“Così ho reinventato la barca a motore di oggi” – L’intervista a Luca Bassani

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

6

Barche a Motore ha compiuto 30 anni nel 2020. Chi meglio di Luca Bassani, fondatore di Wally, può raccontare cos’è cambiato tra il prima e il dopo? Le sue barche hanno fatto da spartiacque e hanno contribuito a cambiare ed evolvere il mondo delle barche a motore. Abbiamo quindi deciso di intervistarlo e oggi potete vedere il video tra gli eventi della Milano Yachting Week! Guardala qui!

Luca Bassani, Wally e le barche a motore

Luca Bassani, 64 anni, è universalmente riconosciuto come uno delle barche a motore (e a vela) moderne, ideatore e costruttore di quei Wally, ambiti e apprezzati in tutto il mondo. Per la nautica, però, è anche tanto altro. La sua storia è li a dimostrarlo. Per questo il suo racconto è ricco di sorprese, aneddoti gustosi, retroscena inediti.

La prua verticale, le terrazze abbattibili, il pozzetto a prua e l’uso delle superfici vetrate. Tutte cose che nelle barche e negli yacht di oggi vediamo e diamo per scontate. Così come il fenomeno dei maxi-tender e delle MedBoat che tanto piacciono oggi. Dietro tutto questo c’è lui, Luca Bassani.

Tutto nasce dalla vela, dove il cantiere monegasco ha mosso i suoi primi passi. Poi un armatore un giorno gli chiese una barca a motore e da lì tutta una serie di intuizioni che hanno portato anche le barche a motore di Wally al top della nautica internazionale.

La murata abbattibile? Esisteva già all’inizio del 2000

In questa foto vediamo il WallyPower 118 nel 2002 e le sue murate abbattibili. Oggi sono diffuse e sono uno dei trend più importanti negli ultimi anni. A partire da questo 36 metri fatto costruire su misura oggi sono arrivate fino ad un 9 metri di larga distribuzione come il Beneteau Flyer 9. Questa è solo una delle tantissime intuizioni di Luca Bassani e Wally, che oggi la nautica ha assimiliato, facendole proprie: guardale tutte qui, nel bellissimo racconto-intervista a Luca Bassani.

Wallypower 118
Wallypower 118, foto di Gilles Martin Raget ©

CLICCA QUI E GUARDA SUBITO LA VIDEOINTERVISTA A LUCA BASSANI


SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DI BARCHE A MOTORE

Interviste, prove di barche, webinar. Tutto il mondo delle barche a motore, minuto per minuto. In video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

NON PERDERTI I MIGLIORI ARTICOLI! 

Per rimanere aggiornato su tutte le news sulla nautica, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter di Barche a motore! Basta cliccare il link qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di barche a motore! È gratis e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno! CLICCA QUI

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

barca chiara ferragni

Ferragni o Fedez? Chi si prende la barca dei Ferragnez?

A chi andrà “Raviolo” dopo la separazione tra Chiara Ferragni e Fedez che ha fatto impazzire il web? Raviolo è il nome del motoscafo Riva in legno che la coppia, quando era ancora assieme, ha deciso di acquistare nell’estate del

Ecco il primo fuoribordo a idrogeno per le barche “normali”

Di motori elettrici, finora, ne abbiamo visti tantissimi. Dai piccoli di Torqeedo al potentissimo Evoy da 300 cavalli. Concentriamoci sui fuoribordo. In questo scenario entra “a gamba tesa” Yamaha (forte anche dell’acquisizione recente di Torqeedo) e sotto le luci dei riflettori