“Così ho capito che tutti possono pescare”. Cronaca del Lowrance Trophy 2023

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Il Bertram 35 Flybridge "Drifter B" che ha partecipato al Lowrance Trophy 2023
Il Bertram 35 Flybridge “Drifter B” che ha partecipato al Lowrance Trophy 2023.

Due esemplari di buone dimensioni di Auxis Rochei, volgarmente conosciuto come tombarello, forse più conosciuto come Bonito. È questo il bottino che abbiamo portato con noi al nostro rientro in porto a bordo di Hakuna Matata, Settemari Fly 27 del 1997, dopo circa sette ore di gara – il Lowrance Trophy Fishing Tournament 2023, la mia prima gara di pesca – dall’alba fino alle 14.

Lowrance Trophy 2023 – Fishing Tournament

Appuntamento a Genova allo Yacht Club Italiano venerdì 6 ottobre, con il briefing agli equipaggi, la presentazione dei partner (quest’anno insieme a Lowrance e Bertram Yachts è salita a bordo anche Besenzoni) e la cena. Durante la serata conosco Luca De Prà, l’indomani salirò a bordo del suo Hakuna Matata per partecipare alla competizione nella categoria Pesca Costiera. “Mi raccomando, 6.10 qui in banchina. Abbiamo radler (miscela di birra e limonata), vino e focaccia”.

Barche al pontile allo Yacht Club Italiano prima della partenza all'alba
Barche al pontile allo Yacht Club Italiano prima della partenza all’alba.

Mi convinco presto che sarà una giornata divertente, anche se la sveglia alle 5 di sabato potrebbe scoraggiare anche i mattinieri. Ma funziona così, per andare in mare e in montagna bisogna svegliarsi presto, per pescare ancora di più. Sono il quarto (e ultimo…) a salire a bordo di Hakuna Matata. A bordo oltre a Luca ci sono Ginca e Giorgio, già in fermento per la partenza. Mi danno un antivento con i colori e il nome della barca, accendiamo il motore e ci avviamo verso l’uscita del porto. La gara parte alle 7 di sabato 7 ottobre, con una splendida (e caldissima, per la stagione) alba che illumina il Golfo di Genova. Noi piombiamo le lenze e prepariamo quattro canne solo con gli artificiali, come prevede il regolamento. Un mare piattissimo e poco pescoso ci accompagna fino alle 11 circa, quando arriviamo di fronte a Camogli.

Davanti a Recco il nostro primo strike

Cambiamo spesso spot, tiriamo su le canne, ripartiamo cercando altre mangianze, chi ad occhio nudo, chi con il binocolo. A bordo di Hakuna Matata c’è un HDS Lowrance da 10 pollici, in pozzetto abbiamo un tablet con il mirroring del sistema principale e teniamo sotto controllo profondità e fondale dall’ecoscandaglio. Mentre passiamo davanti a Recco e Camogli allestiamo un bel pranzo con vista sui delfini, che ci scortano nel rientro verso Genova. Poi ecco che una delle canne con la lenza piombata si muove, Ginca svelto la afferra e parte il combattimento.

Dopo pochissimi minuti ce l’abbiamo a bordo: il primo strike ci restituisce un bonito di ottime dimensioni. Lo slamiamo e lo mettiamo in vasca, prepariamo di nuovo la canna e ripartiamo fiduciosi. Purtroppo il resto della giornata ci restituisce solo un altro bonito e un paio di strike non andati a buon fine, perdiamo infatti i pesci durante il combattimento.

Preparazione delle canne nel pozzetto di Hakuna Matata
Preparazione delle canne nel pozzetto di Hakuna Matata.

Ci spostiamo parecchio all’interno dell’area consentita dal regolamento, cerchiamo le mangianze e seguiamo i gabbiani sotto ad un sole che appartiene più all’estate che all’autunno. Ci teniamo idratati, chi con il gin tonic, chi con una più tradizionale acqua frizzante. Capiamo che non è giornata e che ci dobbiamo accontentare delle nostre due catture, quindi ci avviamo verso il porto ancora prima che scatti la fine della gara, fissata per le 14. Rientriamo al pontile dello Yacht Club Italiano poco dopo le 14, e nell’ora successiva rientrano anche gli altri equipaggi.

