Fairey Huntsman 28, la barca cult britannica anni ‘60 da 30 nodi (8.5 m)

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Fairey Huntsman 28
Fairey Huntsman 28

Secondo dopoguerra, oltremanica. In Inghilterra, parte dell’industria bellica, inizia ad “annusare” i principi di riconversione delle proprie produzioni, dando vita a nuove realtà. Tra queste la Fairey Marine ltd., che nasce sotto la guida di Sir Charles Richard Fairey e Chichester-Smith, già direttore esecutivo della Fairey Aviation (sì, quella degli aerei). Grandi appassionati di vela, decidono di convertire la produzione verso la cantieristica navale. Dapprima sono piccoli scafi a vela, poi il motore. È in questa seconda fase che nasce una leggenda, un’icona britannica: il Fairey Huntsman 28, un piccolo 8.5 metri con carena a V di Ray Hunt e capace di volare a oltre 30 nodi. È il 1960 e nasce un mito, una signora Classic Boat.

Fairey Huntsman 28

Progettato da Alan Burnard, il Fairey Huntsman 28 divenne presto uno scafo famosissimo, forte di ineccepibili qualità marine così come di notevoli qualità costruttive e velocistiche. Di derivazione aeronautica, era infatti uno scafo leggerissimo, ma solido, spinto a velocità importanti da motorizzazioni relativamente modeste, una coppia di Perkins T6.354 a sei cilindri. Fu impiegato quasi subito nelle competizioni offshore dove non smise di brillare. Oggi, diversi modelli navigano ancora  lungo le coste inglesi, spesso potenziati e capaci, sorprendentemente, di gestire velocità anche superiori i 38 nodi.

Fairey Huntsman 28
Fairey Huntsman 28
  • Hai una barca storica e significativa con più di 25 anni? Leggi quest’articolo!
  • Ti interessa l’argomento Classic Boats? Visita la nostra raccolta di articoli dedicati cliccando qui.

Fairey Huntsman 28 – Progetto

Con il piccolo Fairey Huntsman 28, in poche parole, si vede davvero nascere quello che sarà un mito del mondo britannico, uno scafo d’eccellenza, tutt’oggi apprezzato e ricordato a piacere. Per loro, è la Jaguar E-Type dei mari. Il segreto del suo successo? Intuizioni brillanti e saper fare di derivazione bellica.

Fairey Huntsman 28

Fondamentalmente, infatti, il piccolo 28 piedi è la quintessenza dell’ingegneria aeronautica sviluppata durante il conflitto. La carena è, sì, basata sulle tecnologie di Ray Hunt relative gli scafi a V profonda (qui un articolo di approfondimento), ma il suo grande punto di forza, in questo caso, sta proprio nella costruzione. Nel periodo appena precedente il conflitto, infatti, per la produzione aeronautica era stato sviluppato un processo detto “stressed skin”, capace di impiegare strati di compensato di betulla in sandwich con colle per dare forma, a caldo, su stampi maschi. Da questo processo erano ricavate ali e fusoliere, di buona resistenza e grande leggerezza. Nell’industria navale del dopoguerra si chiamerà “hot moulding”, esattamente l’adattamento impiegato da Fairey per la sua cantieristica.

Costruzione presso i cantieri Fairey Marine Ltd.

Le caratteristiche generali raggiunte da questi scafi sono molto interessanti:

  • scafo d’ottima fattura, resistente, leggerissimo;
  • carena a V profonda, prestante;
  • linee piacevoli, in pieno tono con il gusto regnante;
  • maneggevolezza d’eccezione.

Le corse offshore (alcune barche, addirittura sponsorizzate Ford) sono la ciliegina sulla torta, un motore ideale per il mercato del diporto. E il gioco è fatto.

Fairey Huntsman 28 – Ford

Coperta e volumi

Dal punto di vista estetico  il Fairey Huntsman 28 ripercorre la linea tracciata dal precedente 7 metri, l’Huntress, noto per essere usato da Sean Connery nel film 007 “Dalla Russia con Amore” mentre è inseguito proprio da un Huntsman 28. Il look è quanto mai classico, la quintessenza del “british” del periodo. Legno in abbondanza, lunga tuga rialzata e finestrata, piccolo parabrezza sopra di essa.

Fairey Huntsman 28 in 007; Dalla Russia con Amore

Due poltroncine servono la timoneria, mentre il resto del pozzetto è sgombro. All’interno, invece, non mancano bagno e cucina, con due divani a murata a fare da dinette, inframmezzati da un tavolo centrale. A prua, una doppia cuccetta. Ovviamente, i due divani sono cuccette supplementari. Insomma, tutto l’essenziale per un weekend fuoriporta, condensato in un cult da più di nodi in pieno spirito anni ‘60.

Interni

Scheda Tecnica

Lunghezza Fuori Tutto (LOA) 8.5 m
Baglio Massimo 2.67 m
Pescaggio 0.76 m
Dislocamento 3.3 t
Motorizzazioni disponibili 2x Perkins T6.354 6 cilindri Turbodiesel
Velocità massima 30+ kn
Posti letto 2 +2
Bagni 1
Design Alan Burnard
Contatti Fairey Marine

  • Potrebbe interessarti anche:

Rio Colorado (8m), una chicca di Classic Boat da 40+ nodi (1963)

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche