Il primo amore non si scorda mai! Qual è stata la tua prima barca?

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Italcraft X-44 Super S
Italcraft X-44 Super S – Dall’archivio

Buon San Valentino a tutti. Nella festa degli innamorati, noi di Barche a Motore, abbiamo deciso di celebrare un momento speciale nella memoria di tutti quelli che vanno per mare: la prima barca. L’idea è nata vedendo il racconto di un ex velista, Fabio Ratti, sulla sua prima barca (a motore), un Baglietto Elba del 1961.

Una storia lettissima nell’ultima settimana che ha appassionato molti di voi e ha fatto nascere, anche nei commenti, un bello scambio di aneddoti. E allora eccoci qua: aprite il cassetto dei ricordi e, con un commento all’articolo o una mail a info@barcheamotore.com, fateci conoscere la storia della vostra prima barca! 

La prima barca è sempre speciale

La prima barca è un po’ come il primo amore, non si scorda mai. E anche quando passano gli anni ha sempre un posto speciale nel cuore. Vediamo due estratti di due “diverse” prime barche:

L’ex velista e il suo Baglietto Elba

Da velista d’epoca, armatore di una barca anni Sessanta ben più giovane di me, ho ben imparato a scegliere la rotta a seconda delle previsioni del tempo. Così quando la mia personalissima meteo mi ha suggerito di passare al motore, mi sono messo alla ricerca di un buon usato sui 12 metri, con un minimo di abitabilità, veloce, ma senza esagerare. Moderno, mi son detto. L’esperienza di una barca vecchia, nel bene e nel male, l’ho già fatta. […] Poi realizzo che sono pronto a passare dalla vela al motore, ma non a rinunciare al fascino di una barca bella.

Il Baglietto Elba dell'articolo in trasferimento
Il Baglietto Elba dell’articolo in trasferimento

Leggi qui l’articolo completo


“Gli italiani non le conoscono, ma meglio così. Ho fatto un ottimo affare!”

Un’altra bella storia, che avevamo raccontato sulla rivista, è quello di Enrico Conta e del suo Storebro Royal Cruiser 31 Adriatic. Anche lui, dopo la vela, aveva deciso di passare alle barche a motore. Era il 1987 e, da velista, passò al motore con un cantiere semi-sconosciuto in Italia. Ne seguirono quasi 30 anni di crociere indimenticabili.

Storebro Royal Cruiser 31
Storebro Royal Cruiser 31 Adriatic –

Leggi qui l’articolo completo


Ora tocca a te! Raccontaci la tua prima barca

Non contano le dimensioni, il valore economico, la velocità. Perché spesso è con la prima barca che ci si innamora del mare e della navigazione. E può essere anche la prima barca di famiglia, insomma, quella che ha più significato per voi.

Sei pronto? Scrivi un commento qui sotto o manda una mail a info@barcheamotore.com e raccontaci la tua prima barca!

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Riva El-Iseo - In nav

Il primo motoscafo elettrico di Riva vola a 40 nodi

Si chiama El-Iseo il primo passo dello storico marchio di motoscafi Riva nel mondo dell’elettrico. Abbiamo dovuto attendere un po’, ma alla fine il risultato sembra un’imbarcazione davvero innovativa e un caso unico nel segmento dell’E-Luxury. L’impegno principale del cantiere, infatti,