Le barche in vetroresina? Si “riciclano” e diventano case

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

barche riciclo

Si chiama Rhode Island Fiberglass Vessel Recycling Project ed ha ricevuto già finanziamenti negli USA: il progetto sta mettendo a punto un sistema per trasformare le vecchie barche in vetroresina in disuso in… cemento per fare case.

Il clinker

L’idea non è campata per aria: “Le sostanze chimiche nella vetroresina imitano da vicino molte delle materie prime utilizzate nel cemento, come la silice e il calcio, e possono essere utilizzate per creare clinker (le “pietroline” che sono la componente base per la produzione del cemento, ndr)”, ha affermato il project manager Evan Ridley. La ricerca è stata ispirata da un programma tedesco che propone il riciclo delle pale delle turbine eoliche in fibra di vetro trasformandole in calcestruzzo.

Il progetto è sicuramente allettante, perché sono centinaia di migliaia le imbarcazioni, prodotte a partire dal 1967 in vetroresina, che attualmente sono in disuso e ancora non smaltite.

“I costi di lavorazione e trasporto devono ancora essere determinati”, ha dichiarato il prudente Ridley, “ma c’è grande curiosità sulla nostra ricerca”.

DA NOI? ALTO MARE!

Mentre negli States, a giudicare da questa iniziativa, si stanno organizzando per lo smaltimento delle “barche di plastica”, in Italia la rottamazione delle barche in vetroresina è un caos. Non esistono veri servizi di demolizione degli scafi in vtr perché il costo del disassemblaggio è maggiore rispetto al valore del materiale eventualmente riciclabile, al punto che, come ci aveva detto un operatore, “le barche inutilizzabili quasi conviene lasciarle affondare” (con gravissimi danni all’ambiente).

E, a giudicare dall’agenda del nostro governo, pare che il “fine vita” delle imbarcazioni non sia proprio all’ordine del giorno. Ma se il riciclo della vetroresina diventasse un business per il settore edilizio, siamo certi che cambierebbero le carte in tavola. Mai dire mai.

SCOPRI TUTTE LE NEWS A TEMA MEDPLASTIC

TEMPO DI AGIRE
Time to Take Action (tempo di agire) è lo slogan di Medplastic, il progetto del Giornale della Vela e di Barche a Motore per la salvaguardia del Mediterraneo. Iscrivetevi al gruppo Facebook MedPlastic Team, lì potete postare notizie, progetti, fotodenunce, video. Partecipate poi al contest Instagram NO Plastic (mandando una foto alla nostra inbox instagram – @giornaledellavela – o sul gruppo Medplastic Team, come hanno fatto tutti gli autori delle foto che vi mostriamo qui): premieremo le migliori testimonianze al VELAFestival 2019. In più, se avete progetti strutturati da proporre che pensate possano essere utili alla “causa”, mandate una mail a savethemed@gmail.comwww.medplastic.org

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

L'impianto di produzione di Chiavari - Sanguineti

Sanguineti cresce ancora e punta triplicare i ricavi nel 2026

Da una parte c’è una dimensione artigianale rappresentata da Sanguineti, un’azienda ligure di Chiavari con 65 anni di esperienza nella costruzione di equipaggiamenti ricercati e di alta qualità per superyacht. Specializzata nella produzione di passerelle, scale multifunzione, gru per tender,

Beneteau Swift Trawler 41

Come diventare skipper (in regola) e lavorare sulle barche

Lo aspettavamo da tempo e finalmente è arrivato. Ecco il decreto che spiega come si svolgerà l’esame per diventare “Ufficiale del diporto di II classe“. Questa nuova figura, pensata per l’Italia e le barche battenti bandiera italiana (anche adibite a