La trappa viene su da sola: con Quick Jump mani e barca ringraziano!

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Immaginate di non sporcarvi più le mani quando recuperate la trappa, di non dover ricorrere a stratagemmi antipatici tipo legarla sulle draglie della barca vicina ogni volta che uscite di lasciare intonse le murate della vostra barca. E di poter ormeggiare in tranquillità anche da soli.

Tutto questo si può fare con Quick Jump, il nuovo sistema di recupero trappa automatico telecomandato: è formato un’unità centrale di alimentazione (246 x 215 x 162 mm), in plastica rinforzata (sull’unità è posto un piccolo pannello solare per la ricarica della batteria a 12v che alimenta i motori) e due boe autoaffondanti.

Vi basterà premere il pulsante del vostro telecomando e la cima di ormeggio risalirà automaticamente in corrispondenza del punto di abbittaggio in 10 secondi, e potrete anche scegliere la murata su cui intervenire per primi. Dovrete soltanto recuperarla con il mezzo marinaio et voilà! Una volta che avrete ormeggiato, le boette torneranno a fondo dopo 90 secondi.

Il kit Quick Jump comprende oltre all’unità centrale e alle boe: il telecomando; un caricabatterie ausiliario da usare in caso di scarsa esposizione solare; un tubo di alimentazione rivestito; il grillo per il fissaggio dell’unità in banchina; le fascette adesive rimovibili (per installazione delle botte e servono a fissare sulla trappa il punto di contatto con il pelo libero dell’acqua, poi potrete rimuoverle); due cime da 8 mm (nel caso in cui dovesse risultare necessaria la sostituzione delle trappe esistenti, perché queste risultano essere con diametro maggiore di 20 mm e per tanto non passanti nel foro presente nelle boette); una bomboletta di spray anti-vegetativo con cui trattare, in fase di installazione, le parti che vanno in acqua.

Il sistema si installa in 30 minuti e non richiede alcun tipo di manutenzione. Bastano 3 semplici step.

– Identificare un punto sulla banchina o sul molo e fissare l’unità centrale con il grillo in acciaio in dotazione.
– Installare i gavitelli di emersione alle cime di ormeggio o trappa e lasciarli in acqua.
– Collegare i tubi di alimentazione all’unità centrale

Una volta montato, il Quick Jump non dovrà più essere smontato, se non per essere disinstallato dal vostro posto barca, si ricarica in autonomia grazie ai pannelli solari ed è resistente e durevole.

Il kit con singola boetta costa 399 euro, quello con due 699. Potete ordinarlo o chiedere info direttamente QUI

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

barche usate natante cabinato

BARCHE USATE Vendono 4 natanti cabinati (fino a 8.9 m)

Barche per brevi crociere, l’ideale per chi passa da un piccolo open a qualcosa che gli permetta di dormire anche a bordo. Sono i natanti cabinati, scafi che nascono per unire il comfort della giornata sull’acqua ai piaceri del finesettimana

Questo è lo yacht dello sceicco che puoi avere anche tu

Lo sceicco Hamdan bin Mohammed bin Rashid Al Maktoum ha recentemente acquistato un Saxdor 400 GTO (12.4 metri), una barca del cantiere finlandese che si distingue per i suoi prezzi competitivi. Questo modello, più accessibile rispetto alla media di mercato,