Astronave? No! È il super trimarano di 53 metri, Galaxy of Happiness

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Galaxy of Happiness
Galaxy of Happiness, foto di Marina Maistrello

Astronave? Idrovolante alieno? Macché! Quello che vedete in foto è Galaxy of Happiness. È un super trimarano di 53 metri varato nel 2016 da Latitude Yachts ed è una vera chicca del mare. All’inizio della sua carriera è stato il più trimarano grande del mondo. Ora il titolo di “largest trimaran in the world” è passato invece al superyacht White Rabbit, varato nel 2018. Ora armatore e ospiti si godono le vacanze estive in Toscana, a Baratti, dove è stato fotografato dalla nostra lettrice Marina Maistrello.

Galaxy of Happiness, il super trimarano a motore

Galaxy of Happiness, il super trimarano, è lungo 53 metri, ha un pescaggio di 2 metri ed è equipaggiato con due motori diesel MTU 16V da 2600 complessivi. Le linee non passano di sicuro inosservate e di sicuro uno yacht del genere non si vede tutti i giorni. Disegnato da Jean-Jacques Coste, è una delle barche a motore più iconiche nel mondo.

Se volete andare forte, potete: nonostante le dimensioni la sua velocità massima è di 30 nodi. La vera forza, però, è l’autonomia in crociera: 2300 miglia nautiche a 24 nodi. Può ospitare fino a 6 persone con 6 membri dell’equipaggio.

Galaxy of Happiness
Galaxy of Happiness, foto di Marina Maistrello

I vantaggi del trimarano Galaxy of Happiness

Il fatto che sia un trimarano le permette di consumare meno di un monoscafo classico. Secondo una stima utilizza fino al 40% di energia in meno per raggiungere la stessa velocità di uno yacht classico. Nonostante questo è anche più stabile e confortevole, sempre per ragioni di forma.

galaxy-of-happiness

La sorellastra della barca più bella del mondo, Adastra

L’anno scorso vi avevamo parlato di una barca d’eccezione in vendita: il trimarano a motore Adastra. La somiglianza con il gigante Galaxy of Happiness è evidente, anche se Adastra è “solo” 42.5 metri. Il primo proprietario è stato re dei trasporti il 70enne Antony Marden che se lo è fatto costruire nel 2012 dal cantiere McConaghy Boats su progetto di John Shuttleworth.

NON PERDERTI I MIGLIORI ARTICOLI! 

Per rimanere aggiornato su tutte le news sulla nautica, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter di Barche a motore! Basta cliccare il link qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di barche a motore! È gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno! CLICCA QUI

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Greenline 58 Fly

Le barche green “best-sellers” superano i 1.000 scafi venduti

Greenline Yachts, il costruttore sloveno di motoryacht di alta gamma, sta festeggiando il traguardo di oltre 1000 barche vendute, grazie al suo approccio unico alla nautica da diporto responsabile. Il cantiere sloveno Greenline Yachts, pioniere nel segmento delle imbarcazioni ibride,