La folle sfida: un uomo vuole attraversare l’Oceano su un metro di barca

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Un tempo, i marinai che avevano attraversato l’Atlantico potevano tatuarsi un veliero, ma senza le vele issate: quelle erano riservate solo a chi aveva doppiato Capo Horn. Oggi il gioco è rendere la traversata sempre più inusuale. Per esempio in solitario e su barche sempre più piccole, sulla scia di Alfred “Centennial” Johnson, pescatore americano nato in Danimarca, che nel 1876 (centenario dell’indipendenza Usa, da cui il suo nickname) navigò su una Dory, barca da pesca aperta di 6,1 metri, dal Massachusetts al Galles

«I made that trip because I was a damned fool, just as they said I was»

Che in italiano suonerebbe come: “Ho compiuto quel viaggio perché ero dannatamente matto, proprio come dicevano che io fossi”. Ecco la sua  risposta a chi, da vecchio chiedeva della sua iniziativa.

Il prossimo a tentare l’impresa sarà Matt Kent. Per raccogliere fondi per il programma di educazione ambientale Bioreserve proverà ad attraversare il grande mare dalle Canarie alla Florida con Undaunted una barca di soli 42” di lunghezza: cioè 1,06 metri. Immaginate voi come può essere stare da soli per quattro mesi in una scatola dove non potete neanche sdraiarvi… I primi esperimenti di navigazione di questa scatoletta in alluminio più alta che lunga, pesca 1,5 metri, con una vela quadra come propulsione, hanno messo in evidenza dei problemi di stabilità, quando il timoniere sedeva in coperta per tenere il timone, poi corretti. Certo, a 2,5 nodi di velocità massima previsti la traversata sarà dura. Così, al momento di partire, Undaunted sarà anche equipaggiato con un sistema AIS, GPS, telefono satellitare, equipaggiamento di sicurezza marino standard, pompe di desalinizzazione manuale per l’acqua potabile, una batteria da 105 ampere/ora, sistemi di ricarica solare e meccanica a manovella, 40 galloni di acqua potabile di emergenza e scorte alimentari per integrare un piano dietetico da 1500 calorie/giorno per un massimo di 130 giorni.

Al momento, però, a fermare da ormai qualche mese le speranze del giovane statunitense sono state le leggi e la guardia costiera di La Gomeira, alle Canarie: hanno richiesto un certificato di assicurazione sulla barca per un valore di almeno 300mila euro e una lettera della Guardia Costoera statunitense che afferma che la barca è stata dichiarata ed è attesa al termine della traversata. Per come si sono messe le cose pare che l’esperimento sia destinato a essere posticipato di qualche mese ancora.

Barche a Motore lo trovi in edicola, su iPad, iPhone 

e su tutti i tablet e gli smartphone Android.

se non vuoi perderti un numero e risparmiare 

ABBONATI SUBITO!

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Sistema di ormeggio autonomo - Brunswick-Apex

A.I. di bordo! Questo software ormeggia la barca al posto tuo

L’intelligenza artificiale sbarca nel mondo della nautica, con il progetto firmato Brunswick Corporation e Apex.Ai. Il gruppo americano di cui fanno parte – tra le altre – il marchio produttore di elettronica Navico, quello dei motori Mercury Marine e il

Torna su