Da Genova a Pavia, passando per Atene, con un “senza patente”

Limo-Tender: ecco 8 limousine tender per superyacht
15 Aprile 2019
Aereo in difficoltà scarica 80 tonnellate di cherosene sopra il Mar Ligure
16 Aprile 2019

Continua la voglia di viaggiare del Club del Gommone di Milano che con Suzuki e Marshall ha organizzato il raid Atene 2019. La partenza è stata due giorni fa da Genova, dove con un gommone Marshall M2 spinto dal DF40A di Suzuki, un motore che si può portare senza patente, è partito alla volta della Grecia, destinazione la capitale del paese.

2.700 miglia e 45 giorni di navigazione serrata attraverso fiumi e mari di cinque diverse nazioni. Una bella prova di forza per un motore “piccolo” come il fuoribordo 4 tempi di Suzuki. Mythos, invece, è il nome del Marshall M2, il battello pneumatico su cui si avvincederanno i 12 equipaggi del Club del Gommone di Milano.

Da Palermo a New York su un gommone di 11 metri

Il viaggio di Mythos

Atene, da cui prende il nome il raid, non è la destinazione finale, ma solo la prima “metà” del viaggio. Dopo 1.665 miglia di navigazione, una volta giunto nella capitale greca, “farà inversione” per tornare a Pavia risalendo il Po. Ma andiamo per gradi. Dopo esser partiti da Genova e aver circumnavigato la costa più di mezza Italia, Mythos prenderà il mare aperto per raggiungere Corfù da Otranto. Poi dal Pireo punteranno a Nord per risalire verso l’Italia, e Trieste, toccando Albania, Montenegro e Croazia. Da Trieste, 2.428 miglia dal via, ne occorreranno altre 272 per arrivare al traguardo di Pavia, dopo aver raggiunto Venezia e risalito il Po. Insomma, è un raid al quale non manca nulla per mettere alla prova l’affidabilità del binomio Marshall M2 + Suzuki DF40A, pur mantenendo una connotazione non competitiva, affrontato senza record da battere, solo per il puro piacere dell’andar per mare in acque splendide e posti ricchi di storia, cultura marinara e arte.

Un motore piccolo per grandi imprese

Nei due precedenti raid organizzati dal Club del Gommone di Milano, nel 2017 e 2018, uno stesso Suzuki DF40A, tenuto in forma dai soli interventi di manutenzione ordinaria, si è “bevuto” senza intoppi 4.181 miglia nautiche complessive, più di quelle necessarie per una teorica traversata atlantica. Un altro dato importante riguarda i consumi. Grazie al Lean Burn, il sistema a combustione magra di cui è dotato e che Suzuki rende disponibile su gran parte della propria gamma, i suoi consumi si abbattono del 16% e con essi le emissioni nocive.

A proposito di tema ambientale, l’organizzazione del raid ha annunciato l’adesione alla campagna “Cetacei, FAI attenzione! 2.0” dell’istituto Tethys, in collaborazione con il FAI e la Guardia Costiera, per il censimento dei cetacei nel Mediterraneo. A bordo di Mythos gli equipaggi hanno schede e prontuari per la valutazione dei cetacei che incontreranno lungo la rotta, e che al termine della navigazione saranno inviati all’Istituto.

Da segnalare, infine, la presenza di tre “quote rosa” fra gli equipaggi: Ketty Colturi sarà a bordo nella tappa Fiumicino/ Sapri; Enrica Perego sarà a bordo nel tratto Atene/ Corfù; Carla Gnemmi, già presente al raid “A Gibilterra in gommone” 2018, sarà a bordo nel tratto Dubrovnik/Pola.

Cosa ne pensi?