Sta arrivando l’erede del mitico G-Cinquanta di Sonny Levi. Si chiama G-Fifty

Infive rizzardi
Rizzardi INfive, saliamo a bordo della barca di 16 metri da 45 nodi – VIDEO
8 Ottobre 2020
Joker Clubman 28
L’Italia è il “primo” Paese al mondo esportatore di gommoni
9 Ottobre 2020
G-Fifty
G-Fifty

G-Fifty

Una delle barche più chiacchierate dell’estate è G-Cinquanta, il motoscafo voluto da Gianni Agnelli nel 1967. A luglio è tornato agli onori della cronaca per essere stato battuto all’asta per la cifra monstre di 450.000 € (CLICCA QUI). Ora la leggenda continua con il G-Fifty, un open di 14 metri in fibra di carbonio, velocissimo (80 nodi stimati) e con una tenuta al mare al top.

G-Fifty, l’erede del mitico G-Cinquanta di Gianni Agnelli

A raccogliere un’eredità così importante sono stati, dopo oltre 50 anni, gli studi Levi Designs e PMP Design (Pasquale Mario Passalacqua). L’obiettivo del progetto? Far rinascere un mito portando tutte le migliorie tecniche che la tecnologia di oggi consente. La base del G-Fifty porta ancora l’impronta di Renato Sonny Levi. È infatti il 2016 quando Sonny disegna una nuova carena con prestazioni e doti di tenuta al mare fuori dal comune.

G-Fifty, l’erede tecnologicamente al top del G-Cinquanta

Quando è nato, nel 1967, il G-Cinquanta aveva soluzioni sicuramente all’avanguardia, ma compatibilmente con le tecnologie del tempo. Oggi i 4 motori Vulcano, due con trasmissione in linea d’asse e due con trasmissioni V Drive, non sarebbero certo una soluzione ottimale. A quei tempi infatti la potenza dei benzina non superava i 500 cavalli. Oggi sarebbe impensabile, proprio per questioni di efficienza, non ricorrere ad una doppia motorizzazione tanto che i produttori propongono motori a benzina in grado di erogare oltre 1500 cavalli.

G-Fifty levi

Anche il fascino del lamellare in mogano, avveniristico ai tempi del G-Cinquanta, oggi lascia il posto alla fibra di carbonio ottimizzando le strutture con un’analisi FEM. Così il G-Fifty è in tutto e per tutto nel segno tracciato da Sonny Levi, ma con tutte le migliorie che la tecnologia di oggi garantisce.

G-Fifty, un mito come la Porsche 911

Quando si vanno a toccare i mostri sacri c’è sempre una percentuale di rischio. Dall’automotive, ma anche dal mondo della nautica, abbiamo esempi di miti che vengono reinterpretati con l’evoluzione del tempo, delle abitudini e delle tecnologie. La Porsche 911 è un esempio sotto gli occhi di tutti. Un altro può essere dato dai Gozzi 2.0 di Mimì che al Salone Nautico di Genova hanno convinto il pubblico con alcune scelte molto coraggiose.

L’obiettivo di Levi Designs e PMP Design è stato quello di creare una barca moderna il cui lo spirito ed il family feeling del G-50 fossero inconfondibili. Così è nato il nuovo G-Fifty.

Scheda tecnica della barca: G-Fifty

  • LOA: 14.6 m
  • B.max: 3.4 m
  • Engines: 2x Mercury Racing 600 SCI (or other)
  • Propulsion: Mercury Racing XR Sport Master
  • Hull Design: Levi Designs
  • Styling and Interior Design: PMP Design

 

L'articolo di Barche a Motore in poche parole
Sta arrivando l'erede del mitico G-Cinquanta di Sonny Levi. Si chiama G-Fifty
Di cosa si parla
Sta arrivando l'erede del mitico G-Cinquanta di Sonny Levi. Si chiama G-Fifty
I dettagli
G-Fifty, un open di 14 metri in fibra di carbonio, velocissimo (80 nodi stimati) e con una tenuta al mare al top. È l'erede del mitico G-Cinquanta di Gianni Agnelli. A raccogliere un'eredità così importante sono stati, dopo oltre 50 anni, gli studi Levi Designs e PMP Design (Pasquale Mario Passalacqua). L'obiettivo del progetto? Far rinascere un mito portando tutte le migliorie tecniche che la tecnologia di oggi consente. La base del G-Fifty porta ancora l'impronta di Renato Sonny Levi. È infatti il 2016 quando Sonny disegna una nuova carena con prestazioni e doti di tenuta al mare fuori dal comune.
Chi l'ha scritto
Pubblicato su
Barche a Motore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *