Da Genova a Pavia, passando per Atene, con un “senza patente”

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Continua la voglia di viaggiare del Club del Gommone di Milano che con Suzuki e Marshall ha organizzato il raid Atene 2019. La partenza è stata due giorni fa da Genova, dove con un gommone Marshall M2 spinto dal DF40A di Suzuki, un motore che si può portare senza patente, è partito alla volta della Grecia, destinazione la capitale del paese.

2.700 miglia e 45 giorni di navigazione serrata attraverso fiumi e mari di cinque diverse nazioni. Una bella prova di forza per un motore “piccolo” come il fuoribordo 4 tempi di Suzuki. Mythos, invece, è il nome del Marshall M2, il battello pneumatico su cui si avvincederanno i 12 equipaggi del Club del Gommone di Milano.

Da Palermo a New York su un gommone di 11 metri

Il viaggio di Mythos

Atene, da cui prende il nome il raid, non è la destinazione finale, ma solo la prima “metà” del viaggio. Dopo 1.665 miglia di navigazione, una volta giunto nella capitale greca, “farà inversione” per tornare a Pavia risalendo il Po. Ma andiamo per gradi. Dopo esser partiti da Genova e aver circumnavigato la costa più di mezza Italia, Mythos prenderà il mare aperto per raggiungere Corfù da Otranto. Poi dal Pireo punteranno a Nord per risalire verso l’Italia, e Trieste, toccando Albania, Montenegro e Croazia. Da Trieste, 2.428 miglia dal via, ne occorreranno altre 272 per arrivare al traguardo di Pavia, dopo aver raggiunto Venezia e risalito il Po. Insomma, è un raid al quale non manca nulla per mettere alla prova l’affidabilità del binomio Marshall M2 + Suzuki DF40A, pur mantenendo una connotazione non competitiva, affrontato senza record da battere, solo per il puro piacere dell’andar per mare in acque splendide e posti ricchi di storia, cultura marinara e arte.

Un motore piccolo per grandi imprese

Nei due precedenti raid organizzati dal Club del Gommone di Milano, nel 2017 e 2018, uno stesso Suzuki DF40A, tenuto in forma dai soli interventi di manutenzione ordinaria, si è “bevuto” senza intoppi 4.181 miglia nautiche complessive, più di quelle necessarie per una teorica traversata atlantica. Un altro dato importante riguarda i consumi. Grazie al Lean Burn, il sistema a combustione magra di cui è dotato e che Suzuki rende disponibile su gran parte della propria gamma, i suoi consumi si abbattono del 16% e con essi le emissioni nocive.

A proposito di tema ambientale, l’organizzazione del raid ha annunciato l’adesione alla campagna “Cetacei, FAI attenzione! 2.0” dell’istituto Tethys, in collaborazione con il FAI e la Guardia Costiera, per il censimento dei cetacei nel Mediterraneo. A bordo di Mythos gli equipaggi hanno schede e prontuari per la valutazione dei cetacei che incontreranno lungo la rotta, e che al termine della navigazione saranno inviati all’Istituto.

Da segnalare, infine, la presenza di tre “quote rosa” fra gli equipaggi: Ketty Colturi sarà a bordo nella tappa Fiumicino/ Sapri; Enrica Perego sarà a bordo nel tratto Atene/ Corfù; Carla Gnemmi, già presente al raid “A Gibilterra in gommone” 2018, sarà a bordo nel tratto Dubrovnik/Pola.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

L'impianto di produzione di Chiavari - Sanguineti

Sanguineti cresce ancora e punta triplicare i ricavi nel 2026

Da una parte c’è una dimensione artigianale rappresentata da Sanguineti, un’azienda ligure di Chiavari con 65 anni di esperienza nella costruzione di equipaggiamenti ricercati e di alta qualità per superyacht. Specializzata nella produzione di passerelle, scale multifunzione, gru per tender,

Beneteau Swift Trawler 41

Come diventare skipper (in regola) e lavorare sulle barche

Lo aspettavamo da tempo e finalmente è arrivato. Ecco il decreto che spiega come si svolgerà l’esame per diventare “Ufficiale del diporto di II classe“. Questa nuova figura, pensata per l’Italia e le barche battenti bandiera italiana (anche adibite a