Le piattaforme sull’acqua italiane che trovi in tutto il mondo compiono 45 anni

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Pontili con galleggianti in calcestruzzo - Manoel Island - Malta - IngeMar
Pontili con galleggianti in calcestruzzo – Manoel Island – Malta – IngeMar

Era il 1979 quando Lorenzo Isalberti, appassionato di mare, decise di inventarsi un’attività che col mare avesse molto a che fare: costruire pontili galleggianti sull’acqua. Nacque così IngeMar, crasi di Ingegneria Marittima – le due passioni del fondatore – società che dal primo pontile galleggiante posato 45 anni fa ha continuato a realizzare strutture per porti e marina. Dalla sua sede di Casale sul Sile (Treviso) ad essere leader mondiale in questo settore.

In effetti il logo di IngeMar – partorito dalla matita di Bob Noorda, uno dei più grandi grafici del ‘900 in Italia – si può trovare oggi un po’ ovunque. Nel corso degli anni la società ha infatti sviluppato progetti e installazioni complessi nel panorama internazionale, definendo licenze esclusive per realizzare manufatti in paesi extraeuropei, collaborando con enti scientifici ed universitari come l’Università di Padova.

Nel corso degli anni sono cambiate le barche, evolvendosi anche e soprattutto dal punto di vista delle dimensioni, e di conseguenza si sono evoluti anche i pontili. Un tempo infatti una barca di 17-18 metri era considerata di grandi dimensioni, mentre oggi potrebbe essere annoverata quasi tra le “piccole”. Quindi pontili sempre più grandi ma che mantengano le stesse caratteristiche di solidità e praticità che hanno contraddistinto fin dall’inizio i prodotti IngeMar.

Tra le installazioni più recenti di IngeMar ci sono diverse tipologie di intervento. Per esempio per l’ampliamento dei marina di Albarella e di Piombino troviamo i pontili con galleggianti in calcestruzzo e strutture in acciaio o in alluminio, che sono stati utilizzati anche nei porti turistici di Tivat in Montenegro e dell’Isola Manoel a Malta. Nel Mediterraneo, lungo le coste della Croazia e della Slovenia troviamo invece i frangionda galleggianti in cemento armato, uno dei marchi di fabbrica di Ingemar, a Corfù (Grecia) sono stati installati i pontili flottanti con galleggianti leggeri mentre a Portovecchio (Corsica) è stato posato un pontile prefabbricato fisso ma rimovibile.

Pontili con galleggianti in calcestruzzo - Tivat - Montenegro - IngeMar
Pontili con galleggianti in calcestruzzo – Tivat – Montenegro – IngeMar

IngeMar però lavora molto anche al di fuori del Mediterraneo, in particolare grazie alla collaborazione con i licenziatari nei Paesi del Golfo. Questa ha permesso di realizzare, ad esempio, un nuovo approdo militare ad Abu Dhabi, un complesso galleggiante a Dubai, una flottiglia peschereccia in Oman e un progetto residenziale per case galleggianti in Kuwait.

L’impegno di IngeMar oggi è quello di realizzare strutture che siano non solo solide e resistenti, ma anche il più possibile accessibili per gestori ed utilizzatori. Da questa idea nasce la collaborazione con Madeit4All T1 Solutions per trovare il modo di progettare e produrre strutture accessibili per tutti con il marchio Marina for All.

Lorenzo Isalberti - Fondatore di IngeMar
Lorenzo Isalberti – Fondatore di IngeMar

Lorenzo Isalberti, fondatore di IngeMar ha commentato così l’importante traguardo dei 45 anni della società.

La nostra scommessa imprenditoriale puntava ad ampliare e rinnovare le risorse ricettive per il diporto nautico figlie di un’epoca passata, sostituendole progressivamente con moderne strutture galleggianti, meno invasive e più facili da installare e gestire nel tempo. La fotografia della portualità contemporanea ci dice che i nostri sforzi sono stati in buona parte premiati. Oggi nuove tecniche e nuovi materiali consentono di compiere un ulteriore salto di qualità e la nuova sfida é quella di rendere le strutture per il diporto nautico ancora più accessibili e confortevoli per tutti. Siamo grati a quanti all’interno e all’esterno dell’azienda ci hanno spronato e aiutato a migliorare, crescere e differenziare le nostre proposte nel tempo e anche a loro rinnoviamo il nostro impegno per rendere ancora più accoglienti gli approdi del prossimo futuro.


Potrebbe interessarti anche:

Miami Vice, 40 anni fa il primo episodio. Com’è oggi il motoscafo

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Maserati Tridente, questo è il primo motoscafo della Maserati

Tridente, questo è il nuovo motoscafo secondo Maserati

Maserati si lancia nel mondo delle barche a motore con Maserati Tridente, il primo motoscafo della casa modenese 100% elettrico. Sarà un 10 metri a propulsione elettrica sviluppato in collaborazione con Vita Power. La top speed promessa? 40 nodi e

Riva El-Iseo - In nav

Il primo motoscafo elettrico di Riva vola a 40 nodi

Si chiama El-Iseo il primo passo dello storico marchio di motoscafi Riva nel mondo dell’elettrico. Abbiamo dovuto attendere un po’, ma alla fine il risultato sembra un’imbarcazione davvero innovativa e un caso unico nel segmento dell’E-Luxury. L’impegno principale del cantiere, infatti,