L’articolo continua sotto


  • Potrebbe interessarti anche:

Bertram 31 (9.4 m), il primo vero Bertram, una Classic Boat cult


C’è chi ha fatto meglio di noi (anche molto meglio) ma anche chi ha fatto peggio (molto peggio, diversi hanno uno zero alla casella “catture”). Quello che mi stupisce però è lo spirito che si respira in banchina. Ovviamente chi ha fatto “cappotto” (cioè è rientrato a terra senza pesci) non ha un’espressione soddisfatta, ma tutto sommato l’atmosfera è più quella di una festa che quella di una gara. Nelle due ore successive rientrano anche le barche della categoria Altura, loro tutti senza pesci visto che la competizione prevedeva la modalità del “catch & release”. Alla fine ci sono dei vincitori, certo, e i premi sono anche molto importanti, tre chartplotter/fishfinder HDS Pro Lowrance per ciascuna categoria, ma quello che mi rimane è la sensazione che questa sia davvero una festa per tutti.

Una lampuga catturata da un eqipaggio durante la gara di altura. Il pesce verrà rilasciato dopo la misura
Una lampuga catturata da un eqipaggio durante la gara di altura. Il pesce verrà rilasciato dopo la misura.

L’elettronica “facile” ti aiuta a pescare

D’altronde le circa cinquanta barche iscritte (tra cui alcune provenienti dallo Yacht Club di Monaco) lo testimoniano: questo appuntamento piace perché aggrega pescatori esperti e meno esperti, tutti uniti dalla stessa passione. Aspettando la premiazione scambio qualche battuta con gli ambassador Lowrance presenti a Genova per la manifestazione, e mi rivelano che l’elettronica è una chiave fondamentale per avvicinare i neofiti a questo sport, e far sì che diventi un hobby e una passione per tante persone.

L'equipaggio di Lion's Bay ha vinto il Lowrance Trophy 2023 nella categoria Altura. Il premio è un chartplotter/fishfinder HDS Pro da 16 pollici
L’equipaggio di Lion’s Bay ha vinto il Lowrance Trophy 2023 nella categoria Altura. Il premio è un chartplotter/fishfinder HDS Pro da 16 pollici.

Uno di loro, Riccardo Fanelli, uno dei primi a perfezionare la tecnica della traina col vivo in Italia, mi rivela che l’arma vincente di Lowrance è la semplicità dei loro strumenti.

“Se lo strumento è potente, può fare una marea di cose diverse, ma l’interfaccia di base è molto intuitiva. Le funzioni principali sono semplici e disponibili dalla schermata principale, e chi è più esperto può esplorare lo strumento con le funzioni avanzate, provarle e utilizzarle in tutta la loro completezza. Ma un neofita riesce subito a capire come usare lo strumento: se sai usare uno smartphone sai usare anche un Lowrance”.

Non sono un pescatore neofita, non sono proprio un pescatore. Infatti la seconda parte della mia chiacchierata con Riccardo Fanelli, quella dove ha tentato di spiegarmi come la profondità del termoclino influisca sulla presenza della cernia bianca nel Mediterraneo, non la riporterò qui. Quello che mi rimane del Lowrance Trophy Fishing Tournament, però, è sicuramente la voglia di pescare un’altra volta!

Federico Rossi

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Sistema di ormeggio autonomo - Brunswick-Apex

A.I. di bordo! Questo software ormeggia la barca al posto tuo

L’intelligenza artificiale sbarca nel mondo della nautica, con il progetto firmato Brunswick Corporation e Apex.Ai. Il gruppo americano di cui fanno parte – tra le altre – il marchio produttore di elettronica Navico, quello dei motori Mercury Marine e il

Torna su