Lo yacht ibrido di Sunseeker e Rolls Royce arriverà nel 2020

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

 

barche sunseeker

 

Il 2020 sarà l’anno degli yacht ibridi: dopo che Volvo Penta qualche mese fa ha svelato un prototipo ibrido per il suo sistema di propulsione IPS, il produttore di yacht di lusso britannico Sunseeker International e Rolls-Royce hanno deciso di presentare il primo yacht equipaggiato con un sistema di propulsione ibrido MTU di produzione di serie nel 2020.

Il nuovo sistema sarà presentato prossimamente al salone nautico Boot Düsseldorf (19/27 gennaio).

Quasi 4000 cavalli potenza sul primo ibrido di serie

Il nuovo yacht Sunseeker avrà un sistema di propulsione integrato ibrido MTU. Quasi un totale di 4000 cavalli potenza che nascono da due motori diesel MTU serie 2000 da 12 cilindri (ciascuno con una potenza di circa 1.432 kW / 1.947 CV), generatori di bordo, moduli di propulsione elettrica, sistema di trasmissione, batterie, sistemi di controllo e monitoraggio e può essere ampliato su base modulare.

barche a motore yacht sunseeker rolls royce

Lo yacht sarà dotato di sei diverse modalità operative facili da utilizzare, tra cui le modalità automatizzate “smart hybrid” e “charge hybrid”, che consentono di utilizzare tutte le fonti di alimentazione secondo necessità. In una “modalità elettrica”, la propulsione dello yacht e la corrente elettrica a bordo possono essere fornite continuamente dai generatori, ottimizzando il consumo di carburante e il comfort a bordo per i passaggi lunghi e notturni.

In “modalità silenziosa”, che utilizza energia esclusivamente dalle batterie, sono disponibili fino a 40 minuti di propulsione e 120 minuti di alimentazione a bordo con ogni coppia di batterie MTU installate, senza emissioni.

 

“Quest’ultima tecnologia ibrida – ha spiegato Sean Robertson di Sunseeker – caratterizzerà un modello nuovo di zecca che verrà lanciato nel 2020 e consentirà ai proprietari di scegliere tra più modalità di funzionamento dalla soluzione completamente elettrica, con emissioni zero all’utilizzo dei due motori diesel a 12 cilindri che offrono prestazioni da leader di classe”.

“L’abbinamento di motori diesel e motori elettrici, oltre alle batterie e alle loro aree di applicazione variabili, offre ai proprietari di yacht vantaggi significativi”, ha detto Knut Müller, responsabile delle attività marittime e governative di MTU. “La crociera silenziosa, con bassi livelli di vibrazioni e di emissioni, offre enormi vantaggi in termini di comfort a bordo. Alti livelli di prestazioni, efficienza, compatibilità ambientale e flessibilità del sistema di propulsione sono di grande interesse oggi quando si utilizza uno yacht. Riteniamo che nel futuro dello yachting l’attenzione sarà sempre più focalizzata su soluzioni intelligenti e innovative, piuttosto che concentrarsi solo sul livello di potenza.”

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Mercury fuoribordo elettrici

I nuovi fuoribordo elettrici Mercury svelati ad Alghero. Eccoli

Mercury va avanti spedita verso l’elettrico con la nuova gamma Avator, e non si ferma alle piccole potenze. La conferma l’abbiamo avuta direttamente dal direttore generale di Mercury Italia, Alessandro Conti, durante l’evento “Vivere il mare in modo sostenibile” organizzata