Il fuoribordo elettrico da 25 cavalli che sembra un motore termico

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

ZeroJet - Fuoribordo elettrico
ZeroJet – Fuoribordo elettrico

Un fuoribordo elettrico che pesa meno di 40 chilogrammi e ha un’autonomia di 14 miglia nautiche. L’ha appena presentato ZeroJet ed è già possibile preordinarlo sul suo sito. Ha una forma e una calandra in tutto e per tutto simili a quello di un motore endotermico, ma è alimentato da una batteria elettrica. Ecco com’è fatto.

Cosa fa ZeroJet

ZeroJet è un produttore neozelandese che ha il suo quartier generale nella città di Auckland. Si è fatto conoscere nel corso degli anni soprattutto per i suoi sistemi di propulsione jet elettrici “plug-and-play”. Infatti la forza di ZeroJet è che fornisce ai cantieri (tra i partner c’è il leader dei tender da lavoro Highfield Boats) un pacchetto completo che comprende – oltre al motore elettrico e alla sua batteria – tutta la componentistica accessoria, dalla timoneria alla manetta remota per il controllo dalla console o la barra per controllare direttamente il motore.

Che motore è il nuovo fuoribordo elettrico

Dopo essersi specializzata nei motori jet per gommoni e piccole imbarcazioni, ZeroJet si è concentrata sullo sviluppo del suo primo motore fuoribordo elettrico. Il motore che ha presentato ha l’aspetto molto simile a quello dei tradizionali motori fuoribordo termici che siamo abituati a vedere, ma sotto alla calandra c’è una batteria da 5 o 10 kWh che permette di avere – secondo il produttore – il miglior rapporto peso-potenza tra i fuoribordo elettrici a 48V. Il peso complessivo (batteria compresa) è di 38 chilogrammi e per una ricarica completa ci vogliono 3 ore, oppure 1 ora con l’opzione di ricarica veloce. L’autonomia misurata dal cantiere a bordo di un tender da 3,3 metri in alluminio con la batteria da 10 kWh è di 14 miglia nautiche a 16 nodi di velocità, mentre la velocità massima registrata nelle medesime condizioni è di 20 nodi. Il motore ha una potenza di 20 kW che il cantiere paragona a quella di un 25 cavalli termico ed è disponibile sia con gambo corto che con gambo lungo.

Scheda tecnica – Fuoribordo elettrico ZeroJet

Potenza 20 kW (25 hp)
Voltaggio 48V
Peso 38 kg
Batteria 5 kWh | 10 kWh
Tempo di ricarica 3 ore ricarica standard | 1 ora ricarica rapida
Velocità massima 20 nodi
Autonomia 14 NM a 16 nodi
Controllo Barra o manetta in console
Tilt Manuale e motorizzato
Piede S (38-43 cm) | L (50-55 cm)
Contatti zerojet.com

Il prezzo

Per chi fosse interessato ad acquistarlo è già attivo un preorder sul sito del produttore. Ci vogliono 100 $ per il deposito e 11.990 $ totali (circa 11.100 euro al cambio di oggi) per portarselo a casa, ma solo se siete tra i primi 300 ad ordinarlo. Il prezzo del fuoribordo elettrico di ZeroJet sarà successivamente di 17.990 $ (circa 16.600 euro, sempre al cambio di oggi). Le spedizioni partiranno a metà del 2025.


Potrebbe interessarti anche:

Questo yacht è una vera villa sull’acqua. Test dell’Astondoa Ax8 (24 m)

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

10 commenti su “Il fuoribordo elettrico da 25 cavalli che sembra un motore termico”

  1. Buon sera a tutti, con questi soldi (16000 euro ) ,compri un motore classico da 25 cv ( 4500 euro ) e ti rimangono 11000 euro per fare benzina (circa 5500 litri ) .
    A 3 litri l’ora di consumo medio e a sua volta 150 ore /anno di uso medio significa che quei 11000 euro extra di spesa ti permettono di usare il motore 10 anni .
    Scusate produttori svedesi ma per l’utente non capisco la convenienza di comprare quel motore a quel costo.

      1. esatto !!! prima o poi lo capiranno anche i produttori di motori elettrici marini che tentare di venderti la batteria al litio giá di per se stessa una bomba innescata a bordo non fa …. quando mi venderanno il solo motore e la batteria a noleggio battery swap system … allora forse … si ne varrá la pena .

  2. Marco Fabbricat

    Oltre a quello che sacrosantamente hai commentato voglio far notare che l’autonomia si riferisce ad un barchino in alluminio di 3,3 metri con quale carico? Sconosciuto ……E poi….spendi 16600 € per metterlo su un barchino che al massimo può essere un tender per due persone? In altre parole il green va bene solo se qualche industria ci può speculare? Quando la finiranno con queste prese per il c….o?

    1. Bona sera. Il Green va sicuramente incoraggiato, ma non solo ed esclusivamente con le tasche del consumatore. Siamo ancora molto lontani ad avere, da chi ne ha la competenza, degli stimoli interessanti per investire sul Green. Il prezzo del suddetto motore è assurdo.

  3. esatto !!! prima o poi lo capiranno anche i produttori di motori elettrici marini che tentare di venderti la batteria al litio giá di per se stessa una bomba innescata a bordo non fa …. quando mi venderanno il solo motore e la batteria a noleggio battery swap system … allora forse … si ne varrá la pena .

  4. Acque limpide? Sì!
    Spiagge pulite? Ad ogni costo!
    Mare inquinato? Guai!

    Poi quando si tratta di mettere mano al borsellino per far sì che i nostri figli possano godere del mare come facciamo noi… allora no! Si fanno i calcoli di quanto carburante fossile posso comperarmi per quella somma e continuare ad inquinare per i prossimi 10 anni. A pagare siano gli altri: noi vogliamo godere dei vantaggi senza ne sforzi ne costi.

    Ipocrisia infinita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Sessa Marine F60

Sessa F60, arriva un nuovo flybridge per la crociera (18.3 m)

Tra le anteprime mondiali previste per l’ormai vicino Cannes Yachting Festival, in programma dal 10 al 15 settembre, per gli appassionati sarà svelato anche un nuovo Flybridge sportivo di 60 piedi, firmato Sessa Marine. Slanciato nelle linee, lungo 17.93 metri