H1 Panther, così l’Humvee è diventato un anfibio (che fa 35 nodi)

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Humvee H1
Humvee H1

Ne La Spia che mi amava, James Bond sfoggiava un’incredibile Lotus Esprit subacquea, mezzo tanto incredibile quanto inesistente, a differenza invece del nuovo H1 Panther, un meno elegante, ma decisamente più tangibile Humvee anfibio. L’azienda americana WaterCar è infatti riuscita nell’impresa di rendere anfibio il famosissimo Humvee, coniugando alle sue eccellenti qualità off-road, la possibilità di trasformarsi in veicolo planante. E le performance ottenute sono assolutamente invidiabili.

H1 Panther – Humvee

Per i fan del mercato e della sobrietà a stelle e strisce, arriva infatti questo piccolo prodigio sull’acqua, capace non solo di affrontare autostrade e off-road in 4×4, ma anche di planare a 35 nodi. Sarcasmo e battute a parte, l’H1 Panther di WaterCar è un prodotto oggettivamente affascinante e brillantemente progettato costruendo da zero su Humvee disassemblati.

H1 Panther
H1 Panther – l’Humvee Anfibio di WaterCar

H1 Panther – Caratteristiche

Mezzo militare per eccellenza, o forse consacrato tale da Hollywood, l’Humvee è comunque un all-terrain dalle qualità innegabili al servizio di diversi enti da ben oltre trent’anni. Virtualmente inarrestabile e capace di guadare acque particolarmente profonde, è stato chiaramente un punto di partenza tanto ideale quanto iconico per WaterCar, marchio produttore del cugino anfibio H1 Panther.

Humvee H1
Humvee H1

Partendo da Humvee completamente disassemblati, il marchio statunitense sostituisce la maggior parte delle componenti originariamente in acciai pesanti o ghisa con più leggero acciaio inossidabile. In un lavoro che complessivamente richiede oltre 2.000 ore di lavoro intensivo, l’intero complesso è poi sigillato da un coating epossidico, e installato sugli scafi progettati dall’azienda. Ovviamente, gli stessi scavi rispettano i più alti standard qualitatitivi e sono realizzati in alluminio 6061, qualità areonautica.

H1 Panther in assetto planante

La propulsione, componente fondamentale, è fornita da due distinte componenti, un Motore Chevrolet LS3 da 395 cavalli, e un Mercury Bravo 2 Outdrive che, nel complesso del tutto, producono oltre 35 nodi di velocità sull’acqua per oltre 96 miglia (83 mn) di autonomia. La transizione terra-acqua impiega solo 20 secondi, mentre 6 sono invece i secondi che corrono tra dislocante-stazionario a fase planante. Infine, dettaglio non indifferente, sono ovviamente a disposizione diversi modelli di Humvee con cui procedere alla conversione.

H1 Panter in planata
H1 Panter in planata

Insomma, se la prossima estate voleste saltare la fila per prendere il traghetto, e se vi avanzassero almeno 465.000$ e spicci per la benzina, forse l’H1 Panther è il mezzo che fa per voi. Se invece voleste solo saperne di più, o vederlo in azione in un paio di video, ecco il link al sito del costruttore: www.h1panther.com.


NAVIGA INFORMATO!

Per rimanere aggiornato su tutte le news sulla nautica, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter di Barche a motore! Basta cliccare il link qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di barche a motore! È gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno! CLICCA QUI

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

L'impianto di produzione di Chiavari - Sanguineti

Sanguineti cresce ancora e punta triplicare i ricavi nel 2026

Da una parte c’è una dimensione artigianale rappresentata da Sanguineti, un’azienda ligure di Chiavari con 65 anni di esperienza nella costruzione di equipaggiamenti ricercati e di alta qualità per superyacht. Specializzata nella produzione di passerelle, scale multifunzione, gru per tender,

Beneteau Swift Trawler 41

Come diventare skipper (in regola) e lavorare sulle barche

Lo aspettavamo da tempo e finalmente è arrivato. Ecco il decreto che spiega come si svolgerà l’esame per diventare “Ufficiale del diporto di II classe“. Questa nuova figura, pensata per l’Italia e le barche battenti bandiera italiana (anche adibite a