La sostenibile leggerezza dei pontili (galleggianti) che piace agli emiri

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

dubai grattacieli barche a motore

Il gruppo milanese di ingegneria marittima Ingemar ha firmato un accordo esclusivo di licencing con Oversease AST LLC, per la produzione e distribuzione in esclusiva negli Emirati Arabi dei manufatti galleggianti italiani più apprezzati nel mondo. L’accordo riguarda i più importanti prodotti Ingemar d’alta gamma: pontili, fingers e frangionda galleggianti di diverse dimensioni e dislocamento.

Il Gruppo Ingemar, con sede a Milano e aree produttive in provincia di Treviso, da 40 anni produce e pone in opera in Italia e all’estero pontili e frangionda galleggianti ed è oggi fra le pochissime aziende del settore con propria autonomia di produzione e attività di Ricerca & Sviluppo sviluppate all’interno con il coinvolgimento di importanti laboratori universitari.

Il made in Italy verso l’Oriente

Negli ultimi anni le tecnologie produttive e l’esperienza maturata sul campo hanno consentito al Gruppo di definire nuove soluzioni e di assemblaggio dei manufatti che si sono presto trasformate in altrettanti benchmark qualitativi a livello globale. Le sue soluzioni ingegneristiche e i suoi prodotti “Made in Italy” hanno conquistato regioni sempre più remote, passando dal bacino del Mediterraneo alle coste più lontane del Medio Oriente: in Irak, Kwait, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti.

Il Gruppo AST Oversease LLC da quasi 60 anni annovera importanti realizzazioni nei settori delle infrastrutture marittime, civili e industriali degli Emirati Arabi Uniti, può vantare un’esperienza consolidata nella realizzazione di importanti marina ed è coinvolto in avveniristiche installazioni infrastrutturali per un network consolidato di oltre 150 operatori/clienti primari nei Paesi UAE.

Fondata in Europa nel 1898, AST aprì una propria rappresentanza a Dubai nel 1959 e fu progressivamente acquisita da investitori degli Emirati (Khalifa Juma Al Nabooda of Dubai and Abdulla Mohammed Al Mazrouei of Abu Dhabi) che oggi ne detengono il 100% del capitale sociale. AST ha oggi conquistato una posizione preminente negli Emirati, con installazioni infrastrutturali in tutta la regione (Oil&Gas, petrochemical, energy, desalination, leisure and residential sectors throughout the region), base a Dubai e sedi operative a Abu Dhabi, Sharjah, Ras Al Khaimah and Ajman.

La storia di Ingemar

Lorenzo Isalberti, presidente e fondatore di Ingemar, ha commentato con orgoglio la nuova declinazione produttiva del Gruppo a Dubai: – “Grazie all’accordo commerciale con AST si apre una nuova era in cui le produzioni potranno essere delocalizzate e nella quale avremo la possibilità di ‘presidiare’ da vicino una delle regioni che vanta indici di sviluppo fra i più alti a livello globale. Siamo certi che le nostre produzioni beneficeranno della lunga esperienza di AST nel mondo delle infrastrutture civili ed industriali e che l’accordo porterà benefici concreti ad entrambi i nostri Gruppi.”

Analogamente Andrew Fanton, CEO di Oversease AST, ha sostenuto: “Questa alleanza strategica combina le riconosciuta capacità di Ricerca & Sviluppo e di design dei nostri partner italiani con la nostra esperienza nell’area e garantirà ai nostri clienti soluzioni innovative ed estremamente competitive”.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Ecco il primo fuoribordo a idrogeno per le barche “normali”

Di motori elettrici, finora, ne abbiamo visti tantissimi. Dai piccoli di Torqeedo al potentissimo Evoy da 300 cavalli. Concentriamoci sui fuoribordo. In questo scenario entra “a gamba tesa” Yamaha (forte anche dell’acquisizione recente di Torqeedo) e sotto le luci dei riflettori

Sistema di ormeggio autonomo - Brunswick-Apex

A.I. di bordo! Questo software ormeggia la barca al posto tuo

L’intelligenza artificiale sbarca nel mondo della nautica, con il progetto firmato Brunswick Corporation e Apex.Ai. Il gruppo americano di cui fanno parte – tra le altre – il marchio produttore di elettronica Navico, quello dei motori Mercury Marine e il

Torna su