Quando lo Stato italiano costruiva barche da diporto. Bora 103 (10 m) – Classic Boat

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Italcantieri Bora 103

Con il finire degli anni ‘60, Italcantieri, azienda a partecipazione statale, progetta e realizza una barca destinata a diventare un classico esempio della bontà della cantieristica nostrana. Si tratta del Bora 103, un piccolo grande progetto in vetroresina ricco per intuizioni, qualità ed equilibri di forma. Dotato di flybridge, due cabine e ampi spazi in coperta, si rivela subito un 10 metri dalle grandi doti. Inevitabilmente, una Classic Boat.

Italcantieri Bora 103

Caratteristico per il panorama italiano del 1968, il Bora 103 nasce fin da progetto come barca dotata di flybridge, una soluzione quasi inedita, in quanto la tendenza propendeva all’applicazione dei fly solo in secondi momenti, ispirandosi agli standard americani. Un dettaglio che si rivela importante per Italcantieri che ha così modo, fin da subito, di sviluppare uno scafo tanto spazioso all’esterno quanto all’interno. Il tutto, a beneficio anche delle linee, che risultano così equilibrate, anziché integrate da sovrastrutture successive. Ma vediamo più nel dettaglio questo pezzo di storia della nautica italiana.

L’articolo continua sotto.


Scopri i nostri articoli sulle Classic Boats! Ecco tutte la altre grandi barche:


Italcantieri Bora 103

Italcantieri – Cenno storico

La serie dei Bora è un esempio di imbarcazioni da diporto realizzata da un cantiere a partecipazione statale, l’Italcantieri. Il cantiere di Monfalcone era, però, una realtà già ben nota in Italia, tra le più antiche del paese e impegnata in vasta scala nella realizzazione di progetti mercantili e militari.

La serie dei Bora nasce, così, da insegnamenti di derivazione mercantile. Nel ‘59, infatti, il cantiere viene incaricato della costruzione di lance in vetroresina di cui dotare le navi che costruisce. Un’innovazione materica e tecnologica nuova, di cui Italcantieri ne fa tesoro, applicandone know-how ed esperienza, appunto, sul fronte del diporto. Nasce così la serie dei Bora e, nel 1968, a sostituire i Bora 3 e Bora 4 (ormai datati per linea e per scafo), vede così la luce anche il Bora 103.


  • Hai una Classic Boat da segnalarci? Parlacene nei commenti o raccontacela (allegando foto) a questo contatto mail: deluise@panamaeditore.it

Italcantieri Bora 103 – Esterni

Progettato per la piccola e media crociera, il Bora 103 fu una barca a motore di 10 metri razionale ed efficiente. La configurazione è così fatta: ampio pozzetto, parzialmente protetto dal fly, dal quale accedere sia a quest’ultimo, sia al quadrato, da cui è separato da una vetrata. Sul fly, piccolo per i nostri standard, ma allora canonico, trovano posto timoneria esterna e sedute, mentre, a prua, un ampio prendisole doppio forniva un’area lounge prodiera invidiabile.


Vi appassionano le barche classiche? Scoprite la nostra sezione Classic Boats.


Italcantieri Bora 103 – Interni

Venendo invece agli interni, il quadrato si presenta come uno spazio arioso e ben illuminato, fornito di diverse vetrate apribili, per favorire il ricircolo dell’aria. Qui, a sinistra, gli spazi offrono un mobile destinato alle stoviglie e, incassato con questo, trova posto anche la timoneria interna, essenziale ma funzionale al contempo. A dritta, invece, un divano è trasformabile in cuccetta mentre, un tavolo pieghevole, rende lo spazio fruibile come area pasti.

Italcantieri Bora 103 – Pianetti secondo un depliant pubblicitario d’epoca

Scendendo tre singoli gradini si accede poi alla zona notte, composta, sulla sinistra, da una cabina ospiti con due cuccette a castello e appendiabiti, e, a dritta, da una comoda cucina e da un bagno a doppio accesso (affacciato su corridoio e cabina armatoriale). A prua, infine, è presente la cabina armatoriale, spaziosa e dotata di due letti a murata a V.

Italcantieri Bora 103 – Costruzione

Il sistema Italcantieri con cui venne costruita l’intera serie dei Bora, compreso quindi anche il 103, e prevedeva l’utilizzo di stampi componibili capaci di evitare giunture tra scafo, ponte e tuga, realizzati in vetroresina. Lo scafo era poi rinforzato sul fondo da longheroni in cloruro di polivinile espanso, rivestito di poliestere rinforzato con fibra di vetro e costruito in sandwich. La coperta invece, tutta in fibra di vetro, era completata con finiture in teak. La carena, sempre in vetroresina, è a V profondo classico, con tre pattini longitudinali per lato, soluzione che garantiva, nonostante consumi non efficientissimi, buone prestazioni di navigazione.


  • Hai una barca storica e significativa con più di 25 anni? Scrivici e mandaci delle foto a deluise@panamaeditore.it Potresti vederla sul nostro sito!
  • Ti interessa l’argomento Classic Boats? Visita la nostra raccolta di articoli dedicati cliccando qui.

Italcantieri Bora 103 – Scheda tecnica

Lunghezza Fuori Tutto (LOA) 10.30 m
Baglio Massimo 3.35 m
Immersione a Pieno Carico 0.65 m
Dislocamento a Vuoto 5.000 kg
Motorizzazioni 2x Perkins 160 cv

2x GM 6V-53N da 216 cv

2x Aifo (Fiat IOM) da 220 cv

Velocità massima (2x GM 216 cv) 23 kn
Velocità di crociera 21 kn
Velocità di crociera economica 18 kn
Serbatoio carburante 2x 400 lt
Serbatoio acqua dolce 200 lt poi 320 lt
Posti letto 5
Cantiere Italcantieri

NAVIGA INFORMATO!

Per rimanere aggiornato su tutte le news sulla nautica, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter di Barche a motore! Basta cliccare il link qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di barche a motore! È gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno! CLICCA QUI


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Zodiac - X10CC - Render intero

Barca o gommone? Arriva il nuovo Zodiac X10

Si chiama X10 CC la nuova imbarcazione di Zodiac – la più grande che abbia mai costruito – nata dopo diversi anni di ricerca e sviluppo, che cerca di sorpassare il concetto di “barca semirigida” da sempre collegato al nome