L’Hovercraft gigante sbarca in una spiaggia russa

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Sembra un film ma è tutto vero: un enorme hovercraft della marina militare russa, è sbarcato su una spiaggia affollata durante una tranquilla giornata di mare. Panico e confusione ma anche un pizzico di consapevolezza, perché la zona è riconosciuta come un’area militare, ed è da tempo segnalata come non balneabile. La vera domanda è quindi: perché tutta quella gente si trovava tranquillamente in una zona off limits?

Il video è comunque impressionante: l’hovercraft, della Classe Zubr e lungo 57 metri, sbarca senza nemmeno provare a decelerare in una spiaggia affolltata facendosi varco tra le persone senza causare, per fortuna, alcun ferito. Inutile sottolineare lo scalpore, anche mediatico, che la vicenda ha suscitato; perchè se è vero che la spiaggia era interdetta è anche vero che solo per un puro caso non c’è scappato il morto in uno sbarco quantomeno irruento del bestione

.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

barche a motore sotto

Lo splendido lato oscuro di una barca a motore – FOTO

Spesso di una barca si esaltano le linee, gli interni ed in generale tutto quello che riguarda l’opera morta di una barca, cioè la parte non immersa. Ma come appare una barca a motore vista sotto la superficie dell’acqua, magari