Evinrude E-tec 40 cavalli: patente sì o no? Le ultime notizie

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Il 12 febbraio la Camera dei Deputati ha approvato l’emendamento per cui anche i motori fuoribordo a due tempi con 900 di cilindrata a iniezione diretta potranno essere condotti senza patente. In sostanza si potrebbe essere vicino ad una risoluzione positiva della “telenovela” che riguarda Evinrude E-Tec 40, gli unici motori a necessitare di patente perché, appunto, a iniezione, due tempi con una cilindrata di 864 cc. (QUI TUTTA LA QUESTIONE)

Evinrude E-tec 40 cavalli: patente sì o no?

Serve la patente per condurre un Evinrude E-Tec 40? Per ora sì! Fino al giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta Ufficialeniente è valido e ad ora in Gazzetta non c’è nulla. Ma andiamo con ordine. Il provvedimento è stato inserito all’interno del pacchetto legislativo “Milleproroghe”. Entro il 29 febbraio è previsto l’arrivo al Senato per poi diventare legge.

Il provvedimento, una volta approvato, sarà definitivo (niente più proroghe o altre soluzioni temporanee). Ad ora, però, non c’è nulla di certo, almeno finché non sarà approvato il “Milleproroghe” e non sarà pubblicato in Gazzetta ufficiale. A quel punto bisognerà attendere ancora un giorno e per poter circolare senza patente con un motore Evinrude E-Tec 40 cavalli. Prima di quel momento resta obbligatoria la patente.

Per chi è obbligatoria la patente nautica oggi

  • motori di cilindrata superiore a 750 cc se a carburazione o iniezione a due tempi;
  • motori a 1.000 cc se a carburazione o a iniezione a quattro tempi fuori bordo;
  • motori a 1.300 cc se a carburazione o a iniezione a quattro tempi entro bordo,
  • motori a 2.000 cc se a ciclo diesel non sovralimentato, o a 1.300 cc se a ciclo diesel sovralimentato, comunque con potenza superiore a 30 kW o a 40,8 CV.

Sanzioni:

Se ci si mette al comando di un’imbarcazione senza patente nautica – e quindi anche in caso di patente non conseguita, revocata o non convalidata per mancanza dei requisiti, sospesa o ritirata – si è soggetti alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da 2755 euro a 11017 euro. La sanzione è raddoppiata nel caso di comando o condotta di una nave da diporto

NAVIGA INFORMATO!

Per rimanere aggiornato su tutte le news sulla nautica, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter di Barche a motore! Basta cliccare il link qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di barche a motore! È gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno! CLICCA QUI

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Galeon 435 GTO

Galeon 435 GT: un cruiser veloce moderno in 12 metri

Tra le cinque barche al debutto al Miami Boat Show 2024 abbiamo menzionato modelli eterogenei per dimensioni e forma. Tra questa quella più “appariscente” a prescindere dalla lunghezza effettiva era probabilmente il nuovo Galeon 435 GT, 12 metri. Vediamo perché.

Torna su