con il motore acceso. Per quanto riguarda l’elica propulsiva si utilizza il sistema a elica singola a due eliche che possono ruotare anche contemporaneamente nel medesimo senso per offrire più potenza con un foro nello scafo più piccolo o a doppia controrotante. Quest’ultimo permette di migliorare l’efficienza di spinta riducendo i fenomeni di rotazione nel senso dell’elica che diminuiscono la spinta.

ELICHE DI PRUA PREZZI

I prezzi delle eliche di prua (per una barca sui 10/12 mt) vanno da 2000 a 3000 per i modelli elettrici con sistema di tipo fisso intubato o. A questo costo vanno ovviamente aggiunti i costi di installazione che sono minori nel caso il lavoro venga svolto durante la costruzione della barca nuova, maggiori se si interviene su di uno scafo usato. I costi sono molto variabili e consigliamo di chiedere preventivi dettagliati a più cantieri.

MAX POWER / COMPACT RETRACT

Quando alla fine degli anni ‘80 la Max Power presentò la prima elica di manovra retrattile ci fu una vera e propria rivoluzione nel mondo della vela. Oggi la Max Power ha una linea di prodotti che possono soddisfare le esigenze di barche da 35 piedi in su, fino ad arrivare a modelli per maxi yacht. Due le versioni ad azionamento elettrico proposte dall’azienda francese, la versione Compact Retract, raffigurata nella foto a destra, è indicata per barche fino a 50/55 piedi, mentre la linea a scomparsa che viene chiamata Vip Retract, ideale per barche di dimensioni maggiori, è con movimento verticale, non basculante.

www.max-power.com

SIDEPOWER / SE25

L’elica di manovra di prua SE25 (alimentata a 12V) è la novità in casa Side Power: si adatta a scafi di piccole-medie dimensioni (il diametro del “tunnel” è di 110 mm) e offre anche una grande flessibilità di installazione,
poiché il propulsore può essere installato sul tunnel in qualsiasi angolazione. Pesa 25 chili. Garantisce bassi livelli di vibrazione e rumorosità ed è dotati di un sistema di auto-lubrificazione e per la protezione dalle correnti galvaniche.

www.saim-group.com/saim-marine

VETUS / BOW PRO BOOSTER THRUSTER

Questi thruster hanno un comando realmente “proporzionale” (l’elica aumenta la velocità di rotazione in proporzione a quanto, a destra o a sinistra, spingiate la manopola del joystick di controllo): di fatto sparisce l’assorbimento del picco massimo con meno stress alle batterie. La novità è la presenza di un “booster”, ovvero di una terza connessione che manda corrente a un caricatore interno al motore e che trasforma l’input di 12 V in una corrente in uscita da 24 V. Un eventuale banco batterie secondario da 24V può essere ricaricato anche da una fonte a 12V, come l’alternatore del motore. Questo vi da la possibilità di scegliere tra banchi batterie a 12 o 24 V. Il caricatore integrato ricarica il banco batterie quando il thruster non è in uso.

www.vetus.com

CRAFTSMAN MARINE / THRUSTERS

Una gamma completa di sistemi di manovra per imbarcazioni di dimensioni fino a 20 metri. I diversi modelli variano da una spinta di 35 kgf per attivare al più potente di 170 kgf. Tutti i motori sono protetti termicamente evitando che un utilizzo non corretto possa creare surriscaldamento o un abbattimento delle risorse energetiche. I motori funzionano a 12 o 24 Volt DC.

www.mzelectronic.it

SONY DSC

LEWMAR / 110 TT TUNNEL THRUSTERS

Semplicissimo da installare, non ha bisogno praticamente di manutenzione: è dotato di elica a cinque pale in grado di fornire le stesse prestazioni sia in marcia avanti che indietro. Il profilo dell’intero thruster è studiato per causare il minor attrito possibile.

www.osculati.com

SIDE POWER / EX SERIES

L’elica di manovra EX della Side Power presenta il grande vantaggio di un’installazione esterna e quindi non dovrete forare lo scafo in maniera pesante. Una soluzione ideale per il montaggio in retrofit, con potenza, a seconda dei modelli, che va dai 25 kg di spinta fino ai 180 kg.. Può essere installata sia a prua che a poppa, è autoraffreddante e la sua particolare struttura idrodinamica fa sì che, in navigazione, produca meno attrito rispetto a un sistema tradizionale il quale, utilizzando un foro passante, crea maggiori turbolenze. Esistono anche modelli a doppia elica.

www.saim-group.com/saim-marine

QUICK / BOW THRUSTER

La gamma di eliche di prua Quick comprende diversi modelli, con prestazioni di spinta da 30 a 300 Kg, per imbarcazioni fino a 98 piedi circa. Sono disponibili con motore elettrico (BTQ) per installazioni fisse, con motore elettrico in versione retrattile (BTR/BTVR) e con motore idraulico (BTQH). Le eliche di manovra Quick possono essere montate a prua e a poppa grazie agli appositi tunnel che rendono possibili le due diverse installazioni. Le eliche retrattili BTR o BTVR sono dotate di sistemi elettromeccanici che permettono all’elica a riposo di rientrare all’interno dello scafo, salvaguardando l’efficienza idrodinamica della barca durante la navigazione.

www.quicknauticalequipment.com

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

2 commenti su “Eliche di prua: come funzionano, quali scegliere e i prezzi”

  1. Non avete menzionato i Jet thruster che a breve rappresenteranno il futuro. Con questo collaudatissimo sistema Olandese il montaggio è semplice e per nulla invasivo contro l’installazione di un medievale Thruster classico a tubo per il quale devi aprire la prua della barca come una cozza. Questo perchè nel sistema jet, bastano due fori da 3/4 di pollice a prua e a poppa più una boccola di aspirazione acqua sotto la carena per un sistema completo, pratico, silenziosissimo, molto meno ingordo di energia elettrica e facilmente gestibile con un pratico joystick elettronico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

L'impianto di produzione di Chiavari - Sanguineti

Sanguineti cresce ancora e punta triplicare i ricavi nel 2026

Da una parte c’è una dimensione artigianale rappresentata da Sanguineti, un’azienda ligure di Chiavari con 65 anni di esperienza nella costruzione di equipaggiamenti ricercati e di alta qualità per superyacht. Specializzata nella produzione di passerelle, scale multifunzione, gru per tender,

Beneteau Swift Trawler 41

Come diventare skipper (in regola) e lavorare sulle barche

Lo aspettavamo da tempo e finalmente è arrivato. Ecco il decreto che spiega come si svolgerà l’esame per diventare “Ufficiale del diporto di II classe“. Questa nuova figura, pensata per l’Italia e le barche battenti bandiera italiana (anche adibite a