Evoy all’attacco con un fuoribordo elettrico da 150 cavalli per spedizioni polari

Sealine SC42
Barche usate: tre coupé di 13 metri veloci e ancora attualissimi
26 Marzo 2020
Wondike, la casa d’aste italiana per vendere barche: ecco come funziona
27 Marzo 2020
Evoy fuoribordo elettrico
Evoy fuoribordo elettrico

Calandra del fuoribordo elettrico Evoy da 150 hp

L’azienda norvegese Evoy si prepara a lanciare un fuoribordo elettrico da 150 cavalli entro il primo trimestre del 2021. Il nuovo fuoribordo elettrico Evoy da 150 CV sarà in vendita quindi all’inizio del prossimo anno. Sarà subito utilizzato dalla compagnia di crociere norvegese Hurtigruten. La sua applicazione iniziale sarà lo Zodiac Milpro MARK 5, gommone standard per traghettare i passeggeri delle navi da crociera.

Articoli collegati:

I fuoribordo elettrici di Evoy 

Per ora ancora a livello di prototipo, il fuoribordo elettrico Evoy non è ancora commercializzato. Doveva essere presentato in anteprima ad un Salone Nautico norvegese, ma a causa della cancellazione, la prima mondiale sarà a Florø, Norvegia, durante il 2020. Questo fuoribordo avrà prestazioni equivalenti a quelle di un motore a benzina da 150 hp, ma con propulsione elettrica. I test che saranno effettuati durante l’estate e l’autunno del 2020 daranno i risultati finali sulle prestazioni e sull’autonomia.

Evoy ha già stabilito un record di barche elettriche, con il suo prototipo di motore fuoribordo elettrico da 90 CV che spinge una barca ad una velocità massima di 55 nodi. Tra il 2022 ed il 2023 arriveranno anche fuoribordo da 200 e da 300 cavalli, inizialmente per usi commerciali.

La visione di Evoy: dal lavoro al diporto

L’obiettivo di Evoy non è banale: vogliono eliminare le emissioni globali della nautica lavorando su una gamma di entrobordo e fuoribordo elettrici – da 75 a 670 kW (da 100 a 900hp) – per le barche da lavoro nell’industria dell’acquacoltura, per poi passare alle barche a scafo planante.L’idea di Evoy è nata nel 2003, spiegano sul sito. Il fondatore Stavøstrand è cresciuto in riva al mare con un padre, Gunnar, che è un imprenditore, falegname, allevatore di pesci e sviluppatore di prodotti marini. Dopo aver studiato Architettura Navale, Stavøstrand ha lavorato in varie aziende legate all’industria petrolifera norvegese, diventando CEO e Direttore Amministrativo di una delle aziende petrolifere e del gas del Gruppo INC.

Il suo sogno però era slegare la propulsione delle imbarcazioni dai combustibili fossili e di aiutare a proteggere i mari con cui è cresciuto. Nel 2017 sono arrivate le dimissioni ed è nata Evoy.

Il sito di Evoy

NAVIGA INFORMATO!

Per rimanere aggiornato su tutte le news sulla nautica, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter di Barche a motore! Basta cliccare il link qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di barche a motore! È gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno! CLICCA QUI

6 Comments

  1. Sauro ha detto:

    Tempi di ricarica
    Peso batteria/e
    Costi
    Dedicato a che carattistche di barca
    Grazie

    • Buongiorno Sauro,

      Come riportato nell’articolo “Questo fuoribordo avrà prestazioni equivalenti a quelle di un motore a benzina da 150 hp, ma con propulsione elettrica. I test che saranno effettuati durante l’estate e l’autunno del 2020 daranno i risultati finali sulle prestazioni e sull’autonomia.”

      Per ora non sono ancora stati rilasciati molti dati: doveva essere presentato in questi giorni ad un salone nautico norvegese, ma per ovvi motivi è stato rimandato tutto. Non appena ci saranno aggiornamenti circa le caratteristiche li pubblicheremo.

      Grazie e buona giornata,

      La redazione

  2. Biagio ALTOMONTE ha detto:

    SONNO NAUTICABISCEGLIESE@GMAIL.COM POTREBBE ESSERE UNA BUONA NOVITÀ PER LA NAUTICA BI

  3. Giorgio Antoniazzi ha detto:

    Ma quello in foto è L’Evinrude E-Tech! han cambiato le grafiche, ma la base è quella….

  4. Vincenzo ha detto:

    Peccato che come per le auto elettriche anche i motori elettrici per le barche le fanno costare il doppio, per non parlare il tempo di autonomia d tempo di ricarica, le ossidazioni saline su parte elettriche (già ora per un sensore rischi di restare in mare ed in mare non è che fai l’autostopista per tornare a casa), etc etc etc non siamo pronti.

  5. Antonio Masia ha detto:

    E levento dei motori elettrici ma con costi si sà eccessivi per il diportista, aspetteremo levento cinese?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *