Ennesima tragedia in mare, è ora di mettere la patente per tutti?

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Nelle acque di Mondello a Palermo si è consumato l’ennesimo incidente di questa estate. Un giovane di 22 anni è caduto dal gommone mentre navigava con gli amici che hanno invertito la rotta in modo errato, tranciandogli una gamba e ferendolo gravemente al torace e alla spalla. Questa la ricostruzione della Capitaneria di Porto secondo la quale il 22enne sarebbe caduto in acqua e gli amici avrebbero manovrato allontanando la prua e avvicinando la poppa dell’unità al ragazzo in mare. Questo avrebbe portato l’elica contro il giovane ferendolo gravemente.

La manovra di recupero dell’uomo a mare è molto semplice per chiunque abbia la patente, ma può diventare pericolosissima se non la si conosce. Con un’adeguata conoscenza dei mezzi, almeno quella basilare, questa tragedia si poteva evitare?

Fonte immagine: www.blogsicilia.it

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

5 commenti su “Ennesima tragedia in mare, è ora di mettere la patente per tutti?”

  1. Il mare ha molte regole, alcune scritte altre dettate dalla cultura marinara. Molti vanno per mare una settimana l’anno in estate, senza esperienza (che vuoi che succeda, il mare e grande!), spesso sottocosta dove paradossalmente i pericoli sono maggiori per se stessi e gli altri (e infatti la stragrande maggioranza degli incidenti avviene entro le 6 miglia dalla costa) ma ci si può navigare con molti natanti/imbarcazioni senza aver bisogno della patente.
    A mio parere Chi va per mare deve avere la certezza che l’imbarcazione che gli viene incontro conosca le regole della precedenza e come evitare gli abbordi in mare, deve sapere come utilizzare una radio o come prestare soccorso, come entrare in porto o leggere un portolano.
    Quindi sono del parere che, come per le automobili, tutti quelli che vanno per mare debbano avere la patente ed essere formati sulle proprie responsabilità di comandanti.
    Poi ci saranno ugualmente cattivi comandanti (così come ci sono pessimi automobilisti) ma probabilmente una maggiore coscienza delle proprie responsabilità e delle regole che governano la navigazione qualche vita la salverà e, fosse anche solo una, ne sarebbe comunque valsa la pena.

    1. Concordo con Giancarlo sulle caratteristiche che dovrebbe avere ch và per mare, ma, ahimé sono solo l’esperienza e la consapevolezza dei propri limiti che le possono dare. Ne parlo per esperienza diretta poichè lo scorso anno mentre ero ormeggiato al molo carburanti di un porto in Sardegna, in attesa di far carburante, sono stato investito in pieno da un grosso motoscafo di 15 m che, invece di mettere la marcia avanti per allontanarsi da me, ha messo la retro ed ha accelerato. Mi ha sfondato la poppa e, per un solo miracolo, non ha investito la persona che era seduta a poppa della mia barca. Inutile dire che il proprietario era munito della patente! Inutile pezzo di carta che da ai suoi possessori la certezza di essere buoni marinai.

      1. Purtroppo la patente non è la cura per la stupidità umana, ma è una base di sensibilizzazione alle regole. Sta all’intelligenza dell’individuo saperle far proprie nel rispetto di quell’ambiente (il mare) che probabilmente dice di amare.

  2. Paolo Maria Ciriani

    guarda che per terra ci sono la maggioranza delle persone che non hanno la patente eppure camminano o pedalano per le strade tranquillamente !!!
    Forse dovrebbe essere obbligatoria per i mezzi che superano i 9/10 Kn, ma ciò credo non eviterebbe gli incidenti che anche per terra avvengono regolarmente fra patentati.

    1. Ci sono patentati (di auto) che causano incidenti, ma se tutti guidassero senza patente ignorando le regole forse c’è ne sarebbero di più. Come ho detto la patente è solo una base che elimina un po’ di improvvisazione, ma sicuramente non ci salva dalla stupidità umana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

barca chiara ferragni

Ferragni o Fedez? Chi si prende la barca dei Ferragnez?

A chi andrà “Raviolo” dopo la separazione tra Chiara Ferragni e Fedez che ha fatto impazzire il web? Raviolo è il nome del motoscafo Riva in legno che la coppia, quando era ancora assieme, ha deciso di acquistare nell’estate del

Ecco il primo fuoribordo a idrogeno per le barche “normali”

Di motori elettrici, finora, ne abbiamo visti tantissimi. Dai piccoli di Torqeedo al potentissimo Evoy da 300 cavalli. Concentriamoci sui fuoribordo. In questo scenario entra “a gamba tesa” Yamaha (forte anche dell’acquisizione recente di Torqeedo) e sotto le luci dei riflettori

Torna su